consigli su esami del sangue

Qui puoi raccontare, condividere le storie del tuo cammino di transizione Fruttista, dei tuoi successi evolutivi personali, delle tue sperimentazioni con la dieta Fruttaliana, vegan frutto vegetale.
Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da Silver » 21/08/2012, 16:29

Ciao a tutti,

sono sinceramente rammaricato del fatto che in questo post si sia presa la via classica della medicina.

Valori, controvalori, integratori, medici...

Mi spiace soprattutto perché significa che Fruttalia non ha generato l'effetto voluto, ovvero di un'indipendenza nel fattore salute.

La domanda basilare è: Ti senti bene?

Eppure mi sembra che si stia prendendo una spirale viziosa verso la paura.
Paura dei numeri e delle tabelle, di "cosa dicono" e di "cosa dovrebbe essere".

Sara, con tutto il rispetto e la stima che ho per te, non credo che tu abbia dato dei consigli sensati e nemmeno in linea con la filosofia generale di Fruttalia.
Ben inteso: non voglio fare una critica né parlar male di nessuno, però devo esprimere il mio pensiero.

Tratto da massamagra.com:
La relazione tra HDL e Trigliceridi
Per stabilire il grado di rischio cardiovascolare è meglio prendere in esame il livello di trigliceridi e di HDL. C’è, infatti, una relazione molto significativa tra questi due parametri.

I trigliceridi sono i grassi che viaggiano all’interno del nostro corpo. Sono il carburante migliore e anche quello preferito dal nostro organismo che li utilizza per far funzionare muscoli e cuore. Quando si ingerisce una elevata quantità di carboidrati, il nostro corpo non riesce ad utilizzarli tutti insieme, si vede così costretto ad immagazzinarli. Gli zuccheri vengono quindi convertiti in grassi, trasportati sotto forma di trigliceridi ed immagazzinati nell’adipe, tra gli strati dei tessuti muscolari ed intorno e dentro agli organi. Se questa situazione è cronica, il valore dei trigliceridi nel sangue aumenta. In situazioni di insulino-resistenza le cose peggiorano ulteriormente. Cellulite, lo strato di grasso sull’addome e le maniglie dell’amore sono tutte una rappresentazione visiva di trigliceridi messi da parte e di insulina alta.

Il messaggio giusto sarebbe:
"Mangia meno pasta, pizza, pane e zuccheri
che il colesterolo si aggiusta da solo !!!"

...ma evidentemente ai colossi alimentari che sponsorizzano la ricerca medica e che forse ne hanno il monopolio, almeno così sembra, questo evidentemente non interessa.
Riguardo la B12 abbiamo scritto già così tanto che non mi ripeto qui. Idem per il discorso sull' "integrare".
Forse la prima cosa da fare è valutare il grado di intasamento e di attività degli organi (fegato, reni, nodi linfatici, tessuti connettivi, etc) prima di pensare di essere in una condizione di equilibrio e quindi poter trarre delle conclusioni...


Ragazzi, approfitto di quanto letto per dare un messaggio generico (quindi non riferito specificatamente agli utenti di questo post):

Non fate di Fruttalia un forum dove si scrivono e si leggono le solite cose che potete trovare qua e là sul web. Fruttalia è il luogo dove si trovano informazioni che liberano dai luoghi comuni, che si basano sul buonsenso e sulla logica (due cose assai rare soprattutto per chi si occupa di diffusione scientifica), che sviscerano gli insabbiamenti della scienza, che vedono i medici e i ricercatori come propri pari e non come guru.

Stefania, interpretare i puri dati numerici non è semplice.
Nessuno ha l'esperienza per dire che i fruttariani devono avere questi o quei valori, oppure identificare quanto il tuo stile di vita modifichi la composizione del sangue, etc.
Inoltre se ancora hai un'alimentazione vegana, non puoi certo pretendere più di tanto visto che anch'essa non è assolutamente un'alimentazione sana e salutare. Etica finché vuoi, migliore dell'onnivorismo, ma ancora lontana dalla dieta naturale.

Più di un anno fa lanciai una ricerca: raccogliere gli esami del sangue dei fruttaliani (non vegani) e iniziare a fare un archivio open source. Invitando chiunque ad analizzare tali dati, medici in primis, e a trarre conclusioni a posteriori.
Alla fine fu un flop perché i veri fruttaliani e fruttariani, non avevano (giustamente) voglia di pagare delle analisi perché tanto stavano bene e meglio di chiunque altro e per dimostrarlo gli bastava continuare a condurre la vita che stanno vivendo.

La salute è un concetto olistico e non si può analizzare al microscopio. Inoltre è un aspetto ISTINTIVO della vita: se la INTELLETTUALIZZATE significa che state vivendo qualcosa di innaturale. Riuscirete a crearvi dei dubbi (mentali) sulle vostre stesse sensazioni, arrivando a dubitare di voi stessi, facendosi prendere dalle ansie e paure, per poi finire a chiedere aiuto a qualche dottore. Dove ho appena visto tutto questo...?

Termino qui il mio post (e scusate lo sfogo) con un breve epilogo:
Finché non cambiate il vostro modo di vedere il corpo umano, la salute e in generale la vita, ritornerete a commettere gli stessi errori senza muovervi di un passo nel vostro cammino. Fruttalia è una delle tante chiavi di lettura per avanzare di livello ed è per questo che leggere le solite visioni medico-vegane mi porta a voler fare ancora di più per portare il giusto messaggio alle persone.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

sarah83
Messaggi: 119
Iscritto il: 17/07/2012, 12:48

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da sarah83 » 21/08/2012, 17:12

Silver ha scritto:Ciao a tutti,

sono sinceramente rammaricato del fatto che in questo post si sia presa la via classica della medicina.

Valori, controvalori, integratori, medici...

Mi spiace soprattutto perché significa che Fruttalia non ha generato l'effetto voluto, ovvero di un'indipendenza nel fattore salute.

La domanda basilare è: Ti senti bene?

Eppure mi sembra che si stia prendendo una spirale viziosa verso la paura.
Paura dei numeri e delle tabelle, di "cosa dicono" e di "cosa dovrebbe essere".

Sara, con tutto il rispetto e la stima che ho per te, non credo che tu abbia dato dei consigli sensati e nemmeno in linea con la filosofia generale di Fruttalia.
Ben inteso: non voglio fare una critica né parlar male di nessuno, però devo esprimere il mio pensiero.

Tratto da massamagra.com:
La relazione tra HDL e Trigliceridi
Per stabilire il grado di rischio cardiovascolare è meglio prendere in esame il livello di trigliceridi e di HDL. C’è, infatti, una relazione molto significativa tra questi due parametri.

I trigliceridi sono i grassi che viaggiano all’interno del nostro corpo. Sono il carburante migliore e anche quello preferito dal nostro organismo che li utilizza per far funzionare muscoli e cuore. Quando si ingerisce una elevata quantità di carboidrati, il nostro corpo non riesce ad utilizzarli tutti insieme, si vede così costretto ad immagazzinarli. Gli zuccheri vengono quindi convertiti in grassi, trasportati sotto forma di trigliceridi ed immagazzinati nell’adipe, tra gli strati dei tessuti muscolari ed intorno e dentro agli organi. Se questa situazione è cronica, il valore dei trigliceridi nel sangue aumenta. In situazioni di insulino-resistenza le cose peggiorano ulteriormente. Cellulite, lo strato di grasso sull’addome e le maniglie dell’amore sono tutte una rappresentazione visiva di trigliceridi messi da parte e di insulina alta.

Il messaggio giusto sarebbe:
"Mangia meno pasta, pizza, pane e zuccheri
che il colesterolo si aggiusta da solo !!!"

