Capelli, peli e luce solare, una nuova ottica sulla disintossicazione.

324
10

sunE’ da qualche anno che studio faccio supposizioni e ricerche e sperimentazioni su di me e con amici sullo stesso percorso, quindi prendete questi dati come una condivisione di pensieri e ragionamenti personali in evoluzione e non come dati di fatto in cui credere, ma ovviamente usando il buon senso possiamo poi continuare la discussione nel forum.

I peli e i capelli sono organi utili come tutti gli altri organi del corpo hanno la loro funzione,  ma spesso vengono contrastati nelle loro funzioni, tagliandoli,  senza sapere che è come tagliare delle antenne.  Un pò come il film Avatar in cui addirittura si interconnettevano con gli animali per entrare in empatia-sinergia totale.

A questo proposito c’è anche la storia dei soldati indiani in vietnam che perdevano le loro capacità di orientamento se gli venivano tagliati i capelli, ma puoi leggere la storia qui in quest altro articolo: I capelli sono un estensione del sistema nervoso.

 

Migrazione_capelli_barba

Sono partito da osservazioni e domande con i loro dati di fatti relativi, ma prima di tutto facciamo una sintesi riassuntiva dicendo che i capelli e i peli sono estensioni della pelle e antenne di trasmissione interna/esterna che trasmettono e ricevono dall’esterno molte informazioni, ma che vengono usati anche per portare sostanze velenose fuori dal corpo, come nel caso dei solfati che rendono i capelli e i peli grigi e poi bianchi .

A questo dato poi si possono partire le varie riflessioni e deduzioni del caso, ma che forse capirete meglio da alcuni esempi su cui ho ragionato:

 

  •  I popoli che vivono nelle fasce tropico-equatoriali raramente hanno peli sul corpo, e raramente soffrono di calvizie mi riferisco agli indios amazzonica(che  non hanno neanche barba).  Perchè?
  • Da molti ho sentito dire che il pelo è un eredità atavica perchè il popolo viveva nel freddo, ma questo è più o meno corretto….e cioè non è perchè vivevamo nel freddo, ma perchè non avendo un alimentazione ideale a noi adatta, il corpo  necessitava di aiuti alla disintossizione e faceva crescere peli allo stesso modo in cui il corpo usa le gengive dei dent per disintossicarsi , così usa i peli….
  • Le persone più sane difficilmente hanno peli superflui . Le modelle sane, crudiste e sportive hanno poca peluria extra, proprio perchè  il loro bisogno capillare è soddisfatto dai capelli che spesso sono lunghi.
  • I peli crescono e si sviluppano in zone dove c’è grasso superfluo e che allo stesso tempo sono in zone vascolarizzate maggiormente con possibilità quindi di alta disintossicazione, come ascelle, petto, zone riproduttive o barba(per uomini) . Le  donne hanno meno peli nel corpo per avere un altro mezzo di sfogo delle tossine  attraverso il ciclo mestruale, che è diventato un aiuto extra per la disintossicazione
  • Le grandi religioni lasciano o impongono i loro adepti di farsi crescere la barba e i capelli, perchè sanno quanto sia importante la funzione anche come recettori “elettrici”  nelle preghiere,  (I grandi saggi sono spessissimo raffigurati con capelli o barbe  lunghissime ). E’ vero che ci sono state culture (egitto, cina, india) dove si rasavano/rasano la testa apposta come segno di maggiore concentrazione/ascesi… e in un certo senso se i capelli sono antenne, tagliarseli, potrebbe anche essere visto come la chiusura in se stessi. Ma forse sono interpretazioni personali di leggi naturali da parte di un popolo. O magari lo  hanno fatto e consigliato per motivi igienici, e per evitare malattie in periodi o zone poco salubri , oppure come nei monaci guerrieri che sanno che con la testa rasata in battaglia, e nella lotta corpo a corpo, non puoi essere afferrato per i capelli come per la coda di cavallo…ma la maggior parte delle religioni consigliano o usano capelli o barbe lunghe . Per esempio i musulmani hanno solo la barba lunga…I sik barba a capelli, i buddisti nulla. Gli ebrei ortodossi solo la barba e le basette ma i capelli corti…etc
  •   Ho seguito e fatto altri ragionamenti e deduzioni anche su come la la luce blocca la crescita dei peli. Si può vedere dalla diffusione del laser per la depilazione definitiva.   Il sole e la luce aiutano la disintossicazione e cosi il pelo non ha più necessita di esercitare la sua funzione di conduttore di tossine e odori all’esterno   Ma il pelo svolge anche altre funzioni come nel caso di molti altri animali che è la protezione della pelle e l’aiuto nella termoregolazione.   Spesso lo può notare chi ha il gesso al braccio che quando lo toglie i peli sono maggiori e più scuri…   Anche chi dorme poco e ha quindi maggiori necessità di pulizia interna ha il “metabolismo dei peli ” aumentato. Alcuni lo hanno provato su di loro durante le vacanze di lavoro …..e anche il principio della licantropia si dice che avevano una crescita accelerata di peli propri perchè non dormivano. In pratica l’uomo in natura è un essere che dopo una lunga dormita si attiva all’avventura alla ricerca di cibo e confort, si diverte, gode dell’aria e dell’acqua e delle creature della terra, vive un simbiosi con la natura, adora crogiolarsi al sole e si fa lunghe “penniche” all’ombra di una palma durante le ore più calde. e quindi il suo pelo c’è ma non è invadente da risultare antiestetico, secondo me è una lieve peluria biondiccia nel caucasico.

