Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Tutto ciò che riguardo la salute e il benessere attraverso nutrizione, movimento e rimedi semplici e naturali
La "La verità è sempre semplice !" Cerchiamo assieme sulle soluzioni più efficaci e naturali per un benessere e salute con buonsenso e semplicità. (BS2)
giuliana
Messaggi: 9
Iscritto il: 10/08/2011, 1:06

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da giuliana » 20/01/2012, 14:46

Si infatti è gratificante sapere di non essere sola.ho la grande di 5 anni che mangia poca frutta ora ha un brutto mal di gola. No con placche. Consigliate qualche alimento in particolare?se la porto dalla pediatra me la imbottisce di med .speriamo che passa nel weekend altrimenti lunedì mattina ci vado.

Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da Silver » 20/01/2012, 16:22

Non esistono alimenti in particolare "da prendere", ma esistono alimenti "da togliere".

Puoi al massimo trovare cibi stimolanti, ma credo che la miglior cosa sia diminuire il cibo "errato" e aumentare brodi caldi di verdure.
il caldo è un buon rimedio naturale per dilatare i vasi sanguigni e sciogliere un po' le mucose.
Aumenta le verdure crude come il sedano, finocchi, etc. proprio per saziare senza cadere in alimenti artificiali
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

stefanotorcellan
Messaggi: 206
Iscritto il: 05/11/2011, 1:47

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da stefanotorcellan » 21/01/2012, 2:43

Ciao Giuliana, non serve andare dal pediatra, devi aver pazienza, con un regime di frutta e/o verdure crude o anche brodi di verdure ( come ha detto Silver) tutto si risolve senza medicine.
Le medicine possono solo aggiungere tossine in un corpo che ha solo bisogno di disintossicarsi.
Importante è non continuare a dare alla bimba "cibi sbagliati".
Ricorda che la malattia è lo sforzo del corpo per eliminare tossine, veleni, muco, ecc., in pratica è l' unica e vera "cura".

giuliana
Messaggi: 9
Iscritto il: 10/08/2011, 1:06

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da giuliana » 30/01/2012, 7:23

voi credete che in un brodo di verdure. Cotte ci siano ancora delle sostanze nutrienti?vitamine sali minerali continuano ad esistere dopo una prolungata cottura sul fuoco.?
Alcune sono scomparse, altre sono ridotte, alcune sono meno digeribili, ma ciononostante il corpo assorbirà tutto ciò che può.
Se pensi che riesce a vivere con un'alimentazione onnivora che oltre al fatto di essere cotta è anche ricca di schifezze, direi che le preoccupazioni in merito al brodo di verdure dovrebbero essere limitate.

manumi
Messaggi: 7
Iscritto il: 19/02/2013, 15:05

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da manumi » 19/02/2013, 15:43

Ciao a tutti, sono Manuela, appena iscritta al vostro forum. Sopno vegetariana da 10 anni, ma vegana solo da uno, ed attualmente in transizione verso un crudismo-fruttarismo. Ho una bambina di 14 mesi, allattata al seno, a cui ho dato sempre una dieta vegana(dai 6 mesi), ed a cui, ultimamente, coerentemente con il cambio alimentare che abbiamo intrapreso io ed il mio compagno, sto dando molti pasti di frutta. Ma, essendo in transizione, ancora a volte cuciniamo qualche pasta o qualche minestra,e, quando lascio la bambina dai nonni (lavoro tre giorni alla settimana), dò una minestra di legumi e verdure. Lei adora lo yogurt di soia, che mangia sempre quando la lascio dai nonni, anche se io non sono convinta della bontà di questo prodotto, essendo elaborato, e mi chiedevo se fosse possibile ed abbia senso prepararle un frullato di frutta al posto dello yogurt, da lasciare ai nonni, o perderebbe tutte le proprietà se preparato troppo in anticipo? Volevo anche chiedere a voi di esperienze con bambini fruttariani, ho letto la testimonianza di Stefano, e chiedo a lui se nella dieta della bambina erano comprese anche noci e semi? E frutta disidratata? E la vitamina B12? Io per ora la integro per me visto che allatto ma alla bambina non l'ho ancora data. Grazie se saprete portarmi le vostre esperienze.

stefanotorcellan
Messaggi: 206
Iscritto il: 05/11/2011, 1:47

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da stefanotorcellan » 20/02/2013, 23:01

Ciao Manuela, la frutta al posto dello yogurt di soia va sicuramente meglio, io però non la frullerei in anticipo.
I nonni non possono frullare la frutta ?

