Ripresa alimentare al termine del digiuno

Digiuno: il mezzo migliore per guarire e riabilitare molte funzioni del corpo. Conosciamolo e usiamolo al meglio. Ecologia interna: pulizia ed equilibrio interna dagli intestini, al sangue, agli alveoli polmonari.
Rispondi
Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2635
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Ripresa alimentare al termine del digiuno

Messaggio da Luca » 17/01/2012, 23:55

estratto dal libro fruttalia:

Nei primi digiuni, ovvero fino a quando il nostro corpo non sarà in una condizione di generale pulizia, è consigliabile prendere un leggero lassativo naturale e terminarlo riprendendo col mangiare delle verdure, crude o cotte, in
modeste quantità, per qualche giorno, poiché negli intestini si sono accumulati così tanti strati di muco, che la prima cosa da fare è eliminarli attraverso una rimozione meccanica.

E’ fortemente sconsigliato interrompere i digiuni mangiando frutta, perché la reazione chimica tra gli acidi e gli zuccheri naturali in essa contenuti, ed il muco generato dal corpo ed intriso di sostanze in decomposizione, crea una fermentazione all’interno delle viscere, che potrebbe farle gonfiare a livelli insostenibili.

Soprattutto le persone che generalmente consumano grandi quantità di carne, non devono avvicinarsi alla frutta dopo un digiuno, perché con quel tipo di tossine, le reazioni fermentative sono maggiori.

Per rendere le cose più semplici, potremmo affermare che il digiuno si rompe sempre con un piatto di verdure od insalata; solo quando il tuo corpo sarà molto pulito e dopo molto tempo, spesso anche anni di alimentazione attraverso cibi corretti, non sarà più un problema interrompere il digiuno con la frutta, ma sempre in quantità non eccessive.

Come si sarà certamente capito, i primi pasti hanno uno scopo lassativo e non nutriente, dovrebbero transitare nel più breve tempo possibile e, semmai ce ne fosse bisogno, si dovrebbe ricorrere a clisteri nel caso in cui non si è andati di corpo poche ore dopo il pasto. Uno degli inconvenienti che manda maggiormente in confusione gli inesperti è la stitichezza che può colpire durante i primi giorni di digiuno o subito dopo averlo terminato.
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: Ripresa alimentare al termine del digiuno

Messaggio da Silver » 18/01/2012, 17:26

Bisogna dare alla flora batterica la possibilità di riprendere con calma...
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

Gabri
Messaggi: 22
Iscritto il: 04/02/2012, 15:45

Re: Ripresa alimentare al termine del digiuno

Messaggio da Gabri » 06/02/2012, 15:31

Quindi domani quando interrompo il digiuno mangio della verdura, o dei frutti-ortaggi? E dopo quanto posso iniziare a mangiare frutta e frutta oleosa ( anacardi) perchè sarò al lavoro e rimango in pausa pranzo in ufficio ( viste le condizioni metereologiche) così mi porto qualcosa da casa...
Grazie mille se qualcuno potrà rispondermi, perchè mi sono spaventata con il tizio diabetico che è rimasto secco dopo che ha mangiato i datteri a fine digiuno, racconto di Ehret.

Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: Ripresa alimentare al termine del digiuno

Messaggio da Silver » 06/02/2012, 16:26

Tra verdure ed ortaggi non c'è moltissima differenza una volta cotti...
Scegli tu cosa ti piace maggiormente.

PEr la frutta vera e propria aspetta qualche giorno ma non c'è una regola fissa perché molto dipende da te.
Cerca di capire quando il tuo corpo sarebbe in grado di non avere grossi traumi.

Io cercherei di mangiare solo frutta. Con la dicitura frutti-oleosi tu immagino stia parlando di semi e legumi, che non hanno molto a che fare con la vera frutta.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

Gabri
Messaggi: 22
Iscritto il: 04/02/2012, 15:45

Re: Ripresa alimentare al termine del digiuno

Messaggio da Gabri » 06/02/2012, 18:16

Ciao Silvio,
Grazie per quello che hai scritto...
una precisazione: domani posso mangiare anche verdura cruda o è preferibile cotta?
Per frutta oleosa intendo anacardi, pinoli, noci.. (forse ho usato il termine sbagliato?)
Per quanto riguarda i legumi penso che per un po' non ne mangerò perchè mi gonfiano troppo! Babba bia :oops:

Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: Ripresa alimentare al termine del digiuno

Messaggio da Silver » 06/02/2012, 18:50

se sei al tuoi primo digiuno o quasi, meglio cotta.

I frutti oleosi che citi, non sono appunto frutti ma semi, con tutti i problemi del caso...
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

massimovaj
Messaggi: 5
Iscritto il: 08/06/2012, 13:10

Re: Ripresa alimentare al termine del digiuno

Messaggio da massimovaj » 29/01/2014, 11:07

Ciao a tutti, ormai sono un esperto di digiuni, perché in meno di due anni ho digiunato per 165 giorni, e intendo digiuno effettuato con l'aiuto di pochi sorsi di succo di arance al giorno. Il primo che ho fatto è durato 42 giorni più una settimana a poche foglie d'insalata, naturalmente scondita, che l'ha preceduto, e dodici giorni di reintegro alimentare dopo, succhiando prima, e successivamente mangiando qualche arancia. Oggi è il mio quattordicesimo giorno dell'ennesimo digiuno e sto benone, sono calato solo di cinque chili e sto a 65 Kg su 173 cm di altezza. Conto di protrarlo per altri due mesi perché ho un tumore alla parotide che tento di far assorbire dal mio organismo. Per ora sono riuscito a mantenerlo sotto ai due centimetri, perché se si ingrandisce mi paralizza metà faccia occhio compreso, a causa del nervo facciale che vi passa in mezzo e che sarebbe schiacciato dall'ingrossamento della neoplasia. Non ho mai fatto chemioterapie né radioterapie, né assumo farmaci allopatici, perché sono contrario ai metodi della medicina ufficiale che considero criminali, e sono vegetariano da 40 anni. Per esperienza diretta suggerirei il succo di arancia come migliore via per il reintegro alimentare, ma se il digiuno è durato meno di una settimana, per il reintegro bastano un paio di giorni, il primo con succo e il secondo mangiando qualche arancia. Diversamente, quando il digiuno è stato protratto a lungo, il reintegro deve durare quasi due settimane e il riavvicinamento ai cibi solidi dovrà essere molto progressivo. Spero di esservi stato utile. Ciao ;)

Avatar utente
Akira
Messaggi: 789
Iscritto il: 26/02/2011, 12:41

Re: Ripresa alimentare al termine del digiuno

Messaggio da Akira » 23/09/2015, 9:31

Al momento non ho a disposizione arance. Sono ancora verdi sull'albero.
In compenso ho ancora dell'anguria. Può andare bene lo stesso?
I semi dell'anguria vanno masticati o sputati?

Rispondi