A questo punto citare Ehret è d’obbligo in quanto lui e le sue parole furono lo spunto prezioso per capire bene la funzione dei capelli e il perchè dei capelli bianchi:

arnold ehret2

Mentre i medici non possono diagnosticare i disturbi della digestione per mezzo di microscopi e provette, alcuni “ciarlatani” possono determinare il processo maleodorante del deperimento interno usando la semplice diagnosi dei capelli. Oggi persino gli adolescenti, che sembrano essere forti e in perfetta salute, hanno un alito cattivo orribile e sono sorpresi per la perdita dei loro capelli o che cominciano a diventare grigi. 
A questo punto devo dire qualche parola in più sui capelli che diventano grigi. Come già accennato, il contenuto di aria aumenta nei capelli che diventano grigi e suppongo che questa “aria” è fatta almeno in parte di gas maleodoranti. Suggerisco ai chimici intelligenti di verificare la presenza di un acido solforoso, che spiegherebbe anche la diminuzione dei pigmenti nei capelli, perché è risaputo che l’anidride solforosa candeggia.
Sono perfettamente sicuro, particolarmente grazie ai miei interessanti e numerosi esperimenti sul mio proprio corpo, che la causa principale della perdita dei capelli può essere soltanto interna. Non sorprende che l’intero capello, radice inclusa, diventi bianco, muoia e cada se consideriamo che i capelli, le “tubature del profumo” (”camini di scarico”) devono scaricare costantemente gas maleodoranti, acri e molto probabilmente saturi di anidride solforosa, al posto di fragranze naturali e profumate.

Con questa spiegazione sostengo di aver trovato la causa della calvizie e di aver mostrato un modo inequivocabile di curarlo. ……………………….

………………….Devo aggiungere che moltissimi miei capelli erano diventati grigi e cadevano durante il periodo dell’infiammazione cronica dei miei reni, accompagnata da una grave ansia . Dopo aver iniziato il mio processo di guarigione con una dieta e aver curato la grave malattia, i miei capelli grigi diminuirono, e i miei capelli ritornarono folti 

Dato che le cause principali per la perdita dei capelli sono i disturbi della digestione e del metabolismo, ne consegue che soltanto curando quelle aree può avvenire l’alleviamento dei sintomi. Credo che questi risultati possano dare la speranza, anche alle persone completamente calve, dopo il fallimento delle lozioni per capelli. Dato che la causa non è esterna non può essere eliminata dall’esterno. Può persino nuocere l’uso di troppi prodotti per i capelli, dato che molti contengono sostanze pungenti e inorganiche (come le tinture per capelli). Solo le lozioni a base di erbe, come le tinture all’ortica, possono essere di qualche utilità per i capelli. Questo non tanto dovuto ai componenti dell’ortica in sé, ma alle erbe odorose e volatili e alle sostanze grasse incluse, che assomigliano al profumo naturale emanato dai capelli sani e giovanili. Sono più che desideroso di consigliare coloro che già stanno perdendo i capelli o chi soffre per la calvizie.

