Quando mangi è per vera Fame ?

161
0
Quante volte decidi di nutrirti perché il tuo corpo, e non la tua mente, te lo chiede ? Se presti attenzione, noterai che molte volte mangi semplicemente per routine, altre per piacere o semplicemente per distrarti. Allo stesso modo, il cibo è un modo per evitare problemi, nonché il modo per eccellenza di socializzare.
QUANTE VOLTE MANGIATE DAVVERO CON VERA FAME ?
La vera fame è il richiamo naturale al mangiare che indica che gli organi della digestione sono in grado di ricevere e digerire il cibo. È una sensazione piacevole che di solito è accompagnata da prontezza e buonumore, aumenta di intensità anche se viene ignorata, e non è guidata dal desiderio di un alimento specifico.
Al contrario, l’appetito o la falsa fame appare e scompare. Di solito è accompagnato da debolezza, affaticamento fisico, mal di testa ed è guidato dal desiderio di un alimento o prodotto specifico. La fame falsa o emotiva è più una rivendicazione della mente che del corpo.
Poiché il corpo non lo ha chiesto, questo cibo non può essere assimilato correttamente poiché il sistema digestivo non è ancora pronto per essere digerito. Né ti lascerà soddisfatto perché il corpo non ne ha bisogno ed è per questo che si mangia troppo con i conseguenti problemi. Questo tipo di cibo diventa un problema.
Perché è difficile per noi controllare la fame emotiva?
Il mangiare emotivo è un modello consolidato fin dall’infanzia, quando iniziamo (quasi sempre nelle mani dei nostri genitori) a calmare o evitare certe emozioni negative (senso di colpa, ansia, paura, ecc.), Oppure a cercare stimoli per combattere la stanchezza e noia, ricorrendo a prodotti come cereali, zucchero, cioccolato, amidi, ecc. Allo stesso modo, è comune compensare i bambini per le loro buone azioni con dolci, ninnoli, cioccolatini, caramelle, pasticcini, ecc.
Questi alimenti non sono affatto innocui; Hanno componenti che esercitano un effetto “sedativo”, “eccitante”, “irritante” o “stimolante” sul sistema nervoso, indirizzando l’energia che abbiamo utilizzato in precedenza per trasmettere emozioni verso la digestione e l’eliminazione di questi elementi tossici.
Quanto prima si usa un farmaco, tanto più difficile è sradicare la dipendenza. Più una droga è accessibile, popolare, economica e socialmente accettata, più difficile è superare la dipendenza. Ecco perché i disturbi alimentari sono i comportamenti di dipendenza più difficili da superare, ma sono anche i più difficili da rilevare.
Apportando cambiamenti e adottando una dieta più sana, mentre il corpo si purifica, dobbiamo mangiare di meno. Il cibo non può più essere l’atto che ordina e guida le nostre vite. Molte persone sperimentano un vuoto: hanno così tanta energia improvvisamente disponibile che non sanno in cosa investire. Diventano consapevoli delle carenze che esistono nella loro vita e di ciò che vogliono veramente avere o essere; così come quello che non amano nella loro vita.
Ognuno deve fare il lavoro di chiedersi e rispondere in ogni momento a ciò di cui ha bisogno: né cibo, né sostanze tossiche, né altre persone possono farlo per noi. E se lo rimandiamo, ci priviamo semplicemente della soluzione; cioè vivere una vita più piena.
I disturbi alimentari sono in parte malattie dello spirito, delle emozioni. Il problema, tuttavia, non è nelle emozioni;
Tutte le emozioni sono normali, svolgono la loro funzione informandoci come ci sentiamo in ogni momento. Il problema è nelle nostre relazioni con le nostre emozioni, spesso stabilite da paradigmi di pensiero autodistruttivi. Perché sono caratterizzati questi paradigmi di pensiero? Principalmente dall’auto-sfruttamento fisico e mentale e dall’abnegazione delle proprie emozioni, bisogni, credenze e desideri.
La maggior parte delle persone con disturbi alimentari sono persone di grande spessore etico, di estrema sensibilità, molto esigenti con se stesse, che tendono al proprio sfruttamento fisico e mentale e all’auto privazione del riposo e si concedono compiacimento. È difficile per loro stabilire dei limiti, accettare che è fuori dalla portata della natura umana fare tutto, fare tutto bene, fare tutto bene all’inizio, fare tutto in una volta o fare tutto perfettamente.
Si sentono moralmente obbligati a soddisfare le aspettative che gli altri hanno, o immaginano di avere, nei loro confronti, aspettative generalmente illimitate; Trovano difficile dire di no e sono facilmente tormentati da sentimenti di colpa e ansia verso gli altri (per non fare più cose, farle meglio, ecc.).
Jose ’Antonio Garcia (naturopata igienista)
Leggi anche l’altra nostra pubblicazione sulla vera fame (Clicca Qui o sulla foto sotto )

Macrolibrarsi
Bio Movimento
Raw Food
Articolo precedenteMearthing 5 edizione 20 settembre Roma
Luca Speranza, ricercatore indipendente e studioso di vita Naturale, benessere olistico e spiritualità. Sperimentatore di rimedi integrati e sistemi semplici per ottenere o recuperare salute e benessere. Ideatore del Bio Movimento Ri-Evolutivo, Personal Training. Istruttore di Atletica leggera, Insegnante di autodifesa e Pancrazio. Ideatore e Co-fondatore del progetto Ubuntu per Ri-Evoluzione Armonica Umana, per l' applicazione di scelte ecologiche, indipendenza energetica, auto-costruzioni e creazione con materiali naturali o di riciclo e Riuso. Gestisco anche i siti www.innerclean.it e www.ehretismo.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here