...ma evidentemente ai colossi alimentari che sponsorizzano la ricerca medica e che forse ne hanno il monopolio, almeno così sembra, questo evidentemente non interessa.
Riguardo la B12 abbiamo scritto già così tanto che non mi ripeto qui. Idem per il discorso sull' "integrare".
Forse la prima cosa da fare è valutare il grado di intasamento e di attività degli organi (fegato, reni, nodi linfatici, tessuti connettivi, etc) prima di pensare di essere in una condizione di equilibrio e quindi poter trarre delle conclusioni...


Ragazzi, approfitto di quanto letto per dare un messaggio generico (quindi non riferito specificatamente agli utenti di questo post):

Non fate di Fruttalia un forum dove si scrivono e si leggono le solite cose che potete trovare qua e là sul web. Fruttalia è il luogo dove si trovano informazioni che liberano dai luoghi comuni, che si basano sul buonsenso e sulla logica (due cose assai rare soprattutto per chi si occupa di diffusione scientifica), che sviscerano gli insabbiamenti della scienza, che vedono i medici e i ricercatori come propri pari e non come guru.

Stefania, interpretare i puri dati numerici non è semplice.
Nessuno ha l'esperienza per dire che i fruttariani devono avere questi o quei valori, oppure identificare quanto il tuo stile di vita modifichi la composizione del sangue, etc.
Inoltre se ancora hai un'alimentazione vegana, non puoi certo pretendere più di tanto visto che anch'essa non è assolutamente un'alimentazione sana e salutare. Etica finché vuoi, migliore dell'onnivorismo, ma ancora lontana dalla dieta naturale.

Più di un anno fa lanciai una ricerca: raccogliere gli esami del sangue dei fruttaliani (non vegani) e iniziare a fare un archivio open source. Invitando chiunque ad analizzare tali dati, medici in primis, e a trarre conclusioni a posteriori.
Alla fine fu un flop perché i veri fruttaliani e fruttariani, non avevano (giustamente) voglia di pagare delle analisi perché tanto stavano bene e meglio di chiunque altro e per dimostrarlo gli bastava continuare a condurre la vita che stanno vivendo.

La salute è un concetto olistico e non si può analizzare al microscopio. Inoltre è un aspetto ISTINTIVO della vita: se la INTELLETTUALIZZATE significa che state vivendo qualcosa di innaturale. Riuscirete a crearvi dei dubbi (mentali) sulle vostre stesse sensazioni, arrivando a dubitare di voi stessi, facendosi prendere dalle ansie e paure, per poi finire a chiedere aiuto a qualche dottore. Dove ho appena visto tutto questo...?

Termino qui il mio post (e scusate lo sfogo) con un breve epilogo:
Finché non cambiate il vostro modo di vedere il corpo umano, la salute e in generale la vita, ritornerete a commettere gli stessi errori senza muovervi di un passo nel vostro cammino. Fruttalia è una delle tante chiavi di lettura per avanzare di livello ed è per questo che leggere le solite visioni medico-vegane mi porta a voler fare ancora di più per portare il giusto messaggio alle persone.
dunque....
io sono la prima a ritenere che la medicina tradizionale abbia un sacco di difetti, il primo dei quali è quello di non dare importanza alla prevenzione, ma di preoccuparsi solo di quello che succede dopo, quando molte volte, è troppo tardi. Io frequento in rianimazione, e la maggior parte della gente che è lì dentro avrebbe potuto non esserci se si fosse preoccupata prima del proprio stile di vita..ipertensione, con conseguenti emorragie cerebrali, infarti dovuti all'aterosclerosi, etc etc etc.

La dieta vegana ha rispetto alla dieta onnivora una serie infinita di vantaggi, che portano sicuramente ad un miglioramento della qualità della vita, a vivere più a lungo e soprattutto più in salute, rispetto alla dieta che segue la maggior parte della gente, e che più che essere basata sulla carne ormai è basata sulle schifezze. Io ho fatto la scelta vegan per motivi etici, non di salute, poi per mia fortuna è anche una buona scelta in quei termini, per cui......ultimamente mi sto avvicinando al crudismo, come ho già detto mangio prevalentemente verdure crude e frutta (più frutta a dire il vero, perchè mi va di più), penso che il concetto che sta alla base di questa idea sia fondamentalmente corretto, io mi trovo bene e sto bene.
detto questo, non ritengo che le informazioni acquisite fino ad ora in medicina, biologia, farmacologia siano per questo totalmente da buttare. la medicina non è una scienza esatta, perchè non sappiamo esattamente tutti i meccanismi che sono alla base delle attività corporee, e perchè (secondo me) molte volte ci dimentichiamo che il paziente è una persona, con ansie, paure, dispiaceri, e benchè non sia ancora stato scientificamente dimostrato, è di dominio pubblico che lo stato di salute mentale, il carattere, e la felicità o meno abbiano un impatto sulla salute..
ad ogni modo molti di questi meccanismi sono stati compresi, e si sono rivelati negli anni essere esatti (concedimi il termine un po' assoluto, di sicuro nulla è perfetto, ma con buona approssimazione ci si può affidare ai dati ottenuti, perchè si sono rivelati ripetibili e perchè in molti casi abbiamo migliaia, se non milioni di dati). purtroppo invece, non abbiamo dati per quanto riguarda la dieta fruttariana/crudista, e anzi, se siamo davvero disposti a fare uno studio, mi posso occupare di gestire i dati (con riservatezza naturalmente) e far partire uno studio ufficiale. (se vuoi ne parliamo in privato).
Qui nessuno, (nemmeno io che sono solo al sesto anno) ha le competenze necessarie per consigliare ad una persona di ignorare quelli che fino ad ora sono sempre stati considerati dati attendibili per valutare, almeno approssimativamente, lo stato di salute di una persona. Io stessa avrei risposto al post precedente consigliando di consultare il medico di base, perchè io non conosco la persona che ha postato, non l'ho vista, visitata, non ci ho parlato, e basarsi solo sui numeri in effetti non ha molto senso.
Per quanto riguarda il discorso B12 invece, sono assolutamente d'accordo con quello che ho scritto :-) ritengo che i rischi legati ad una eventuale carenza siano troppo grandi per permettersi di rischiare, non abbiamo abbastanza dati per poter dimostrare che non serve integrare (io non sono una sostenitrice degli integratori, ritengo che possano essere utili ai bambini in Africa, non a noi), e in certe situazioni quando si è quasi nella "patologia" sarebbe meglio evitare inutili rischi.
Ritengo molto importante il lavoro fatto da questo sito come da molti altri, ci sono molte cose che non conosciamo, e io stessa prima di dare farmaci ai miei pazienti consiglierò un cambiamento di stile di vita, ma ripeto, non abbiamo le competenze necessarie per dare certi consigli, molte malattie, anche mortali, non hanno sintomi iniziali, quindi non spesso la domanda " ti senti bene?" è adatta, potrebbe essere fuorviante.
secondo me, se accettate un consiglio, sarebbe proprio meglio evitare certe discussioni, almeno fino a che non ci saranno dati certi. va bene dare informazioni sulla dieta, va bene ovviamente scambiarsi consigli, ma sarebbe bene precisare che ci si riferisce a persone in salute, onde evitare di fare peggio di quello che vorremmo fare...

Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da Silver » 21/08/2012, 18:57

sarah83 ha scritto:
non ritengo che le informazioni acquisite ... siano ... totalmente da buttare
.
Nemmeno io lo penso. Dico che solo che la maggior parte delle informazioni che diffondono i centri di ricerca e che sono insegnati nelle accademie sono dati manipolati. Altri dati e molte scoperte sono omesse.
Per avere delle info più corrette te le devi andare a cercare tra i medici radiati ed ostracizzati.

