Ehretismo e integratori …. due opposti inconciliabili!

134
9

Ritorniamo piacevolmente a parlare di ehretismo, perchè riceviamo moltissime mail e messaggi su facebook di amici ehretisti fruttaliani, che si trovano spesso davanti al bivio del prendere o non prendere gli integratori.
Noi abbiamo ormai maturato la certezza assoluta che gli integratori sintetici, sbilanciano ancor più gli equilibri interni del corpo già sconquassati da anni di cattiva alimentazione.
Siamo decisamente a favore degli integratori naturalissimi: frutta e vegetali crudi mangiati a morsi!
Un altro valido aiuto sono i succhi di frutta ottenuti tramite gli estrattori di frutta e verdura. Per questo motivo abbiamo deciso di promuovere anche dei GAS (Gruppi di acquisto solidali) di successo relativi agli Estrattori di succhi.

Basterà avere cura di assicurarsi della provenienza biologica degli alimenti e non si incorre alcuna problematica di carenze nutrizionali.

Approfittiamo di questo articolo per approfondire un aspetto alcune volte dibattutto  sull’uso continuo di integratori come se fosse necessario se si desidera avere un’alimentazione vegana o fruttaliana.

Ehret non ha mai consigliato alcuna pillola o integratore di altro tipo.

Il pensiero di dover integrare la dieta nasce dalla consapevolezza che i frutti di oggi sono meno nutrienti degli analoghi dell’epoca. Da ciò si constata oggettivamente che chi consiglia integratori, li vende o li promuove, non sta seguendo l’ehretismo puro, ma una versione modificata ad hoc. Non necessariamente sta facendo qualcosa di errato, perchè magari è convinto in cuor suo che sia giusto dover integrare, ma certamente sta apportando a suo modo una “integrazione”, una “novità” al sistema originale. In altre parole sta cercando di fare ciò che Fruttalia ha fatto già da tempo, ovvero “evolvere” il sistema di Ehret per adattarlo ai giorni nostri. Su questo non c’è molto altro da dire.

Il fatto che la frutta e verdura ai giorni nostri contenga molti meno minerali rispetto a 100 anni fa, benché contenga un fondo di verità, è però da analizzare in dettaglio: se è vero che le grandi aziende coltivano in maniera intensiva e con OGM, è anche vero che esiste una grande popolazione di contadini che coltiva “alla vecchia maniera” e praticamente tutti i mercati rionali hanno una zona dedicata a loro.

Il costo alto di questi vegetali rispetto al corrispettivo da supermercato, è la garanzia di un lavoro umano e tradizionale. La ricerca del costo più basso possibile è un’azione irresponsabile perché è scontato che stiamo comprando cibi di bassa qualità che abbasseranno anche quella della nostra vita. Smettere di fumare, di bere alcolici, di seguire il calcio o la pay-per-view, di abusare del cellulare, etc., comporterebbe un vantaggio economico maggiore rispetto ai pochi euro spesi per avere un prodotto alimentare di qualità.

Inoltre sarebbe opportuno comprare da chi vende un prodotto coltivato naturalmente e non chi vende un prodotto marchiato “BIO”. Faremo un articolo per approfondire quanto detto con questa affermazione.

Aggiungiamo, però, che lo spauracchio della povertà degli elementi nutritivi nella frutta è un pensiero insignificante se paragonata all’alimentazione errata che abbiamo fatto in passato.

Chi si alimenta di  frutta fresca, anche se non in maniera esclusiva ma almeno in alta percentuale, assume de factu molto più contenuto enzimatico, proteico, vitaminico e minerale  rispetto ad una alimentazione standard.      L’assunzione anche minima di alimenti vivi è sempre nettamente più nutriente di una copiosa accozzaglia di cibi cotti.

Eppure nessuna persona che mangia cibi cotti in modo standard, sente l’esigenza di assumere anche integratori.

Integrare significa apportare sostanze mancanti. Mangiare cibo cotto, addirittura, significa introdurre anche cibi a valore nutrizionale negativo.

Anche un frutto da supermercato, quindi, porta con se una ricchezza nutrizionale di gran lunga superiore a qualsiasi cibo cotto.

Quindi perchè consigliarli, e sostenerli in modo cosi convinto ? Forse chi non ha una dieta vegetale crudista, perché altrimenti sentirne il bisogno?

Eppure Ehret, ricordiamolo, consigliava una dieta fruttariana crudista…

Per tutti coloro che hanno iniziato a seguire una dieta frutto vegetale crudista – dopo un adeguata transizione e disintossicazione – assumerà comunque moltissimi elementi nutritivi in più rispetto alla tua dieta errata degli anni precedenti.

Da anni viviamo ormai senza integratori chimici, di sintesi, ma solo con la frutta e altri vegetali come uniche e vera risorse vitaminico minerali alcalinizzanti. Grande energia e benessere non hanno fatto altro che aumentare.

