Fratellanza umana sulla Terra e la Natura dello scorpione,

201
0

A volte ci scontriamo con persone “cattive” , pericolose, persone odiose che non sopportiamo, di cui potremmo lamentarci per la loro ingratitudine rispetto ad aiuti ricevuti in passato. Ma troppo spesso, non pensiamo o ci scordiamo che siamo tutti fratelli, sullo stesso piano esistenziale qui sulla terra. Sono esseri con il loro bagaglio karmico che purtroppo hanno incarnato sentimenti, emozioni comportamenti non ideali alla fratellanza universale. Per questo vorrei porre l’attenzione su questo importante aspetto di comprensione e tolleranza umana specie per chi come noi sta costruendo un progetto come lo Spazio e l’univillaggio Ubuntu in cui si prevedono intensi rapporti sociali continui con molti abitanti o partecipanti del progetto.  Uno dei modi che preferisco per raccontare e far riflettere e l’uso delle storielle, parabole, racconti Zen, che riescono a mostrarci o ricordarci con esempi e chiare metafore con una morale, la nostra vera natura. E in questo caso ho trovato le più adatte che hanno come tema in comune “la natura dello scorpione”

Un maestro zen vide uno scorpione annegare e decise di tirarlo fuori dall’acqua.
Quando lo fece, lo scorpione lo punse.
Per l’effetto del dolore, il padrone lasciò l’animale che di nuovo cadde nell’acqua in procinto di annegare.
Il maestro tentò di tirarlo fuori nuovamente e l’animale lo punse ancora.
Un giovane discepolo che era lì gli si avvicina e gli disse:
” mi scusi maestro, ma perché continuate??? Non capite che ogni volta che provate a tirarlo fuori dall’acqua vi punge? ”
Il maestro rispose:
” la natura dello scorpione è di pungere e questo non cambierà la mia che è di aiutare.”
Allora, il maestro riflette e con l’aiuto di una foglia, tirò fuori lo scorpione dell’acqua e gli salvò la vita, poi rivolgendosi al suo giovane discepolo, continuò:
” non cambiare la tua natura se qualcuno ti fa male, prendi solo delle precauzioni. Perché, gli uomini sono quasi sempre ingrati del beneficio che gli stai facendo. Ma questo non è un motivo per smettere di fare del bene, di abbandonare l’amore che vive in te.
Gli uni perseguono la felicità, gli altri lo creano.
Preoccupati più della tua coscienza che della tua reputazione.
Perché la tua coscienza è quello che sei, e la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te…
Quando la vita ti presenta mille ragioni per piangere, mostrale che hai mille ragioni per sorridere.”

Questa invece  è la versione dello scorpione con la rana:
Uno scorpione chiede ad una rana di lasciarlo salire sulla sua schiena e di trasportarlo sull’altra sponda di un fiume; in un primo momento l’anfibio rifiuta, temendo di essere punta durante il tragitto, ma l’aracnide argomenta in modo convincente sull’infondatezza di tale timore: se la pungesse, infatti, anche lui cadrebbe nel fiume e, non sapendo nuotare, morirebbe insieme a lei. La rana, allora, accetta e permette allo scorpione di salirle sulla schiena, ma a metà strada la punge condannando entrambi alla morte; quando la rana chiede allo scorpione il perché del suo gesto folle, questi risponde: “È la mia natura.
Siate sempre felici, non perdete mai la voglia e la capacità di aiutare, semplicemente siate più prudenti.
Grazie
Commenti
Luca Speranza

Scrivi un commento…
Cristiano Gnostico ha condiviso il post di Sandy Atzeni.

7 h ·

L'immagine può contenere: una o più persone e sMS
Raw Food

Ubuntu Fruit

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here