Inoltre è la visione che hanno del corpo umano ad essere senza senso: separano in compartimenti stagni, si focalizzano sulle manifestazioni, non conoscono cure alternativa alle droghe o al taglia e cuci.

Per una informazione buona, 9 sono da gettare.

benchè non sia ancora stato scientificamente dimostrato, è di dominio pubblico che lo stato di salute mentale, il carattere, e la felicità o meno abbiano un impatto sulla salute..
in realtà è stato dimostrato scientificamente più volte. Al massimo nn è insegnato dalle università, che è cosa ben diversa.
purtroppo invece, non abbiamo dati per quanto riguarda la dieta fruttariana/crudista, e anzi, se siamo davvero disposti a fare uno studio, mi posso occupare di gestire i dati (con riservatezza naturalmente) e far partire uno studio ufficiale. (se vuoi ne parliamo in privato).

Molto volentieri ne parliamo perché, come detto, ho invitato molte persone (fra cui medici) ma hanno glissato.


quelli che fino ad ora sono sempre stati considerati dati attendibili

Sara, la verità storica su argomenti legati all'industria farmaceutica e il rapporto con le università e i medici è cosa nota a pochi. Ti consiglio di studiare attentamente come ha agito "big Pharma".
Quello che oggi sono "verità incontestabili" non più di 100 anni fa erano derisibili scelleratezze. I medici allopatici causavano molti morti e dolore nei pazienti al contrario di quelli empirici che invece avevano altissime percentuali di guarigione.
Ma la storia la fa chi ha i soldi, ed ecco arrivare i falchi banchieri a dettar legge. E da allora eccoci qui, a credere che la medicina sia qualcosa che ha come interesse la vita umana nelle vesti del medico scientista di turno.
Detto fuori dai denti: i medici sono i primi ad essere presi in giro dal sistema.
Io stessa avrei risposto al post precedente consigliando di consultare il medico di base
Fruttalia non riporta tra le sue filosofie quella di rendersi dipendenti da qualcuno.
Soprattutto se quel qualcuno perpetra idee e conoscenze accademiche.
Per quanto riguarda il discorso B12 invece, sono assolutamente d'accordo con quello che ho scritto :-) ritengo che i rischi legati ad una eventuale carenza siano troppo grandi per permettersi di rischiare
Su questo argomento, come detto, abbiamo già scritto molto. Per me queste affermazioni sono prive di fondamento.
ritengo che possano essere utili ai bambini in Africa
Una delle tante popolazioni che era sana prima di conoscere la nostra civilizzazione.
non abbiamo le competenze necessarie per dare certi consigli,
Chi lo dice? Ricordo che oggi certi consigli non si possono dare ufficialmente solo perché si sono fatti le leggi ad castam. E' più che dimostrato che l'errore iatrogeno è la prima causa di morte negli ospedali. E questa info viene dall'OMS.
molte malattie, anche mortali, non hanno sintomi iniziali,
E' una contraddizione in termini. La malattia E' il sintomo. O meglio, uno dei sintomi.
Ciò che intendi tu è che "ignorando tutti quei sintomi che non sappiamo più riconoscere con cui il corpo ci avvisa di qualcosa che non va, potrebbe arrivare la manifestazione di un riassesto urgente che potrebbe anche far morire l'organismo".

Proprio per questo si fanno transizioni lente e graduali valutando bene il punto di partenza. Qui nessuno improvvisa niente. Siamo persone preparate.

quindi non spesso la domanda " ti senti bene?" è adatta, potrebbe essere fuorviante.
Certo potrebbe esserlo. PErò è la prima domanda da fare a se stessi e cui bisognerebbe rispondere con sincerità. Le sensazioni che scaturiscono a tale risposta sono anch'esse indice di coerenza e quindi servono per autovalutarsi.
"Incredibilmente" io credo che ogni persona può valutare come nessun altro il proprio stato di salute per via del punto di vista... privilegiato.
Il nostro compito è dargli gli strumenti che nessun altro gli ha mai dato per fare questa operazione senza rischi.
secondo me, se accettate un consiglio, sarebbe proprio meglio evitare certe discussioni
E quindi gli unici autorizzare a parlare sono i medici?
Noi ci abbiamo aperto un forum perché siamo per la libertà di espressione. Qui un medico vale come qualsiasi altra persona.
almeno fino a che non ci saranno dati certi
Ci sono già talmente tanti dati che è addirittura difficile computarli tutti...

ma sarebbe bene precisare che ci si riferisce a persone in salute
Fruttalia è anche un metodo di guarigione e dovrebbe essere letto solo da persone in salute? Solo io ci vedo un sottile falla nel ragionamento?


Sara, io sono apertissimo a fare ogni tipo di ricerca e avevo anche già stabilito i vari criteri che bisognava adottare, nonché ci è un forum all'interno di Fruttalia dedicato a questo.

Ho scritto questo post un po' di fretta e senza usare faccine: leggi tutto come se io fossi molto pacato, con tono amichevole e a a tratti sarcastico (fa parte della mia personalità). Ho criticato le tue parole e idee ma rispetto te come persona e mai ti giudico e giudicherò.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

sarah83
Messaggi: 119
Iscritto il: 17/07/2012, 12:48

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da sarah83 » 21/08/2012, 20:03

Silver ha scritto:
Nemmeno io lo penso. Dico che solo che la maggior parte delle informazioni che diffondono i centri di ricerca e che sono insegnati nelle accademie sono dati manipolati. Altri dati e molte scoperte sono omesse.
Per avere delle info più corrette te le devi andare a cercare tra i medici radiati ed ostracizzati.
basta prendere le informazioni che ci sono e vederle in un contesto diverso..e non ragionare come ragiona ora la medicina allopatica sempre..le persone sono complesse, non sono solo un sintomo e via..
per me una persona che ha sempre mal di stomaco quando va che ne so a lavoro non ha solo la gastrite..ha un problema più ampio, che il suo corpo manifesta così, idem vale per la psoriasi etc. ma non posso dire che in acuto gli inibitori di pompa non vadano bene..curano il sintomo al momento, non risolvono il pb, ma se uno non ci dorme la notte, li prende, e nel frattempo cerca di capire il pb..psicologico cattiva alimentazione etc..il pb è che il medico di base di solito te li da per 15 giorni e quando il pb acuto è risolto, va tutto bene..ma non è vero...
Inoltre è la visione che hanno del corpo umano ad essere senza senso: separano in compartimenti stagni, si focalizzano sulle manifestazioni, non conoscono cure alternativa alle droghe o al taglia e cuci.
sono d'accordo. è proprio questo secondo me l'errore, ora leggermente la tendenza sta cambiando, ma è il motivo per cui a 16 anni ho deciso di andare dall'omeopata, hanno una visione diversa che ritengo più adatta di quella tradizionale. ora, indipendentemente dalle prove scientifiche etc e dal funzionamente dei "farmaci" omeopatici, ritengo che il loro approccio sia il migliore.
lasciamo perdere i chirurghi...:-) per quanto riguarda i farmaci, ti dico, io in linea di massima li ridurrei al minimo, ma in acuto, possono portare la situazione ad un livello accettabile, e poi però bisogna lavorarci, non lasciare che tutto continui così...altrimenti non ha senso...ma se uno ha la fibrillazione atriale il farmaco antiaritmico gli salva la vita, poi possiamo discutere sul perchè gli sia venuta e su come evitarlo, ma al momento, è l'unico modo per non farlo andare in arresto cardiaco...