Sembra quindi che gli ehretisti di oggi siano da una parte presi in giro con lo spauracchio delle carenze nutrizionali e del bisogno degli integratori e dall’altra sembrano mancare di risposte vere sulla coerenza e sullo stile naturale e frugale promosso da Arnold Ehret .

E’ per questo che noi di Fruttalia ci siamo presi il piacevole, ma impegnativo compito di continuare anche quel lavoro di studio e ricerca empirica che ci ha insegnato Ehret.

Abbiamo colto il testimone dell’applicazione dei principi di Ehret evolvendo e modernizzando il suo metodo e racchiuso il tutto nel libro Fruttalia, e in questo nostro sito internet www.fruttalia.it

Abbiamo anche aperto da pochissimo anche un nuovo spazio all’interno del forum fruttalia dedicato ad Ehret.

Grazie a tutti

Luca e Silvio

p.s. L’unico integratore organico che esiste non è chiuso in un barattolo, in un tubetto o in una scatolina, ma all’interno di belle e colorate bucce di frutta, che spesso sono anche molto profumate 

Raw Food

Ubuntu Fruit
CONDIVIDI
Articolo precedenteL’importanza degli organi-filtro
Articolo successivoIl metodo Matevo: sport e frutta
Luca Speranza, ricercatore e studioso di vita Naturale, benessere olistico e spiritualità. Sperimento e applico su di me, rimedi e sistemi semplici per ottenere o recuperare salute e benessere. Promuovo il Bio Movimento, alimentazione Fruttaliana (frutta e vegetali), scelte ecologiche e spiritualità attiva. Fondatore del progetto Ubuntu-Fruit, per la Rievoluzione armonica umana. Personal training, istruttore di Atletica leggera, Insegnante di autodifesa e Pancrazio. Master BMR (Bio Movimento Rievolutivo) Gestisco anche i siti www.innerclean.it e www.fruitness.it

9 COMMENTI

  1. Ciao,
    condivido pienamente! Non sono fruttariano, ma purtroppo ogni giorno combatto con chi mi dice che non mangiando carne o pesce dovrei compensare la carenza di proteine e quant’altro.
    Io a suo tempo ho fatto un ragionamento: partendo dal fatto che la carne e il pesce fanno male (e ne sono consapevole, meno, ma anche latticini, riso, pasta, pane e affiliati) e sono solamente un affaticamento per il mio corpo, perché mai dovrei pormi il problema di sostituirli?
    Sono vegetariano da 6 anni, non ho mai preso integratori e sto benissimo. Mio figlio ha 2 anni e non ha mai mangiato un cadavere, e non ha mai preso integratori sta benissimo! a differenza di quanto dicono tutti i dottori (chi ha figli sa come ti trattano!) e tutti i parenti sono convinto che queste scelte in un futuro ci saranno d’aiuto.
    Se un giorno riuscirò a passare alla dieta fruttariana, non vedo perché dovrei fare come i gamberi, un passo in avvicinamento alla frutta e due indietro allontanandomi dalla natura con certe porcherie.
    Perché diciamolo il 90% di integratori chissà con cosa è fatto! Almeno se mangio una mela al massimo in più mi mangio i semi, ma so cosa mangio!
    Grazie per condividere le vostre esperienze e darmi qualche conferma, che purtroppo al di fuori della mia famiglia, faccio fatica a trovare!

  2. anche io sono d’accordo;
    sostanzialmente, nutrendosi così non dovrebbero venir problemi.
    solo qualcuno insiste che in grossa quantità, la frutta senza verdura fa aumentare i trigliceridi e la steatosi epatica (fegato grasso).

    lascerei l’integrazione come atto medico, mirata a colmare più rapidamente carenze già eventualmente presenti, o comunque per velocizzare un processo di guarigione che comunque avverrebbe con uno stile di vita sano; però se il punto di partenza è altamente tossico e si sono verificate già notevoli lesioni anatomiche, allora qualche accortezza merita di essere presa in considerazione: uno che ha già un tumore, trarrà beneficio dal limitare un po’ la frutta, ed aggiungere antitumorali, magari naturali ce ne sono tanti, che non saranno altrettanto necessari o utili per gli altri, o per lo stesso una volta guarito.

    una parola in più va spesa sull’intendersi di quali integratori: certo siamo tutti d’accordo che la vitamine i gli oligoelementi isolati raffinati e di sintesi non siano l’ideale per un essere vivente, tuttavia può essere utile ribadirlo una volta di più.
    specie da chi come me per vent’anni ha propinato integratori vari a destra e a manca.
    Posto che l’integratore migliore per noi è quello che la natura ti offre – e già conoscerli non sarebbe poco- si può fare un distinguo ed una graduatoria dei vari prodotti disponibili, in quanto a fare di ogni erba un fascio si rischia a mio avviso di perdere delle valide opportunità di cura e di buttare via il bambino con l’acqua sporca.

    concludo comunque ribadendo la mia convinzione che la maggior parte delle malattie di cui oggi ci si ammala, si cura e si muore, sarebbero evitate facilmente e ev superate con una dieta e stile di vita corretti.
    quindi la vera prevenzione sarebbe questa e non la diagnosi precoce che tanto spesso incontra i favori dei ns ministeri e gli investimenti delle ns regioni

  3. Sono d’accordo riguardo agli integratori sintetici. Ma cosa dite degli integratori “naturali di produzione bio” tipo Aloe Vera, Alga Spirulina, Polpa del frutto di Baobab, ecc.?
    Grazie per la vostra risposta!

