Segnali di salute dai nostri rifiuti alimentari biologici

250
8

Carta-della-forma-cacca

Ho sempre creduto che le migliori analisi di salute su di noi si fanno sapendo osservare e leggere i segnali e  i sintomi che il nostro corpo ci mostra.

Un colorito pallido  ha dei motivi, così come delle bolle, l’acne  in una determinata parte del corpo o del viso ne ha altri.

Oppure dei capelli oleosi, oppure con forfora, hanno un significato.

Anche un raffreddore può presentare diverse forme di eliminazione e così le nostri rifiuti ,scarti alimentari che eliminiamo.

E vuoi per vergogna, vuoi per pudore di un intimità personale, proprio di questi segnali parliamo poco, se non quando abbiamo diarrea oppure non andiamo al bagno per via di “intasamenti” intestinali o nelcolon

Questi segnali e indicazioni che le nostre feci ci offrono, andrebbero invece conosciuti e analizzati meglio,  e sopratutto capendo il perchè e il percome si producono di una certa forma e colore.

Questo articolo non vuole essere esaustivo, ma solamente offrire un incoraggiamento a  prendersi più cura dei segnali del nostra corpo, seguendo il detto di un grande filosofo del passato che vale per la nostra psiche come per il nostro corpo biologico : ” Conosci te stesso”

Ecco una breve introduzione con un estratto dal libro Fruttalia:

Nessun animale….quando è nel proprio habitat lontano dall’influenza dell’uomo, ha necessità di
carta igienica’, perché la digestione del cibo ideale
avviene in maniera tale da preservare la pulizia durante la fase di espulsione……….
………….L’unico cibo in grado di essere digerito completamente e che crea un rifiuto
che non sporca le pareti intestinali è solo la frutta.
La pulizia delle pareti intestinali è un dettaglio spesso sottovalutato ma che
dovrebbe essere prioritario: non vedrete nessun animale che viva allo stato
naturale, avere l’ano sporco o pulirsi in alcuna maniera dopo aver defecato.

Domanda: ma se avete la necessità di pulirvi esternamente da residui
appiccicosi, non è che forse alcuni di questi residui sono ancora invischiati
all’interno e lì staranno per lungo tempo?

La Natura non ha creato la pianta della carta igienica, perciò ha fatto in modo
che il cibo ideale fosse, per ogni animale, assolutamente digeribile, che
ripulisse le pareti intestinali senza incollarvisi e venisse espulso senza lasciar
traccia.

Ed ecco una breve ma interessante analisi sui segni, forme e colori delle feci:
Un tema particolare di cui pochi parlano, ma quanto mai utile.
Una digestione ottimale si vede anche dalla nostra cacca!!! Ecco gli indicatori di una buona digestione:

ODORE:

Piu le feci hanno cattivo odore, più avete digerito male, una digestione ottimale produce cacca senza odore. Spesso invece le cacche hanno odori nauseabondi e forti, altre volte hanno un odore agro/acidulo.In entrambe i casi siamo in presenza di cattiva digestione e di una flora batterica interna non ideale.

COLORE:

Il colore non deve essere eccessivamente chiaro (marrone chiaro o giallognolo o color sabbia) o qualcosa è andato storto, le feci giallastre sono segno di qualcosa che non ha funzionato a livello del fegato, di solito insufficienza di bile con relativa cattiva digestione dei grassi.

CONSISTENZA:

Troppo dura che fa male espellerla o troppo molla sono entrambe manifestazioni di cattiva digestione, la cacca deve uscire agilmente dal sedere e deve avere una forma cilindrica, cioè come potete vederla nella foto n.4 consegno di spunta. Cacche poco formate o cacche a pallini sono entrambe segno di cattiva digestione.

ASPETTO ANO:

SE vi pulite e la carta è “sporca”  è segno di una digestione non ottimale.  Una buona digestione, invece produce feci con intorno una pellicola che da una parte facilita il passaggio della cacca per il sedere e dall’altro non fa sporcare il sedere. Una digestione ottimale fara si che quando con la carta vi pulite questa non si sporchi per nulla.  Guardate anche gli animali…riconosci che hanno diarrea o stanno male di intestino quando hanno il sedere sporco di cacca..altrimenti dopo la cacca i loro culetti sono perfettamente puliti. Cosi vale anche per noi. In natura non esiste la carta igienica e un intestino sano produce cacca che non lascia traccia sul sedere.


Ubuntu Fruit
CONDIVIDI
Articolo precedenteLa dieta ideale per l’uomo….. (Dieta Energia Alta)
Articolo successivoI nostri progenitori erano fruttariani ?
Luca Speranza, ricercatore e studioso di vita Naturale, benessere olistico e spiritualità. Sperimento e applico su di me, rimedi e sistemi semplici per ottenere o recuperare salute e benessere. Promuovo il Bio Movimento, alimentazione Fruttaliana (frutta e vegetali), scelte ecologiche e spiritualità attiva. Fondatore del progetto Ubuntu-Fruit, per la Rievoluzione armonica umana. Personal training, istruttore di Atletica leggera, Insegnante di autodifesa e Pancrazio. Master BMR (Bio Movimento Rievolutivo) Gestisco anche i siti www.innerclean.it e www.fruitness.it