benchè non sia ancora stato scientificamente dimostrato, è di dominio pubblico che lo stato di salute mentale, il carattere, e la felicità o meno abbiano un impatto sulla salute..
in realtà è stato dimostrato scientificamente più volte. Al massimo nn è insegnato dalle università, che è cosa ben diversa.
ora un pochino la cosa sta cambiando, molto molto lentamente, alcuni medici si stanno aprendo in questo senso, ma come dici tu, non è insegnato, e quindi è una cosa che uno deve apprendere da solo, e non tutti hanno tempo interesse voglia...
quelli che fino ad ora sono sempre stati considerati dati attendibili

Sara, la verità storica su argomenti legati all'industria farmaceutica e il rapporto con le università e i medici è cosa nota a pochi. Ti consiglio di studiare attentamente come ha agito "big Pharma".
Quello che oggi sono "verità incontestabili" non più di 100 anni fa erano derisibili scelleratezze.
e le cose che 100 anni fa erano considerate verità ora sono scioccchezze..la scienza e così anche la medicina è cambiata, a volte in peggio ma anche in meglio..le tecnologie sono più avanzate, siamo riusciti a vedere cose che prima non potevamo nemmeno immaginare..questo ha portato notevoli rivoluzioni in tutti i campi della scienza.
Detto fuori dai denti: i medici sono i primi ad essere presi in giro dal sistema.
sicuramente..molti lavorano per le case farmaceutiche senza nemmeno saperlo...
molte malattie, anche mortali, non hanno sintomi iniziali,
E' una contraddizione in termini. La malattia E' il sintomo. O meglio, uno dei sintomi.
Ciò che intendi tu è che "ignorando tutti quei sintomi che non sappiamo più riconoscere con cui il corpo ci avvisa di qualcosa che non va, potrebbe arrivare la manifestazione di un riassesto urgente che potrebbe anche far morire l'organismo".
si esatto...in omeopatia una verruca per fare un esempio è un avviso, magari un giorno spunterà un tumore da qualche parte. ma 22mila globuli bianchi non sempre danno un allarme (magari c'era stato dieci anni prima, ma non lo abbiamo riconosciuto), e sarebbe pericoloso non scoprirli in tempo..
secondo me, se accettate un consiglio, sarebbe proprio meglio evitare certe discussioni
E quindi gli unici autorizzare a parlare sono i medici?
Noi ci abbiamo aperto un forum perché siamo per la libertà di espressione. Qui un medico vale come qualsiasi altra persona
.

ma scusa...se ti si rompe la lavatrice chi chiami?il tecnico...perchè sa come funziona..perchè i medici non possono essere competenti per quanto riguarda il corpo umano?non siamo tutti d'accordo per quanto riguarda i metodi, ma ci sono dei meccanismi che non sono conosciuti da tutti, le persone si possono informare e avere una conoscenza superiore alla media della popolazione, ma io non saprei aggiustare una lavatrice..(concedimi l'esempio cretino, lasciamo per un attimo perdere il discorso "psicologico")
almeno fino a che non ci saranno dati certi
Ci sono già talmente tanti dati che è addirittura difficile computarli tutti...
onde evitare avere dati su tutto poco attendibili, sono state stabilite delle regole per quanto riguarda la pubblicazione dei dati scientifici, anche per evitare che gli studi siano pagati dalle case farmaceutiche (o dalla Philip Morris come per lo studio sulla tac spirale, tanto decantato anche da veronesi e figlia)

ma sarebbe bene precisare che ci si riferisce a persone in salute
Fruttalia è anche un metodo di guarigione e dovrebbe essere letto solo da persone in salute? Solo io ci vedo un sottile falla nel ragionamento?
ristabilire l'omeostasi se i disturbi sono gravi, anche con le terapie tradizionali, e poi lavorare su questo, ma non possiamo rischiare di fare errori gravi, a rigor di logica cambiando stile di vita le malattie si risolvono o addirittura non si manifestano (che sarebbe la cosa ideale ovviamente) ma non sappiamo cosa hanno fatto nella vita le persone con cui parliamo, che malattie hanno avuto che farmaci hanno preso etc etc. è difficile dare consigli sulla salute su un forum, e inoltre abbiamo il dovere di diffondere le nostre conoscenze in modo impeccabile, in modo che rispettino tutti i paramentri "tradizionali", altrimenti ci contesteranno sempre di non veridicità dei dati.
Ho scritto questo post un po' di fretta e senza usare faccine: leggi tutto come se io fossi molto pacato, con tono amichevole e a a tratti sarcastico (fa parte della mia personalità). Ho criticato le tue parole e idee ma rispetto te come persona e mai ti giudico e giudicherò.
non ho pensato che mi giudicassi, abbiamo solo due punti di vista diversi, il mio "interno", il tuo "esterno".
io penso che la medicina tradizionale debba vedere molte delle sue posizioni, ma ti ripeto, non penso che sia tutto sbagliato. i medici così come i biologi e i farmacologi conosco i meccanismi di funzionamento del corpo umano, almeno quelli "meccanici", l'ideale sarebbe unire le due cose, ma non escludere una o l'altra. Non si può parlare di salute senza conoscere esattamente il meccanismo degli organi, poi sul modo di interpretare i dati o sul punto di vista possiamo discutere, ma non tutti i medici sono venduti alle case farmaceutiche, in molti usano la testa (chirurghi a parte :lol: )..

sarah83
Messaggi: 119
Iscritto il: 17/07/2012, 12:48

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da sarah83 » 21/08/2012, 20:04

ops..non si capisce nulla delle mie risposte bisogna leggere tutto :-( pensavo mettesse lo spazio di un altro colore dopo il commento :-/

Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da Silver » 21/08/2012, 21:48

Te l'ho aggiustato io.
Se clicchi su modifica puoi vederne la struttura.
Però ti rispondo con calma domani.

Grazie Sara e buona notte!
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

sarah83
Messaggi: 119
Iscritto il: 17/07/2012, 12:48

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da sarah83 » 21/08/2012, 21:55

Silver ha scritto:Te l'ho aggiustato io.
Se clicchi su modifica puoi vederne la struttura.
Però ti rispondo con calma domani.

Grazie Sara e buona notte!
ok grazie :-)
a domani!grazie a te per l'interessante discussione!buona notte :-)
Sarah

lisak84
Messaggi: 65
Iscritto il: 26/04/2011, 20:22

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da lisak84 » 21/08/2012, 22:34

Completamente d'accordo con te Silver!!! :D

Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da Silver » 22/08/2012, 11:52

sarah83 ha scritto:ma se uno ha la fibrillazione atriale il farmaco antiaritmico gli salva la vita,
Nessuno contesta il fatto che di fronte a situazioni limite non si debba usare la medicina. L'ho anche scritto nel libro.
e le cose che 100 anni fa erano considerate verità ora sono sciocchezze
Al contrario. La maggior parte si sta solo riscoprendo. La visione olistica del corpo era messa in pratica, i detti popolari avevano già da tempo immemore scritto questa conoscenza e inoltre anche nei libri sacri puoi leggere molti modi per curare in modo naturale.
le tecnologie sono più avanzate
Questo è stato il segreto: far vedere che la tecnologia è avanzata per dare un'aura di prestigio. Peccato che alla fine questa tecnologia non ha portato alcun risultato rilevante, visto che le statistiche in fatto di malati e malattie sono in aumento ma le % di guarigione no: stiamo usando Hubble per guardare il buco di una serratura dallo spazio...
sicuramente..molti lavorano per le case farmaceutiche senza nemmeno saperlo...
Proprio per questo qui cerchiamo di rendere noto questo fatto e cerchiamo le soluzioni. Sono contento che tu ne convenga.
ma scusa...se ti si rompe la lavatrice chi chiami?il tecnico...perchè sa come funziona..perchè i medici non possono essere competenti per quanto riguarda il corpo umano?non siamo tutti d'accordo per quanto riguarda i metodi, ma ci sono dei meccanismi che non sono conosciuti da tutti, le persone si possono informare e avere una conoscenza superiore alla media della popolazione, ma io non saprei aggiustare una lavatrice
questa frase andrebbe analizzata perché è foriera di spunti interessanti.

