FORZA, CALMA e LUCIDITA’ attraverso il RESPIRO

51
0

Il respiro è un tipo di alimentazione differente da quella “normale” intestinale, ma è forse più importante perchè possiamo stare anche mesi senza mangiare, ma solo pochi minuti senza respirare.

E su questo argomento ho sempre ho sempre creduto che ci sia da molto dire e insegnare. Aver conosciuto Nicoletta , è stata quindi una bella  opportunità per approfondire questo argomento. Il respiro è una grande forza interna da conoscere e usare al meglio.

Luca

———————————————————————————————–

Respirando in modo circolare, ovvero senza pause tra inspirazione ed espirazione, si crea uno stato di ascolto e contatto interiori tali da risvegliare nel corpo energetico il flusso di memorie antiche o recenti, stimolando  il risveglio di consapevolezze e intuizioni su infinite altre sfere della vita in cui desideriamo operare dei cambiamenti. Perché ogni volta che ci prepariamo a un cambiamento, di qualsiasi tipo si tratti, tendiamo al livello emozionale e comportamentale a ricreare uno stato interiore determinato dal nostro modo di respirare. Meno respiriamo più blocchiamo il flusso energetico dentro e intorno a noi, più blocchiamo questo flusso energetico, meno respiriamo.

Eppure è possibile sbloccare e cambiare questo codice di approccio, che, in modo più o meno compulsivo, tendiamo a  riprodurre. Il risultato è uno stato sorprendente di pace e serenità e un immediato ritorno alla vita.

Nell’ultimo biennio, ho sviluppato un approccio al respiro circolare, non più solo incentrato sul mio lavoro di rebirther, ma anche attraverso l’uso cosciente e consapevole del respiro circolare, canalizzandolo attraverso il corpo fisico,  verso l’Alto o verso il Basso.

 

Cosa si intende? Respirare convogliando la propria energia verso il basso, attraverso il respiro,  permette di operare un radicamento delle energie personali all’interno della terra, alimentando nell’individuo che lo necessita la tendenza a vivere maggiormente radicato e quindi libero da paure e tendenze ad estraniarsi. Questo tipo di respirazione convogliata nel canale cosiddetto tellurico è efficacissima anche per concretizzare progetti creativi, di cui sono molto ricche generalmente le persone che vivono piacevolmente tra le nuvole. Oppure per tutti coloro che stanno vivendo un periodo in cui, per svariati motivi personali, sentono di aver perso la gioia di vivere e la grinta di procedere lungo il proprio cammino di crescita sulla terra.

Respirare verso l’alto, invece, permette di elevare la propria consapevolezza su sfere “celesti”, non propriamente terrene, come viene ben consigliato alle persone molto razionali a cui potrebbe giovare un distacco mentale dalle vicissitudini quotidiane. Respirando in questo modo, l’energia creativa viene canalizzata nell’individuo per poi elevarsi al punto da sentire possibile tutto ciò che si sogna e si desidera, senza nessun tipo di limite. In questo modo è possibile staccarsi più facilmente dalla routine quotidiana e credere con maggior convinzione nella fattibilità di un’esistenza originale. E’ questa una respirazione particolarmente consigliata anche a chi si sente annoiato o carente di ispirazione.

Nel mio  10 Tecniche per ottenere CALMA, FORZA e LUCIDITA’ attraverso il RESPIRO,  illustro al livello pratico degli esercizi da poter eseguire quotidianamente attraverso i quali si può sperimentare la beatitudine del respirare così in Alto, così in Basso. Queste tecniche migliorano la connessione con noi stessi, con la terra e con il cielo e rappresentano una guida al respiro consapevole che unisce la conoscenza dei corpi sottili con le tecniche di rebirthing e channelling. Si tratta infatti di semplici esercizi di rieducazione al respiro con tecniche di visualizzazione per migliorare la salute, ritrovare un perfetto equilibrio psicofisico e bilanciare la vitalità e l’energia in base alle proprie caratteristiche personali.

Ecco un semplicissimo esercizio introduttivo atto a promuovere un risveglio psico-fisico immediato e gradevole.Rinomati sono  i giovamenti tratti dal respiro, come viene insegnato in molte altre pratiche orientali. Il 70% delle scorie dell’organismo si elimina con la respirazione, il rimanente 20% con la pelle (prevalentemente sudore), il 7% con l’urina, il 3% con le feci. Meno respiriamo, meno il sangue ha la possibilità di purificarsi dalle scorie che ritornano all’organismo in un circuito chiuso che provoca invecchiamento e tanti altri disagi fisici ed emozionali. Oltre a un processo chimico con il respiro avviene un ricambio del prana, altrimenti detto in altre lingue orientali chi o ki, l’energia che anima tutti gli esseri viventi, senza il quale tutto si ferma. L’energia vitale. Ne consegue l’importanza di un uso corretto della respirazione.Chiudi gli occhi, fai quattro respiri particolarmente connessi profondi nella pancia e subito nel cuore, poi rimani 7 secondi in uno stato di apnea, senza respirare. Ripeti questa sequenza per 3 volte. Quindi dopo l’ultima apnea, rimani in ascolto del tuo sentire. Provi disagio o benessere?Adesso ripeti i quattro respiri connessi e profondi nella pancia e subito nel cuore, ma questa volta, invece dell’apnea, fai un quinto respiro, profondissimo, più profondo dei primi  quattro, oltre il limite di quello che tu credi sia il limite della tua capacità respiratoria. Ripeti questa sequenza per 3 volte. Quindi dopo l’ultimo respiro profondissimo eseguito, rimani in ascolto di quello che è avvenuto in te.Se provi anche un minimo di benessere in più rispetto all’esercizio precedente dell’apnea, sappi che la maggior parte delle persone vive infelicemente in un perenne e ignoto stato di apnea per molte ore della giornata.Respiriamo come viviamo, viviamo come respiriamo. Semplicemente cambiando il nostro modo di respirare, ci possiamo aprire a dei benefici immediati senza bisogno di pensare né di programmare nulla. Basta solo respirare un po’ di più!
Nicoletta Ferroni

Insegnante e Operatrice di tecniche di crescita personale www.nicolettaferroni.itwww.ilprimorespiro.it

 

 

Raw Food

Ubuntu Fruit
CONDIVIDI
Articolo precedenteIntegratori ? ….o frutta e verdura ?
Articolo successivoGiusto peso, peso giusto, cosa è giusto? Aiuto!!
Luca Speranza, ricercatore e studioso di vita Naturale, benessere olistico e spiritualità. Sperimento e applico su di me, rimedi e sistemi semplici per ottenere o recuperare salute e benessere. Promuovo il Bio Movimento, alimentazione Fruttaliana (frutta e vegetali), scelte ecologiche e spiritualità attiva. Fondatore del progetto Ubuntu-Fruit, per la Rievoluzione armonica umana. Personal training, istruttore di Atletica leggera, Insegnante di autodifesa e Pancrazio. Master BMR (Bio Movimento Rievolutivo) Gestisco anche i siti www.innerclean.it e www.fruitness.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here