Nella dieta di Andrea ( la nipote di mia moglie ), non erano comprese noci o semi, ma solo latte crudo di mucca e frutta in pasti separati. La frutta disidratata che davamo ad Andrea erano i datteri, messi a bagno e poi frullati.
Non abbiamo integrato la dieta di Andrea con la vitamina B12, in questo caso comunque si potrebbe dire che il latte di mucca crudo che Andrea beveva ne conteneva sicuramente.
Come ho scritto nel mio articolo del 12-12-2011 Andrea è cresciuta con latte crudo di mucca e frutta fino ai 2 anni e mezzo circa, dopo di chè è stata alimentata con un' alimentazione onnivora, visto che i suoi genitori non erano nè crudisti, nè vegani, nè vegetariani.


Una coppia di amici miei hanno cresciuto la loro prima figlia, fino all' età di 7 anni, con una dieta vegan-crudista a base di frutta, verdure, noci e semi oleosi vari, dopo chiaramente allattamento al seno ( fino al 17 mese ).
Appena smesso l' allattamento al seno, per un certo periodo, avevano alimentato la bimba con latte di capra crudo e frutta in pasti separati. La dieta della bambina non è mai stata integrata con la vitamina B12.
Ad un certo punto la bambina ha iniziato a desiderare i cibi che mangiavano tutti gli altri bambini, e i genitori hanno dovuto fare dei compromessi.


T. C. Fry, un grande igienista americano, ( 25 anni vegan-crudista ), ha cresciuto suo figlio Veltron con una dieta composta da frutta ( anche avocado ), verdure, e semi oleosi. A casa mia ho il video in cui Veltron Fry, a 10 anni, viene intervistato da due conduttori di un programma televisivo americano, dove racconta in che modo si alimenta, e dove mostra i suo splendidi denti senza carie. Veltron era l' unico bambino senza carie dentale di tutta la sua scuola.


Sulla vitamina B12 puoi leggere il mio articolo del 2-12-2012 dove ho riportato parte di un articolo della Dr.ssa Vivian Virginia Vetrano:" L' ANEMIA PERNICIOSA E LA VITAMINA B12" - nel forum" Diari, testimonianze e storie di successo - consigli su esami del sangue"


Altri interessantissimi articoli sulla vitamina B12 sono i seguenti:

LA TEORIA TAROCCA E MISTIFICANTE DELLA VITAMINA B12 - Valdo Vaccaro

manumi
Messaggi: 7
Iscritto il: 19/02/2013, 15:05

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da manumi » 21/02/2013, 8:39

Grazie stefano! Questi link però non mi funzionano... :(

stefanotorcellan
Messaggi: 206
Iscritto il: 05/11/2011, 1:47

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da stefanotorcellan » 21/02/2013, 10:06

Ciao Manuela, ho modificato il mio post precedente e ho eliminato i link che non funzionavano. Il link di Valdo Vaccaro non ti funziona ?

manumi
Messaggi: 7
Iscritto il: 19/02/2013, 15:05

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da manumi » 21/02/2013, 16:49

Ciao, quello di Valdo Vaccaro lo conosco, l'ho già letto, mi interessavano gli altri, ora provo

monte79
Messaggi: 17
Iscritto il: 27/07/2011, 6:55
Località: Bologna
Contatta:

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da monte79 » 28/10/2013, 13:26

Ciao Stefano,
hai provato a guardare il significato della Bronchite nella metamedicina

Avatar utente
Akira
Messaggi: 788
Iscritto il: 26/02/2011, 12:41

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da Akira » 05/09/2015, 12:00

Ciao,
in ordine esiste una scaletta che ordina i vari tipi di frutta da dare ad un neonato per lo svezzamento?

stefanotorcellan
Messaggi: 206
Iscritto il: 05/11/2011, 1:47

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da stefanotorcellan » 05/09/2015, 18:53

Ciao Akira, io credo che invece di seguire una scaletta sia molto meglio seguire l'istinto alimentare del neonato.