1- Il tecnico: rompere la lavatrice è un caso limite. Se questa non ha difetti di fabbrica, usiamo acqua dolce e teniamo in manutenzione i filtri, il tecnico nn verrà mai a casa nostra. E in ogni caso ci sono tecnici onesti e altri meno...

2- le persone si possono informare: Fruttalia si pone questo obiettivo appunto. La cosa fantastica è che non serve diventare tecnici delle lavatrici perché è la natura stessa che pensa ad curarsi e autoripararsi. Noi insegniamo solo a mantenere in buona salute i filtri inserendo l'acqua giusta e i detersivi giusti. Le persone oggi usano acqua dura e sporca, detersivi aggressivi, non puliscono i filtri e di conseguenza si rendono dipendenti dai tecnici (e li pagano cari per di più).

3- io non saprei aggiustare la lavatrice: risolvendo a monte, non esiste il problema a valle.
sono state stabilite delle regole per quanto riguarda la pubblicazione dei dati scientifici, anche per evitare che gli studi siano pagati dalle case farmaceutiche
Magari! I dati di fatto indicano che il 99% della ricerca è in mano alle multinazionali. Casi di manipolazioni ce ne sono quanti ne vuoi e anche gravi. Già solo il fatto che possa pubblicare solo un élite di persone è già una cosa che fa pensare. Il fatto che il direttore di una rivista decida cosa pubblicare è inquietante. Il fatto che quella rivista è finanziata dalle lobby farmaceutiche è sconfortante.



ristabilire l'omeostasi se i disturbi sono gravi, anche con le terapie tradizionali, e poi lavorare su questo, ma non possiamo rischiare di fare errori gravi
Anche la gravità del sintomo è soggettiva in realtà. In casi urgenti ben venga l'allopatia. Peccato che poi sia lei che non voglia più andare via...
è difficile dare consigli sulla salute su un forum
é vero. Ma la maggior parte dei consigli che diamo non invita ad una cura nel senso allopatico del termine, ma ad una prevenzione e a stimolare una sensibilizzazione su se stessi, lasciando sempre libera la persona di scegliere la strada che vuole.
Nessuno di noi si azzarda a fare diagnosi e a dire fai così fai cosà se ci sono patologie in atto. Ben diverso è pianificare un cammino graduale collaborando attivamente con la persona dando molti strumenti cognitivi che mirano all'indipendenza.
In altre parole, invitiamo le persone a diventare tecnici delle lavatrici.

e inoltre abbiamo il dovere di diffondere le nostre conoscenze in modo impeccabile, in modo che rispettino tutti i paramentri "tradizionali", altrimenti ci contesteranno sempre di non veridicità dei dati.

Su questo sono d'accordo e come detto sono il primo ad avere chiesto l'aiuto di medici per svolgere la nostra ricerca.
Forse li spaventa il fatto che i dati sarebbero Open source...
Se tu te la senti, mettiamo su un progetto insieme. Contattami a silver@fruttalia.it esponendomi le tue idee in merito.

non ho pensato che mi giudicassi
In passato mi hanno contestato anche le virgole. I maniera preventiva esplicito certe dichiarazioni onde evitare...
i medici così come ... in molti usano la testa (chirurghi a parte :lol: )..
Il problema dei medici è solo un sintomo di un sistema decisamente più complesso.
Si parla spesso di loro solo perché sono quelli a contatto con le persone comuni: sono il braccio armato (di ricette mediche) di una mafia troppo grossa.
Se vogliamo un cambiamento dobbiamo partire dal basso ovvero insegnando alle persone a non ammalarsi affatto e lasciando questa piovra senza la sua fonte di alimentazione primaria.
Aspettare che il sistema medico cambi è da illusi.
impegnarsi per arrivare ad avere una massa critica di persone che si sono rese indipendenti è un ottimo obiettivo realizzabile.
Spero che tutti conoscano il concetto di massa critica.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

sarah83
Messaggi: 119
Iscritto il: 17/07/2012, 12:48

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da sarah83 » 22/08/2012, 17:13

Silver ha scritto:
e le cose che 100 anni fa erano considerate verità ora sono sciocchezze
Al contrario. La maggior parte si sta solo riscoprendo. La visione olistica del corpo era messa in pratica, i detti popolari avevano già da tempo immemore scritto questa conoscenza e inoltre anche nei libri sacri puoi leggere molti modi per curare in modo naturale.
beh i tassi di mortalità sono scesi con la scoperta degli antibiotici, che poi se ne abusi è un altro discorso, e sicuramente una persona che mangia bene ed è in equilibrio non si ammala..ma non possiamo nemmeno sperare che valga per tutto il mondo..di sicuro a qualcuno non andrà bene vivere in modo salutare, e anche se dovessero diminuire drasticamente le persone che si ammalano se si dovesse ricorrere ad uno stile di vita più sano non saranno mai a zero..
le tecnologie sono più avanzate
Questo è stato il segreto: far vedere che la tecnologia è avanzata per dare un'aura di prestigio. Peccato che alla fine questa tecnologia non ha portato alcun risultato rilevante, visto che le statistiche in fatto di malati e malattie sono in aumento ma le % di guarigione no: stiamo usando Hubble per guardare il buco di una serratura dallo spazio...
oddio...di scoperte grazie alle nuove tecnologie ne sono state fatte..guarda solo la scoperta del DNA, che poi ci siano progetti deliranti in proposito fa parte delle manie di grandezza proprie degli animali umani :-/ senza la TAC non troveremmo molti tumori, senza i microscopi non sapremmo cosa c'è nel nostro sangue..e io ritengo che conoscere come funzioni una cosa, sia essa una lavatrice o un essere umano sia fondamentale per poterne parlare :) più sappiamo meglio è!
questa frase andrebbe analizzata perché è foriera di spunti interessanti.