Non esiste una panacea generale e chi comprende il mio discorso comprenderà anche che i consigli devono essere individuali. Con gli effetti della mia dieta sulla produzione del sangue e sul metabolismo posso garantire la giusta alimentazione del cranio e la soluzione anche per la più grave perdita di capelli se i miei consigli vengono seguiti correttamente. ………………
……………………… I bei capelli sono non solo un fattore importante dell’immaginazione e dell’attrazione, ma sono principalmente una manifestazione dell’aprirsi, della fioritura della vita, proprio come avviene con i fiori che si schiudono. L’incredibile numero di persone calve del mondo odierno deve essere visto come sintomo della diminuzione della forza dell’individuo e del declino di un popolo. I capelli folti e lucenti sono non solo il segno di vita giovanile ed energica, ma anche rafforzano l’energia vitale. Io sono la prova evidente che anche per una persona prossima a morire una rinascita è possibile.

 

Conclusioni e spunti pratici:

Per migliorare la salute e il benessere globale, sarebbe meglio a mantenere i capelli sani e naturali,  lasciandoli crescere naturalmente, e tenendoli liberi, ma puliti e in ordine. Anche il colore dei capelli argento o bianco è meglio esporlo naturale perchè aumenta le possibilità  di un flusso di energia che compensano l’invecchiamento migliorando le capacità del corpo di disintossicarsi.

 


Ubuntu Fruit

10 COMMENTI

  1. ciao complimenti per l’articolo, posso solo confermare quello che hai scritto, in poco tempo ho visto i miei capelli ritornare nel colore naturale. Durante e poco prima la disintossicazione transizione, li ho visto iniziare a farsi alcuni grigi , anche se in tarda età rispetto alla media.
    Pochi ma erano un sintomo ora dopo alcuni anni i nuovi non sono più grigi ma color nature….Attorno a me ho diverse donne in menopausa o pre che hanno problemi di questo tipo ma fanno fatica ad aderire al crudo eheheh
    Inoltre posso confermare un’esperienza vissuta a circa 5-6 anni con capelli molto lunghi bellissimi, mia madre me li ha fatti tagliare è stato un trauma veramente e un blocco energetico molto molto debilitante, e interessante vedere nelle foto dove io inizio a prendere peso in modo anomalo…..e questo è stato veramente traumatizzante.
    Posso garantire è solo la mia piccola esperienza per quanto riguarda la percezione dell’energia tramite i capelli, che porto da adolescente lunghi ed ora sono una donna giovanissima ma di 57 ehehehe, grazie ancora per il tuo articolo.

  2. Ciao, l’articolo è molto bello e interessante.
    Mentre lo leggevo però mi sono venuti dei dubbi. Questo perchè ho provato a mettere a confronto me e il mio ragazzo.
    Io sono vegetariana da quasi 4 anni, mangio verdura cruda prima di ogni pasto e frutta a digiuno. Cerco di mangiare solo cereali e zuccheri non raffinati e di ridurre al minimo il consumo di uova, latticini e caffè. Non fumo e dormo circa 8-9 ore per notte.
    Il mio ragazzo invece fuma, mangia carne ad ogni pasto, dorme poco a causa del lavoro pesante, si ingozza letteralmente di fritti e dolciumi industriali e non mangia MAI un frutto o della verdura cruda.
    Io ho peli più numerosi e duri dei suoi e i miei capelli sono bruttini e crespi. Lui ha solo una leggera peluria e i suoi capelli sono belli, sani e soffici.
    Sono confusa.
    Grazie