  4. Ciao Rosa, gli integratori naturali di produzione bio” tipo Aloe Vera, Alga Spirulina, Polpa del frutto di Baobab, non sono l’ideale per la specie umana …….Possono anche essere Bio (ma secondo quale definzione?)……Essi sono elaborati, manipolati (seppur minimamente in alcuni casi) conservati, imbottigliati o inscatolati, seccati, come l’alga spirulina.
    Alcuni di essi non nascono nel luogo in cui viviamo, come il frutto del baobab, e cosi come le alghe che non sono neanche un cibo di terra, ma marino.
    Grazie

  5. Salve a tutti, bellissimo articolo, chiaro, esaustivo, coerente.
    Proprio oggi é andata in onda una trasmissione televisiva che parlava di varie diete.
    Ero sola, dietista, unica vegana crudista, principalmente fruttariana.
    Ho dovuto combattere. Sono dovuta intervenire di forza, anche se non sono riuscita ovviamente a dire tutto ció che pensavo. Ti bloccano, ti deridono, sono contrari. I tre ” mostri” sacri che vantavano le loro misere verità, tipo bisogna mangiare tanti formaggi per il calcio, ed ancora: le verdure cotte vanno meglio di quelle crude perché sono più…digeribili!! Se volete ascoltare tutte le loro cavolate, e vedere il mio tentativo di contrastarli, affinché arrivasse alla gente un nuovo messaggio, e non il solito che la dieta mediterranea é la migliore, guardate in internet la trasmissione che é andata in onda dalle 10:00 alle 11:00 di oggi, 29/05/12 , su Class TV , canale 27 DDT , o 507 SKY .salve a tutti. Mirna Visentini. Dietista, autrice del libro: La Dieta Comica.

  6. E soprattutto ricordiamo la funzione: perché dovresti integrare una dieta?
    Perché è povera? Allora basterebbe arricchirla, non integrarla.
    Integrare significa AVER VOGLIA di mantenere una dieta povera per propria scelta e poi trovare l’escamotage per non farsi troppo del male.
    Fruttalia insegna ad essere indipendenti e l’unico modo per farlo è stabilizzare la propria vita con uno stile che sia il più naturale possibile.
    Nessun animale integra la dieta con qualcosa che non sia nel suo menù. Perché l’uomo dovrebbe?

  7. Grazie Mirna per i complimenti.
    Abbiamo postato insieme…

    Hai voglia di mettere qualche link diretto ai video?

    La prossima volta chiama un po’ di cavalleria: fai un fischio e corriamo da te!

  8. Caspita! Avevo scritto un poema, poi é saltata la connessione…
    Dunque, si! La prossima volta voglio tutta la cavalleria e tutte le forze disponibili! I loro messaggi obsoleti, mendaci, grevi di sangue, farmaci e malattie non devono più passare! La gente deve avere la possibilità di scegliere come alimentarsi, senza paure di chissà quali carenze andranno incontro se toglieranno dal piatto i resti straziati di povere creature.
    La gente deve sapere che alimentandosi con il giusto carburante può sconfiggere il male, la malattia, le prevenzioni, gli esami, le sofferenze e la farmaco- dipendenza !
    Deve sapere. Sentire come sia bello sentirsi centrati. Puliti. In armonia con questa terra. Il crudissimo é una esperienza, uno stile di vita che ti pervade e ti dà forza, benessere, espansione, saggezza, tolleranza e amore. La prossima volta andrò in onda con coltelli tra i denti e bombe a…lingua! Non per sopraffazione, ma per poter diffondere al meglio ció che i grandi, i più grandi della storia della nostra terra raccontano da migliaia di anni. Un saluto a tutti! Mirna Visentini

  9. Ai detrattori in TV della dieta Vegan, la prima cosa da fare per metterli a tacere è chiedere loro per quale motivo la Ass. Medici dietologi e nutrizionisti di USA e Canada ha pubblicato articoli e studi dove dichiara che non solo è sana e previene molte malattie, ma è indicata per tutte le fasi, incluse gravidanza, allattamento svezzamento, prima e seconda infanzia, oltre ad essere adatta anche agli sportivi! Insomma, in America ti fanno causa per un nonnulla, una tale dichiarazione non avvalorata dai necessari dati scientifici, sarebbe molto pericolosa per loro!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here