1- Il tecnico: rompere la lavatrice è un caso limite. Se questa non ha difetti di fabbrica, usiamo acqua dolce e teniamo in manutenzione i filtri, il tecnico nn verrà mai a casa nostra. E in ogni caso ci sono tecnici onesti e altri meno...
e su questo siamo d'accordo...
praticamente tutte le malattie del mondo occidentale sono dovuto all'errato stile di vita..e molte medicine servono per cercare di tamponare una situazione che non si sarebbe mai dovuta creare....
2- le persone si possono informare: Fruttalia si pone questo obiettivo appunto. La cosa fantastica è che non serve diventare tecnici delle lavatrici perché è la natura stessa che pensa ad curarsi e autoripararsi. Noi insegniamo solo a mantenere in buona salute i filtri inserendo l'acqua giusta e i detersivi giusti. Le persone oggi usano acqua dura e sporca, detersivi aggressivi, non puliscono i filtri e di conseguenza si rendono dipendenti dai tecnici (e li pagano cari per di più).
ma questo va bene..quello che dico io è che dire che la medicina tradizionale è tutta sbagliata non è corretto...nulla è tutto giusto o tutto sbagliato. la soluzione migliore sarebbe far capire alla gente che ci si può non ammalare vivendo in modo corretto, a quel punto gli ospedali servirebbero solo per incidenti ossa rotte e magari qualche parto :-)
Magari! I dati di fatto indicano che il 99% della ricerca è in mano alle multinazionali. Casi di manipolazioni ce ne sono quanti ne vuoi e anche gravi. Già solo il fatto che possa pubblicare solo un élite di persone è già una cosa che fa pensare. Il fatto che il direttore di una rivista decida cosa pubblicare è inquietante. Il fatto che quella rivista è finanziata dalle lobby farmaceutiche è sconfortante.
si ce ne sono stati tanti e molti sono stati scoperti. non è il direttore della rivista che decide cosa pubblicare (almeno, per le riviste importanti tipo Lancet no, su Focus può darsi che sia così), ci sono diversi editors che se ne occupano, in modo da limitare i danni. poi vabbè capita lo stesso..l'esempio che ti ho fatto sulla tac spirale ad es. in pratica chi ha scritto lo studio aveva ricevuto finanziamenti tramite la multinazionale del tabacco passando per una ONLUS, così è più difficile da scoprire, e sicuramente sarà capitato altre volte.
molti ricercatori, pubblicano articoli per il desiderio di conoscere, o perchè nel loro reparto scoprono dei casi interessanti..non sono tutti servi delle multinazionali, e pagando si possono al massimo falsificare un paio di studi sull'argomento, ma poi ne escono altri.
è più facile essere distruttivi che cercare davvero di vedere da dentro come funzionano le cose :) ci sono questi problemi e molti li conoscono, ma non è TUTTO così, non tutte le riviste sono pagate dalle case farmaceutiche e non tutti gli studi sono senza valore.
è difficile dare consigli sulla salute su un forum
é vero. Ma la maggior parte dei consigli che diamo non invita ad una cura nel senso allopatico del termine, ma ad una prevenzione e a stimolare una sensibilizzazione su se stessi, lasciando sempre libera la persona di scegliere la strada che vuole.
Nessuno di noi si azzarda a fare diagnosi e a dire fai così fai cosà se ci sono patologie in atto. Ben diverso è pianificare un cammino graduale collaborando attivamente con la persona dando molti strumenti cognitivi che mirano all'indipendenza.
In altre parole, invitiamo le persone a diventare tecnici delle lavatrici.
si ma consigliare a chi ha un deficit di B12 di non integrare è dare un consiglio di tipo medico...se quella persona da sola decide di non farlo, sono affari suoi, la salute è un bene disponibile. ma in base alla conoscenze che abbiamo fino ad ora, gli studi fatti sulle carenze non si sono rilevati sbagliati, quindi in assenza di studi che confutino ciò che abbiamo non possiamo NOI dire ad altri cosa fare, perchè non ne abbiamo gli strumenti, e potremmo anche sbagliarci!
Il problema dei medici è solo un sintomo di un sistema decisamente più complesso.
Si parla spesso di loro solo perché sono quelli a contatto con le persone comuni: sono il braccio armato (di ricette mediche) di una mafia troppo grossa.
Se vogliamo un cambiamento dobbiamo partire dal basso ovvero insegnando alle persone a non ammalarsi affatto e lasciando questa piovra senza la sua fonte di alimentazione primaria.
Aspettare che il sistema medico cambi è da illusi.
impegnarsi per arrivare ad avere una massa critica di persone che si sono rese indipendenti è un ottimo obiettivo realizzabile.
Spero che tutti conoscano il concetto di massa critica.
rispetto al passato molte cose stanno cambiando..ora si sta tornando indietro, sempre più spesso di parla di prevenzione, anche la OMS ha emesso delle linee guida che praticamente eliminano la carne dalla dieta..sarà lunga, e sicuramente ci sono un sacco di interessi in ballo!ed è ovvi che se la gente iniziasse a ragionare con la propria testa e ad informarsi tutto questo sarebbe accelerato...per questo penso che i forum come questo e tanti altri siano importanti, e anche le discussioni e i confronti..

stefy0962
Messaggi: 25
Iscritto il: 10/05/2012, 11:38

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da stefy0962 » 28/08/2012, 22:06

Ciao Silver,
leggo ora i vari dialoghi con Sarah e mi sento di dire che avete ragione entrambi...

sono sinceramente rammaricato del fatto che in questo post si sia presa la via classica della medicina.

Valori, controvalori, integratori, medici...

Mi spiace soprattutto perché significa che Fruttalia non ha generato l'effetto voluto, ovvero di un'indipendenza nel fattore salute.

La domanda basilare è: Ti senti bene?


Eppure mi sembra che si stia prendendo una spirale viziosa verso la paura.
Paura dei numeri e delle tabelle, di "cosa dicono" e di "cosa dovrebbe essere".


Hai ragione che le mie domande si basano sui valori degli esami del sangue e questo è perché ho studiato biologia ed ho avuto una cultura tradizionale.... staccarsene non è facile, non si può cancellare tutto in un colpo, anche perché credo che non tutto è da buttare come dice Sarah. Ma sicuramente anche staccarsi da quello che finora si è imparato deve avvenire in modo graduale e a ragion veduta e imparando ad ascoltare le risposte del proprio corpo ai cambiamenti. La paura di sbagliare ti fa tornare a quello che già conosci o che pensi possa essere un riferimento almeno parziale (gli esami del sangue)... Sono appena tre mesi che siamo passati da onnivori (anche se mangiavamo poca carne e pesce anche prima) a vegani fruttariani, ma già al 60% fruttariani visto che colazione e pranzo sono di sola frutta, senza pentimenti o sentendo la necessità di mangiare ancora cibi animali...certo la strada è ancora lunga e non so se sono davvero dell'idea di diventare totalmente fruttariana, devo trovarne le mie motivazioni interne e devo conoscere ancora tanto di Fruttalia e della salute dei fruttariani. Per questo mi aggrappo ancora a quello che già so, ma sono aperta a sentire quello che mi rispondete, cercando poi di fare una scelta mia verso quello che ritengo meglio per me ed i miei familiari, senza fare danni.


Il messaggio giusto sarebbe:
"Mangia meno pasta, pizza, pane e zuccheri
che il colesterolo si aggiusta da solo !!!"

Ad esempio questo l'abbiamo fatto, il colesterolo è sceso un po' ma quello cosiddetto buono è sempre basso e i trigliceridi invece sono aumentati: ok, sono valori della medicina ufficiale, ma sono gli unici che conosco.



Riguardo la B12 abbiamo scritto già così tanto che non mi ripeto qui. Idem per il discorso sull' "integrare".
Forse la prima cosa da fare è valutare il grado di intasamento e di attività degli organi (fegato, reni, nodi linfatici, tessuti connettivi, etc) prima di pensare di essere in una condizione di equilibrio e quindi poter trarre delle conclusioni...


Anche qui, ne ho lette tante sulla B12, ma è difficile fidarsi o degli uni o degli altri: i medici vegan dicono di integrare, specie se c'è una carenza forte già in atto, con sintomi forse già legati a questa carenza di B12 (perdita di memoria, parestesie, perdita di equilibrio ad occhi chiusi), tu dici di no, ma forse bisogna iniziare integrando per poi ripristinare le funzioni dell'organismo in modo che non ce ne sia più bisogno, visto che comunque pare non ci siano controindicazioni ad assumere B12, specie quella idrossi o metil e non cianocobalamina.

Sul fatto poi di sentirsi bene, anche qui non è facile rispondere... per certi versi mi pare di stare meglio, ma forse è troppo presto e poi a volte ci si sente bene o così pare e poi tutto d'un colpo ti viene un ictus o un infarto, che magari si poteva prevedere valutando proprio degli esami del sangue e vedendo che colesterolo e trigliceridi e B12 non andavano bene....

Insomma credo di avere già fatto passi da gigante per la nostra salute, ma devo conoscere e valutare ancora tanto, ad esempio il fatto che mia figlia Ilaria ad esempio non ama molto la frutta, specie al mattino e preferisce mangiarla al pomeriggio come gelato di banana, o addirittura la sera dopo il pasto vegan!! (l'uva ad esempio): ha solo 7 anni e non credo che sia già tanto intossicata, perché ha sempre mangiato piuttosto "sano" almeno nel senso che non ha mangiato nella sua breve vita merendine, zuccheri raffinati, o altro cibo spazzatura, ma cereali integrali bio, verdure e frutta bio anche se poche, poca carne, quasi niente formaggi e poco pesce. Se non riesco a farle apprezzare la frutta dovrò per forza lasciarla vegan perché qualcosa deve pur mangiare.....e noi con lei almeno in parte cioè la sera quando mangiamo assieme.
Insomma è un percorso difficile, ma interessante...a proposito devo ancora affrontare il digiuno, perchè devo trovare anzitutto il coraggio e poi il momento più adatto.