  3. Ciao Giada, non conosco dell’età del tuo ragazzo, magari è giovane e tollera molto bene con un metabolismo biologico alto.
    Posso dirti (anche per esperienza personale), che il corpo risolve o tampona egregiamente tutti gli eccessi fino ai 30 o 40 anni. Solo dopo queste età biologiche se non si cambia direzione, il corpo inizia a presentare il conto.
    Riassumendo ;
    -Metabolismo basale e costituzione fisica, generano risposte e sensibilità differenti a stessi stimoli.
    -Ogni organismo umano crea difese allo stress fisico o mentale a seconda di quante energie ha a disposizione in quel momento.
    -Chi ha metabolismo alto elimina meglio tossine di chi per vari motivi può averlo basso, e quindi sembra non accusare dello stile di vita tossico-sregolato
    -Altro aspetto collegato da considerare l’abitudine: Alcuni si abituano a uno stile di vita e i loro corpi sono allenati a sopportare ed eliminare o stoccare quei cariche tossici. Io per esempio che non ho mai bevuto alcol, se dovessi bere un bicchiere di birra lo tollererei molto di meno di chi si beve tutte le sere. E il mio corpo dovrebbe fare gli straordinari per smaltire o tamponare quell’alcol in eccesso.

    L’articolo vuole essere un punto di partenza e di studio personale, da cui andranno analizzati tutti gli aspetti personali, che solo tu puoi conoscere. Per esempio i tuoi capelli quante volte li lavi ? con che sapone li lavi ? Li tingi spesso ? Usi impacchi naturali di erbe? Quale è la tua percentuale di cibo vegetale crudo? quale è la situazione del tuo fegato? Quante uova mangi a settimana? la costituzione genetica ha anche la sua rilevanza.
    Cerca di analizza questi e quanti altri aspetti su di te riesci a mettere assieme e cerca di lavorare sull’equilibrio generale.
    Concentrati sulla pulizia del fegato e dell’intestino/colon aumentando la percentuale di cibo crudo frutto/vegetale ai pasti e vedrai che pian piano miglioreranno i tuoi capelli e il benessere generale.

  4. Ciao, grazie per la risposta.
    “Alcuni si abituano a uno stile di vita e i loro corpi sono allenati a sopportare ed eliminare o stoccare quei cariche tossici.”.. allora è controproducente mangiar sano, perchè quando ho voglia di qualcosa di non sano poi ne pago le conseguenze? Mentre il mio ragazzo può mangiare di tutto perchè il suo corpo elimina?
    A questo pensavo già in passato e mi chiedevo: ma se io magiassi solo sano e crudo, quella volta che ho voglia di una schifezza mi ammazzo… Confusa confusa confusa ._.

    Comunque per rispondere alle tue domande:
    sia io che lui abbiamo 33 anni; lavo i capelli dalle 2 alle 3 volte a settimana con detergenti delicati e biologici (mentre lui li lava tutti i giorni con shampoo chimico+cera e lacca -.-); faccio ogni tanto impacchi con olii o burri vegetali puri al 100% e bio; faccio precedere ogni pasto da un’abbondante insalata di verdure crude, la colazione da una spremuta di agrumi, e mangio un paio di frutti nel corso della giornata sempre a digiuno; uova non ne mangio quasi mai (forse 1 al mese); non bevo e non fumo.

    Probabilmente una percentuale purtroppo molto alta in queste cose dipende davvero dalla genetica

  5. Ciao Giada, non non è proprio così.
    Se fai una vita sregolata e malsana, prima o poi la ripaghi attraverso il tuo corpo.
    Se sei forte e con buon metabolismo tolleri e sopporti meglio, resisti più lungo in “apparente” buona salute, ma il corpo ha comunque un dispendio notevole di energia (è come se guidassi un automobile con il freno a mano leggermente tirato).

    Sulla tua situazione particolare di chiarimento a questo aspetto, andrebbe analizzato bene cosa mangi e quanto ora, ma sopratutto e più importante che cicli di disintossicazione hai fatto nel passato, come hai mangiato negli ultimi anni etc. E come punto chiave concentrarti sulla pulizia interna di intestino, colon, fegato e quindi susseguentemente avrai sangue pulito che circola fluido, ricostruisce e ringiovanisce pelle e capelli e altri organi.
    Uno stato sensibile come quello da te descritto potrebbe essere il risultato di situazioni di scorie del passato ancora non completamente risolte/eliminate, che influiscono e rallentano il tuo metabolismo rispetto a chi invece ha un metabolismo più alto.
    Questo per porre attenzione che il ciclo di salute è da dentro verso fuori e non viceversa. In altre parole pulisci bene i tuoi organi interni anche con brevi digiuni e estratti liquidi di frutta per pulire bene anche pelle e capelli.
    Per finire non è solo una questione di geni, il metabolismo si può e si deve riattivare attraverso la pulizia interna.

