Space Clearing

65
0

Ho conosciuto per caso Lucia Larese via mail. Volevo complimentarmi del fatto che avesse trattato un argomento molto importante,  specie ai giorni nostri ….la pulizia degli spazi in cui  viviamo.

Pulirli  dagli oggetti che ostacolano le nostre energie, quelli  che non usiamo più,  ma che invece lasciamo li ancora nei luoghi in cui viviamo. Effettuare questa pulizia coincide spesso con un ritrovato benessere energetico fisico e mentale.

Il metodo Fruttalia promuove molto la pulizia  del proprio corpo e della propria mente, da tossine e pensieri negativi….quindi  perché non dello spazio in cui viviamo?

Io conobbi questo tipo di tecnica o esercizio, circa 15 anni fa leggendo un passo di un libro  di Paulo Coelho chiamato Maktub  :

In alcune tradizioni esoteriche, i discepoli dedicano un giorno all’anno  o un week-end se necessario  per entrare in contatto con gli oggetti della loro casa.  

Toccano ciascun oggetto e chiedono a voce alta: Ne ho davvero bisogno?

Prendono i libri dai loro scaffali: Lo rileggerò mai ? 

 Esaminano ciascun souvenir che possiedono: Considero ancora il momento per cui questo oggetto mi ricorda di essere importante ?

Aprono i loro armadi: Da quanto tempo non lo indosso ? Ne ho davvero bisogno?

Dice il maestro: Gli oggetti hanno una propria energia. Quando non vengono utilizzati, si tramutano in acqua stagnante nella casa – un bel posto per insetti e zanzare. Devi essere attento, e permettere che l’energia scorra liberamente. Se tieni ciò che è vecchio, le novità non hanno spazio per manifestare loro stesse.

Lessi e rilessi molte volte questo testo ……ebbi una rivelazione e capii quanto era importante questo aspetto nelle nostre vite. Compresi e sperimentai quanto benessere mi dava, liberarmi di oggetti inutili o semplicemente che non usavo più.

Nel corso degli anni però questo divenne più difficile perchè ho continuato ad accumulare oggetti, documenti fogli, e anche file del computer che spesso faccio fatica a ritrovare, proprio perchè in mezzo a tanti altri oggetti simili, ma inutili.

Insomma consiglio tutti ad approfondire questo argomento e dedicare qualche minuto del vostro tempo per interrogarsi su cosa veramente ci serve e di cosa possiamo invece disfarci, buttare o regalare.

Il libro Spaceclearing: libera il tuo spazio trasforma la tua vita  di Lucia aiuta a fare spazio a casa e, mentre sistemi armadi e
cassetti, impari a lasciare andare le situazioni ormai superate che bloccano l’arrivo delle nuove opportunità nella tua vita.

Chi vuole può anche guardare l’intervista video:
http://www.tg2.rai.it/dl/tg2/RUBRICHE/PublishingBlock-a1e98ec6-5748-4af8-97fd-df8af89e4df0.html

grazie

Luca

======================================================

space clearing libro

Butta via la roba vecchia e avrai una vita nuova!  Ecco un vecchio detto che alcuni mettono entusiasticamente in pratica ad ogni cambio di stagione.

Pensate si tratta soltanto di superstizione?
Vi sbagliate: liberarsi degli oggetti inutilizzati e del ciarpame che ingombra la casa è una vera propria terapia che si chiama “spaceclearing” che si basa sul principio che l’ambiente in cui viviamo riflette la nostra interiorità: di conseguenza un’abitazione disordinata e straripante di cose superflue corrisponde a un confuso e inconcludente approccio esistenziale.

Nato negli Stati Uniti da una costola del Feng Shui lo spaceclearing eredita i concetti orientali dell’antica arte cinese del disporre cose e ambienti per accrescere il benessere e la fortuna personali e li coniugano al pragmatismo anglosassone insegnandoci a liberarci dal superfluo e a conservare l’essenziale dando spazio alla nostra creatività.

Un oggetto non occupa solo spazio in casa, ma lo occupa nella nostra mente e nella nostra vita; ecco perché, fare spazio in casa significa dare linfa e ossigeno alla propria esistenza, come spiega in questo libro Lucia Larese, direttrice dalla Scuola Italiana di Spaceclearing che ha al suo attivo una nutrita rassegna stampa visibile nel suo sito www.spaceclearing.it e un’agenda fitta di consulenze e corsi in giro per l’Italia e la Svizzera e di sessioni di coaching e classi online.

 Un cammino non dal “dentro al fuori”, ma dal “fuori al dentro” per comprendere se stessi e imparare a leggere la casa come una proiezione dei nostri desideri, dei nostri disagi interiori e superarli.Liberatisi dalla zavorra delle cianfrusaglie, e sperimentato il benessere che ne deriva, verrà spontaneo lasciare andare le cose inutili in altri spazi della propria esistenza, e ci si sorprenderà a mettere mani in ufficio, ad abbandonare le relazioni sterili, le abitudini limitanti, un’alimentazione scorretta, creando spazio alle sorprese della vita.

I racconti di chi ha messo in pratica la filosofia, commuoventi e divertenti al tempo stesso e che trovate nel libro, indicano inequivocabilmente che, quando si fa spazio, si aprono le porte ad incredibili opportunità e cose apparentemente impossibili, diventano reali.

“Il Feng Shui può essere considerato l’agopuntura della casa; cioè  lo strumento che permette di risolvere eventuali blocchi energetici presenti in casa” – spiega Lucia Larese – “Lo spaceclearing, aiuta invece a disfarsi degli oggetti superflui per far spazio a una  maggiore energia vitale e alle nuove opportunità che ci presenta la vita”.

Chiudiamo gli occhi e immaginiamo: com’è la casa dei nostri sogni?
Che significato ha questo oggetto per me? “Armonizzare gli spazi della propria casa con la consapevolezza che ogni oggetto intorno a noi rappresenta un qualcosa di noi stessi è un affascinante percorso, che permette di entrare in contatto con il proprio mondo interiore attraverso la comprensione profonda del nostro ambiente esterno. Se la tua casa potesse parlare cosa svelerebbe di te?” – afferma Lucia Larese.

Si accumulano oggetti con l’idea che gettarli sia uno spreco perché – chi può saperlo? – magari un domani potrebbero tornare utili.Una pratica ereditata dai nostri antenati, che nel mondo anglosassone viene chiamata De clutter, e che, in questo libro diventa l’arte di fare spazio in casa come nella vita. Nella civiltà della sovrabbondanza ha perso la sua ragione di essere, e oggi è proprio l’accumulo di cose a dar vita allo spreco di spazio e risorse, perché l’oggetto che noi non usiamo più potrebbe essere utile a qualcun altro.

Si accumulano oggetti nella convinzione che più cose si possiedono meglio si sta,quando invece, in una società invasa dagli oggetti è vero il contrario. Quando si alleggerisce la casa dalle cose che non si usano più si prova la leggerezza che deriva dal vivere in ambienti sgombri dagli accumuli e non si sentirà più la necessità di effettuare acquisti inutili. L’autrice, vera esperta in materia di energie sottili, sia della persona che degli ambienti, ci suggerisce il suo metodo che accompagnandoci lungo un percorso graduale riuscirà sicuramente a motivare anche i più scettici o scoraggiati.

Lucia Larese

 

Chi vuole commentare o  lasciare la sua opinione può scrivere qui nel forum fruttalia nello spazio  Libri su salute e benessere

Raw Food

Ubuntu Fruit