Spero che ci rivediamo presto così posso accelerare le mie conoscenze.
buonanotte, stefy0962

Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da Silver » 29/08/2012, 12:50

sarah83 ha scritto: beh i tassi di mortalità sono scesi con la scoperta degli antibiotici, che poi se ne abusi è un altro discorso, e sicuramente una persona che mangia bene ed è in equilibrio non si ammala..ma non possiamo nemmeno sperare che valga per tutto il mondo..di sicuro a qualcuno non andrà bene vivere in modo salutare, e anche se dovessero diminuire drasticamente le persone che si ammalano se si dovesse ricorrere ad uno stile di vita più sano non saranno mai a zero...
Questa affermazione si potrebbe contestare dati alla mano, ma non voglio far diventare questo post una diatriba tra noi due.
Sottolineo solo il fatto che in natura non esiste la malattia che è presente solo nell'uomo e negli animali con cui viene in contatto diretto o indiretto.
oddio...di scoperte grazie alle nuove tecnologie ne sono state fatte..guarda solo la scoperta del DNA, che poi ci siano progetti deliranti in proposito fa parte delle manie di grandezza proprie degli animali umani :-/ senza la TAC non troveremmo molti tumori, senza i microscopi non sapremmo cosa c'è nel nostro sangue..e io ritengo che conoscere come funzioni una cosa, sia essa una lavatrice o un essere umano sia fondamentale per poterne parlare :) più sappiamo meglio è!
Noi stiamo ri-scoprendo cose che già gli antichi conoscevamo. MA a parte questa precisazione che vuole essere un puntiglio storico credo di non essere riuscito a far trasparire il succo del discorso.
Non sto dicendo che sono contrario alla tecnologia o l'uso pratico che si fa.
Il problema nasce quando questo progresso serve a fare propaganda.
Mi spiego meglio.
La capacità di curare i tumori per la scienza ufficiale è ferma a circa 100 anni fa.
Le persone comuni, distratte e superficiali, vedono che esistono aggeggi ipertecnologici e sono convinti che anche la medicina sia progredita in tal senso.
La connessione nelle loro teste è questa: tecnologia=medici all'avanguardia / assenza di tecnologia=naturopati contachiacchiere.
Questa connessione mentale è "suggerita" dai main stream: programmi sulla salute tipo Elisir, riviste di moda e gossip, striscia la notizia, serie televisive (non vi siete mai chiesti perché le serie televisive sono sempre incentrate su particolari professioni e non su altre?), etc

la soluzione migliore sarebbe far capire alla gente che ci si può non ammalare vivendo in modo corretto, a quel punto gli ospedali servirebbero solo per incidenti ossa rotte e magari qualche parto :-)
E' quello per cui stiamo lavorando :-)
è più facile essere distruttivi che cercare davvero di vedere da dentro come funzionano le cose :) ci sono questi problemi e molti li conoscono, ma non è TUTTO così, non tutte le riviste sono pagate dalle case farmaceutiche e non tutti gli studi sono senza valore.
Se fosse tutto senza valore noi non avremmo studi validi su cui basarci. Di Assoluto c'è solo il Creatore, tutto il resto è relativo.
si ma consigliare a chi ha un deficit di B12 di non integrare è dare un consiglio di tipo medico...se quella persona da sola decide di non farlo, sono affari suoi, la salute è un bene disponibile. ma in base alla conoscenze che abbiamo fino ad ora, gli studi fatti sulle carenze non si sono rilevati sbagliati, quindi in assenza di studi che confutino ciò che abbiamo non possiamo NOI dire ad altri cosa fare, perchè non ne abbiamo gli strumenti, e potremmo anche sbagliarci!

Chi ha un deficit conclamato con tanto di manifestazioni è un conto. Chi si sta facendo prendere dal panico perché ha i livelli di B12 più bassi rispetto quelli canonici ma gode di ottima salute è tutt'altro.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da Silver » 29/08/2012, 18:24

stefy0962 ha scritto: Ad esempio questo l'abbiamo fatto, il colesterolo è sceso un po' ma quello cosiddetto buono è sempre basso e i trigliceridi invece sono aumentati: ok, sono valori della medicina ufficiale, ma sono gli unici che conosco.
Ciao Stefy,

il mio commento iniziale era ovviamente generico, leggendo Il genere di informazioni che si stavano scambiando. Mai critico le persone.

I dati sul colesterolo e trigliceridi non sono dati da valutare come a sè stanti. I valori hanno delle interconnessioni per cui un innalzamento di uno può essere bilanciato dall'abbassamento dell'altro senza creare problemi.

Inoltre, se proprio vuoi avvalerti degli esami del sangue per valutare il tuo stato di salute NON puoi basarti su un solo esame e nemmeno di pochi. Essi sono delle fotografie di un sistema dinamico e vivo.
Se io ti facessi vedere la foto di una persona che cammina, tu potresti desumere la sua meta? La sua andatura?
Con un solo esame non puoi sapere se il tuo sangue è sporco perché si sta caricando di sostanze tossiche per prepararsi alla disintossicazione, né puoi sapere quanto si caricherà prima del prossimo scarico. Sarà un'espulsione lieve o violenta? a breve o lontanissima nel tempo? Ci sarà un inversione di rotta per cui non espellerà più nulla.

Un esame più veritiero dovrebbe essere fatto dopo qualche giorno di digiuno (penso che ne bastino 4 o 5) e dopo un adeguato periodo di transizione (sia transizione alimentare generale che preparazione al digiuno): la composizione del sangue è così stabile e non influenzata dai pasti precedenti.

Non a caso quando ci sono patologie realmente gravi, ti attaccano delle macchine che controllano la situazione più volte al giorno tutti i giorni.


La pretesa di comprendere un sistema dinamico attraverso una fotografia statica è pura assurdità quando non un vero e proprio raggiro.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

stefanotorcellan
Messaggi: 206
Iscritto il: 05/11/2011, 1:47

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da stefanotorcellan » 02/12/2012, 3:19

Ciao Silver, ciao a tutti,
La Dr.ssa VIVIAN VIRGINIA VETRANO scrive:
E' COMUNE NEGLI AMBIENTI IGIENISTI che parecchi casi di ANEMIA PERNICIOSA RADDOPPINO il numero dei loro GLOBULI ROSSI dopo UNA SOLA SETTIMANA DI DIGIUNO, senza prendere delle iniezioni di B12.

La scena migliora durante il digiuno, sebbene nessuna vitamina B12 sia disponibile.
Credo che l' eliminazione del fattore tossico durante il digiuno sia molto importante.
Difatti ciò scosta una grande influenza di inibizione dei tessuti che costruiscono il sangue.

DURANTE le prime 2 SETTIMANE DI DIGIUNO, il numero di eritrociti continua a diminuire fintanto che gli organi che fabbricano il sangue non si rigenerano, poi poco a poco, l' immagine microscopica comincia a mostrare degli eritrociti rotondi con i bordi regolari, senza irregolarità nè crenature e si vede presto un aumento del loro numero con la scomparsa graduale delle cellule avventizie presenti all' inizio.