  6. Ciao Luca,
    Tempo fa avevo letto un articolo secondo il quale l’uomo cominciò a perdere i peli del corpo quando scese dagli alberi e si avventurò in giro per il mondo. Questo perché la pelle, ricevendo meno luce solare, non riusciva più a sintetizzare la stessa quantità di vitamina D.
    Questa teoria però cozza un po’ con quanto dici tu e infatti non mi tornava perché chi vive nelle fasce equatoriali sia così poco peloso.
    Però non capisco nemmeno perché, se i peli aiutano la disintossicazione, i popoli scandinavi abbiano così pochi peli, visto che mangiano prevalentemente formaggi e prodotti animali di vario genere.
    Sara

  7. Ciao Sara, tutto quello che ci scambiano di informazioni vuole essere un pretesto per ragionarci su con buonsenso e semplicità e trovare insieme le deduzioni più logiche.
    Ci sono alcune considerazioni; la prima è sulla teoria dell’uomo che cominciò a perdere i peli del corpo quando scese dagli alberi: …….non riusciva più a sintetizzare la stessa quantità di vitamina D ? mi sembra molto strana ? mica entra e vive nelle grotte e comunque anche fra gli alberi c’è parecchia ombra. Poi questa teoria andrebbe rivista rileggendo gli studi e traduzioni dei testi sacri, di Sitchin e Mauro Biglino sulla realtà creazionistica da parte degli alieni, che mischiarono Dna loro con quello dei primati sulla Terra, fatto questo che spiega il buco evolutivo della razza umana.
    Quindi in questo caso potrebbero esserci state queste strane dissonanze.
    Sempre in quest’ ottica un poco fantascientifica, ma ormai sempre più accredita anche dal Vaticano che si prepara all’annuncio che non siamo soli nell’universo, si comprende meglio il perchè si passa da moltissima peluria a quasi pochissima in pochissimo tempo(terrestre).
    Quindi i primi uomini, sulla terra che vivevano nella fascia equatoriale africana, probabilmente di razza nera non erano realmente pelosi rispetto ai primati da cui derivavano i loro geni .

    La seconda considerazione è sulle razze. Alcune razze hanno più peli di altre e altre meno, come per esempio quella gialla orientale, da cui derivano i popoli polinesiani, gli indios del Sudamerica che realmente hanno pochissimi peli, ma capelli lisci e molto folti….
    Stessa discendenza sono gli eskimesi che mangiano solo pesce, e che comunque vivono vite molto brevi per questo…ma geneticamente hano pochi peli come razza gialla da cui provengono, mentre altri derivano da altre razze come quella scandinava, che si dice invece sia la discendenza di un altra razza extraterrestre e quindi anche loro geneticamente in maggioranza hanno poco peli, anche se spesso essendo di base biondi si vedono poco rispetto ad uno di carnagione e capelli scuri (https://it.wikipedia.org/wiki/Alieni_nordici)

  8. Ciao molto interessante il tuo articolo. mi viene in mente leggendo gli ultimi commenti sugli alieni che avrebbero mischiato il loro DNA con quello terrestre, che qualcosa di simile è già accaduto prima del Diluvio Universale . Infatti se non erro fu proprio la presenza dei NEFILIM a causare l’ira distruttiva di Dio poichè erano una razza molto cattiva (metà Angeli metà Uomini). Chissà forse è successo ancora qualcosa del genere…forse gli Angeli hanno pochi peli….o molti…comunque non è impossibile credo.

  9. Ciao Stefania, in realtà non furono i Nefilim che fecero arrabbiare “Dio”… Quella del Diluvio era un evento già previsto dalla natura e loro lo sapevano grazie alle loro strumentazione, solo che non lo hanno comunicato se non a qualche loro preferito fra cui conosciamo bene il nome di uno di loro Noè e la sua famiglia.
    Comunque si possiamo solo fare supposizioni per ora, anche se credo che scopriremo sempre di più nei prossimi anni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here