8 COMMENTI

  1. Davvero non capisco tutta questa necessità di paragonare l’uomo con gli animali.
    Gli animali non si lavano i denti, provate a non farlo mai anche mangiando solo frutta e vediamo quanto resiste la vostra dentatura.
    Gli animali non scrivono, non leggono, non guardano la tv, non suonano strumenti musicali, non utilizzano veicoli per spostarsi, non preparano detergenti biologici per lavarsi, non indossano indumenti, non depurano l’acqua filtrandola o bollendola, non usano centrifughe e spremitori e via dicendo…
    L’uomo, e con lui il suo organismo, si è modificato durante i secoli, ha cambiato il suo comportamento sociale ed anche le abitudini alimentari con tutto ciò che ne consegue (la postura, la conformazione cranica e anche la digestione).
    In pratica l’uomo “sapiente” si è allontanato dall’uomo animale, perciò non ha più alcun senso continuare a paragonarlo ad esso.
    Detto ciò è sicuramente vero che la conformazione delle feci dia indicazioni sullo stato di salute dell’apparato gastrointestinale, ma anche mangiando solo frutta se doveste andare in giro nudi d’inverno o doveste bere l’acqua delle pozzanghere (come fanno gli animali) vi sfido a non soffrire di diarrea 😀

  2. Ciao Paolo, uno dei principi della filosofia di Fruttalia è quello di osservare la natura e capirla con buon senso. Quindi capire come potremmo e dovremmo essere migliori se ci riavviciniamo ad essa.
    Molti di noi hanno un alimentazione frutto vegetale crudista e non si lavono i denti perchè non ne hanno bisogno e non solo la dentatura è migliorata, ma non abbiamo più problemi alle gengive ne sanguinamenti e i denti sono anche naturalmente più stabili.
    Il fatto che noi leggiamo, guardiamo la tv, utilizziamo veicoli per spostarsi, usiamo detergenti biologici, indossiamo indumenti(anche pesanti), beviamo acqua (invece che mangiare crudo vegetale), o usare strumenti tecnologici vari… è innaturale e ci ha allontanato di molto dal nostro ambiente naturale e conseguentemente dalla salute e dal benessere.

    In relazione agli animali, viviamo di meno e siamo sempre ammalati.
    L’uomo medio perde i denti e i capelli, la postura, il tono muscolare, e vive quasi in simbiosi com medici ospedali e medicine.
    Se osserviamo la natura vediamo invece che tutti gli animali che vivono in natura, sono in salute con ottimi toni muscolari, non hanno raffreddori, e sopratutto vivono circa 7 volte lo sviluppo completo della loro maturità, così per il cane , per il cavallo etc…e cosi dovrebbe essere per noi umani.
    Infatti se l’uomo vivesse più vicino alla natura, come gli Hunza , o i centenari di vilcabamba, potrebbe avvicinarsi a questo limite biologico che matematicamente è circa 140/160 anni (20 anni maturita uomo x 7 = 140 anni).

    L’uomo, il suo organismo, si è modificato durante i secoli, peggiorando e pagando queste trasformazioni con una vita inferiore e di peggiore qualità in termini di salute.
    Ha pagato con le moderne malattie il cambiamento delle sue abitudini fruttariane originarie.
    Quindi noi non ci paragoniamo all’uomo animale, ma vediamo che l’uomo animale aveva delle caratteristiche molto valide ed efficientemente salutari che potrebbero essere riappropriate.
    Perciò il senso è quello …la salute si guadagna solo seguendo madre natura e non ignorandola o peggio ancora combattendola.
    Detto ciò è sicuramente doveroso dire e ripetere che chi come noi mangia in alte percentuali cibo crudo vegetale non ha bisogno di bere acqua ne dal bicchiere ne dal rubinetto ne tantomeno dalle pozzanghere.
    E anche andare nudi d’inverno non è nostra intenzione in quanto il clima in cui viviamo non è il nostro clima ideale tropicale.
    Per questo uno dei progetti di Fruttalia è l’ecovillaggio Ubunto ai tropic Brasiliani.
    Nei tropici punto di origine della nostra specie, non si avrebbe bisogno di usare i vestiti come invece qui d’inverno 😀

  3. vorrei avere qualche chiarimento sulla pratica della pulizia del colon, spesso citata negli scritti Esseni, ho confusione in merito, non ha niente di naturale ma viene fatta apparire necessaria per mantenere il corpo sano

    grazie

  4. Ciao Nanà, si neanche io considero più l’utilità di questa pratica invasiva della pulizia del colon tipo idrocolon o enteroclismi, a meno che non la si consideri un emergenza per un corpo gravemente intossicato a tal punto di essere bloccato nelle evacuazioni e quindi come terapia d’urto iniziale da accompagnare a mini digiuni succhi verdi e dieta crudista

  5. Luca , la tua analisi ed i tuoi commenti non fanno una piega. Ti seguo e ti stimo e grazie ai tuoi suggerimenti sto molto meglio. Ancora non sei compreso dai più, ma è solo una questione di tempo. In una società che ti vuol far dipendere dai farmaci e che ti lava il cervello (non i denti) , la tua missione è ancora più difficile. Continua così, fratello.

  6. Grazie mille a te carissimo…..stiamo proponendo un grosso salto per la maggioranza, ma è fattibile ….dobbiamo solo avere pazienza.
    Sento molto il tuo sostegno e mi fa piacere e mi da forza. Un forte abbraccio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here