Le origini di Fruttalia e il suo futuro

23
0

 

 

Un caro saluto a tutti gli amici di Fruttalia.

Molte persone ricevono per la prima volta questa newsletter, perché abbiamo avuto il piacere di conoscerli al VeganFest2011 a Camaiore.

 

A un anno dalla nascita del sito, Fruttalia raccoglie i successi che sono arrivati grazie al lavoro di persone come Luca Speranza, Silvio Sciurba e Dario De Gese, che hanno saputo dare forma a un progetto che sempre di più fa vedere i propri… frutti!

 

Nel 2006, inizia l’avventura di due giovani che hanno conosciuto il dott. Ehret e i suoi insegnamenti e attraverso l’applicazione dei suoi studi e delle sue scoperte hanno migliorato il loro stato di salute e risolto molti disturbi fisici. Da quel punto sono iniziati vari studi di approfondimento ed esperimenti su loro stessi che hanno portato alla nascita prima del sito poi del libro e del metodo Fruttalia

 

Voglio ricordare con molto orgoglio le origini su cui ha poggiato la nostra formazione, ma sono fiero di dire a tutti che il progetto Fruttalia, il libro e il metodo che abbiamo sviluppato, sono l’evoluzione e il punto di arrivo di esperienze molto più ampie ed attuali.

 

Ringrazio Ehret per essere stato il nostro Virgilio, ma da questo punto in poi, il nostro cammino procede da soli.

 

Le esperienze di tutti noi e voi, le nuove scoperte scientifiche, una nuova società e anche una maggiore etica, ci spingono ad essere coerenti con il nostro spirito e ad aggiornare un modello che oggi non è in grado di soddisfare pienamente le nostre aspettative.

 

Invito tutte le persone che hanno intenzione di sviluppare questa tematica, ad iscriversi (tramite il nostro sito www.fruttalia.it) e frequentare il nostro forum che è giovane, ma che già promette di essere il prossimo punto di riferimento per chi vuole ricercare benessere e salute con il metodo più naturale possibile, con tutto il buon senso possibile e sopratutto con il pieno rispetto per i diversi punti d vista.

 

Ehret è stato per molti, noi compresi, un grande esempio, ma non dimentico che, come disse anche lui, è la Verità che ci deve guidare e non dobbiamo aggrapparci alle vecchie concezioni.

Oggi, a un secolo di distanza, le nuove scoperte ci portano ad un nuovo metodo, che eredita da Ehret gran parte della conoscenza, ma che si evolve per comprendere meglio l’uomo nella sua totalità.

E sopratutto crediamo in un metodo lontano dal rigidismo e dalla religiosità, chiusa e settaria, mentre invece crediamo nella piena condivisione e scambio di idee sempre con rispettto e gentilezza.

Crediamo poi nel nutrimento fatto con amore, gioia e allegria, crescendo nell’evoluzione, verso un sempre più pieno spirito FRUTTALIANO !!

 

Col metodo Fruttalia, infatti, si prendono in considerazione importanti aspetti psicologici che al tempo di Ehret non erano conosciuti o ancora troppo sottovalutati.

 

Ti invitiamo, cara lettrice e caro lettore, a condividere il progetto Fruttalia con i tuoi amici, per far conoscere il metodo che può aiutarli a migliorare la loro cultura sull’alimentazione e la loro salute.

 

Come fino a ieri eravamo fieri di dire “sono Ehretista”, da oggi siamo felici di dire “Io sono Fruttaliano”.

 

 Silvio Sciurba

Raw Food

Ubuntu Fruit

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here