NON E' RARO che si osservi un GUADAGNO durante le 2 SEGUENTI SETTIMANE, ciò che porta il totale a 5 milioni, dunque normale, sebbene questa cifra raggiunga in principio un milione o meno.
DOPO IL DIGIUNO questi soggetti sono nutriti correttamente con alimenti ben combinati di origine vegetale ( frutti, vegetali freschi e noci diverse).
Quando si combinano correttamente gli alimenti, si aiuta meglio a digerire e ad assorbire tutti gli elementi nel menù.

Il Dr. GEORGE S. WEGER dice:
I soli casi di anemia perniciosa che non hanno reagito favorevolmente ai metodi Igienisti sono quelli in cui il muscolo cardiaco è degenerato e in cui uno stato generale di idropisia era esistito da molto tempo, accompagnato, come è spesso il caso, da manifestazioni cerebrali o dalle manie e da un' itterizia emolitica grave.
Questi sintomi avanzati indicano che l' organismo ha superato lo stadio del recupero a causa della devitalizzazione nutrizionale.

Il Dr. WILLIAM HAY aveva riferito di 101 casi di anemia perniciosa ristabilita, e solamente 8 di essi non si erano ristabiliti perchè morenti all'arrivo da lui.
Non è raro per gli Igienisti professionisti vedere altrettanti ristabilimenti, perchè la maggior parte delle anomalie del sangue si correggono durante il digiuno.

Nella Casa del Dr. JOHN H.TILDEN ( 1851-1940 ), il 75% dei casi si ristabilivano.
A proposito del 25% restante di decessi, dice: " Le morti che rappresentano il 25% dei casi avevano avuto luogo solamente alcuni giorni dopo la loro ammissione nella mia istituzione.
Questi casi erano troppo avanzati e non si poteva fare più niente per essi perchè erano morenti all' arrivo da noi ".


" LA VITAMINA B12 E' UNA SOSTANZA REALE O IL RISULTATO DI CATTIVA DIGESTIONE E ASSORBIMENTO ?
Quando si toglie la maggior parte dello stomaco a causa di un' ulcera gastrica o di un cancro, l' anemia perniciosa si svilupperà in 2 o 7 anni.
Ciò è proprio dovuto all'ASSENZA DEL FATTORE INTRINSECO o ad una CATTIVA DIGESTIONE dovuta in generale ad una MANCANZA DI SECREZIONI ? "

" La vitamina B12 SI TROVA anche nel CONTENUTO INTESTINALE delle persone, e NEGLI ESCREMENTI dei pazienti colpiti dall'anemia perniciosa.
NON C' E' RAGIONE PER CREDERE che un MENU' CARENTE DI QUESTA VITAMINA sia la CAUSA DELLA MALATTIA."


DAL PUNTO DI VISTA IGIENISTA, si pensa che LA TOSSIEMIA sostiene un ruolo importante nella produzione dell' ANEMIA PERNICIOSA.
LA TOSSIEMIA stessa causa una diminuzione funzionale, non solo delle ghiandole secretorie dello stomaco, ma di ogni organo del corpo, ivi compresi quelli che costruiscono il sangue.
L'abbassamento funzionale del SISTEMA GASTRO-INTESTINALE disturba la digestione, causando una fermentazione e una putrefazione.
Questo, a sua volta, disturba l' assorbimento dei nutrienti necessari alla produzione del sangue e causa anche l' assorbimento dei prodotti tossici dell'indigestione, cosa che produce ancor più TOSSIEMIA, che a sua volta, abbassa il funzionamento e causa di conseguenza una digestione più debole e un potere diminuito per formare il sangue.

" NOTATE che i VEGETALIANI in AMERICA che sono IGIENISTI sono in PERFETTA SALUTE ".

durian
Messaggi: 44
Iscritto il: 04/01/2013, 18:33

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da durian » 05/01/2013, 11:29

Che topic strano, c'è gente che sull'isola di fruttopia per star tranquilli ci costruirebbe una clinica privata! :D

stefanotorcellan
Messaggi: 206
Iscritto il: 05/11/2011, 1:47

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da stefanotorcellan » 03/02/2013, 11:36

Ciao durian,
durian ha scritto:Che topic strano, c'è gente che sull'isola di fruttopia per star tranquilli ci costruirebbe una clinica privata!
Cosa significa questa frase ?

durian
Messaggi: 44
Iscritto il: 04/01/2013, 18:33

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da durian » 04/02/2013, 16:28

stefanotorcellan ha scritto:Ciao durian,
durian ha scritto:Che topic strano, c'è gente che sull'isola di fruttopia per star tranquilli ci costruirebbe una clinica privata!
Cosa significa questa frase ?
Era una battuta, fruttopia e' una immaginaria isola dove tutti godono perfetta salute grazie alla dieta fruttariana e quindi non hanno bisogno di medici o ospedali, quindi parlare di analisi del sangue e valori vari su questo sito non ha molto senso, poi uno se li puo' fare tranquillamente, libera scelta, ma non mi pare questo il luogo giusto dove discuterne, anche perche' non essendoci "fortunatamente" dottori, nessuno qua dentro ha le competenze per dar consigli su come comportarsi in base a valori troppo alti o troppo bassi, le analisi del sangue fateli vedere al vostro medico, qua dentro parliamo di cose più serene...grazie. :D

arbor
Messaggi: 121
Iscritto il: 14/09/2012, 14:35

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da arbor » 07/10/2013, 6:41

Forse può esserti utile la mia personale esperienza sull’argomento B12 e omocisteina. Quand’ero vegano, su suggerimento della Dott.sa Baroni (scienza vegetariana.it), decisi a un certo punto (nel 2005) di fare un controllo ematico, riscontrando l’omocisteina fuori range (circa 20) e la B12 leggermente sotto la norma. La lettura della Baroni fu: “è tutta una questione di carenza di B12”. Dunque iniziai a integrare la B12 con dosi massicce (molto al di sopra del dosaggio consigliato per il mantenimento). Ebbene la mia B12 nel giro di un paio d’anni salì a oltre 900, ma l’omocisteina rimaneva sempre inchiodata a quota 20. Nel 2007 ho conosciuto l’igienismo e un paio d’anni dopo Valdo Vaccaro, e su loro suggerimento decisi di smettere del tutto con l’integrazione di B12. Da allora non ho più fatto esami del sangue fino alla primavera del 2013, i quali hanno dato valori normali per l’omocisteina (12) e valori piuttosto “bassi” (per la medicina convenzionale) per la B12 (140 mi pare).
La spiegazione che mi sono dato è la seguente: l’elevata omocisteina non era dovuta a una carenza di B12 (tant’è vero che pur portandola a livelli altissimi (oltre 900) l’omocisteina non diminuiva), ma ad altre circostanze, tra le quali una insufficiente capacità assimilativa della vitamina stessa a livello tissutale e cellulare. Tale capacità è poi nettamente migliorata grazie in particolare al mio nuovo stile di vita fruttariano, che non prevede alcuna integrazione di B12. Vaccaro sostiene che un valore corretto per la B12 è più sui 100 che sui 200. Non ho competenza in merito, ma la mia piccola esperienza mi dice che quella della b12 è una bufala: sono più di 4 anni che non integro, e la mia omocisteina è miracolosamente tornata nella norma, cosa che non succedeva quando integravo abbondantemente di b12.

stefy0962
Messaggi: 25
Iscritto il: 10/05/2012, 11:38

Re: consigli su esami del sangue

Messaggio da stefy0962 » 07/10/2013, 21:37

Grazie Arbor,
abbiamo smesso tutti con l'integrazione di B12 e stiamo bene. Ho smesso anche di pensare agli esami del sangue e sono più tranquilla...finché sto bene non mi preoccupo e intanto cerco di imparare ad ascoltarmi meglio. Vedremo in futuro dove riuscirò ad arrivare.

Buona serata

Rispondi