"Assistenza Igienica ai Bambini",
Dr. H. M. Shelton

Capitolo XVIII
L' Alimentazione infantile

SUCCHI DI FRUTTA E DI VEGETALI

Personalmente ritengo che non vi sia alcuna necessità di somministrare, ad un bambino nei primi due anni di vita, qualsiasi altro alimento, oltre al latte materno, a patto sempre che la madre goda di ottima salute, segua un regime di vita sano e produca latte sufficiente di eccellente qualità.

Spesso, tuttavia, risulta necessario integrare il latte materno, in quanto insufficiente, con il latte di mucca o capra o qualche altro tipo di latte artificiale. (Nota di Stefano Torcellan: le mamme che integrano il latte materno con il latte artificiale sono chiaramente quelle che seguono i consigli dei medici).

Molti NEONATI che non crescono sani e robusti con il latte della propria madre, cominciano a farlo non appena questo viene integrato con dei succhi.

E` necessario sottolineare che I NEONATI, CHE OLTRE AL LATTE MATERNO RICEVONO ANCHE SUCCHI DI FRUTTA E DI VEGETALI, CRESCONO MEGLIO DEI NEONATI CHE RICEVONO SOLTANTO LATTE, SE QUESTO NON E` RISPONDENTE AGLI STANDARD NORMALI PREVISTI DALLA NATURA.

IL LATTE MATERNO FREQUENTEMENTE NON RISULTA ALL’ALTEZZA DI SODDISFARE I FABBISOGNI DEL NEONATO, MENTRE IL LATTE ANIMALE RISULTA SEMPRE INADEGUATO.

SE LA MADRE E' SANA, segue una dieta corretta, ed ha latte in abbondanza, non ci sarà bisogno di fornire al bambino alcun altro alimento che non sia il latte materno, almeno per i primi dodici mesi di vita.

SE INVECE viene usato latte animale, OPPURE il latte materno non risulta rispondente a quello che dovrebbe essere il suo standard naturale, sarà necessario AGGIUNGERE ALLA DIETA DEL PICCOLO dei SUCCHI DI FRUTTA.


E` possibile usare SUCCHI DI VEGETALI, ma personalmente preferisco, come credo anche la maggior parte dei bambini, far uso di SUCCHI DI FRUTTA.

HO SOMMINISTRATO ai NEONATI, nel corso della mia pratica, succhi di arancia, uva, limone, ananas, pomodoro, papaya, mango, mela, pera, susina, albicocca, ciliegia, ribes, anguria, carota, ecc. Non ho mai utilizzato succhi imbottigliati o inscatolati, né cucinati.

IL SUCCO DI FRUTTA deve essere fresco e somministrato al bambino subito dopo essere stato ricavato dal frutto. Esso non deve MAI essere PREPARATO IN ANTICIPO, e lasciato rimanere in una bottiglia, o in un qualsiasi altro contenitore, né per un’ora né per mezza giornata. Il succo di frutta dovrebbe sempre essere appena spremuto Se un neonato mostra di non gradire un determinato frutto, provate a farglielo gustare unitamente ad un altro; forse gli piacerà. Da evitare nella maniera più assoluta l’aggiunta di zucchero.

Questi succhi di frutta sono ricchi di vitamine, minerali, e zuccheri di facile e pronta assimilazione per il bambino. Essi, inoltre, sono preziosi per i benefici effetti che hanno sulla nutrizione generale come sarà dimostrato più avanti dalla discussione del succo di arancia, disponibile in tutte le parti del Paese per tutto l’anno. I pomodori, invece, non sempre sono disponibili in alcune regioni.

IL SUCCO DI ARANCIA è uno dei più gradevoli e deliziosi alimenti che possa essere somministrato ad un NEONATO. Esso contiene sostanze predirete di pronto assorbimento e utilizzazione. Ciò, forse, spiega perché un bicchiere di succo di arancia risulti così rinfrescante per una persona stanca o che sia stata, per un qualsiasi motivo, a digiuno. PIU' L'ARANCIA E' DOLCE, più il succo è rinfrescante. Le arance sono ricche di limetta acida ed altri sali alcalini che impediscono o combattono l'acidosi.

I MEDICI IGNORANTI che condannano le arance perché "rendono acido il sangue" dovrebbero in realtà essere severamente puniti.

IL REGOLARE CONSUMO DI SUCCO DI ARANCIA produce una ritenzione di calcio e fosforo nell'organismo, e l'assimilazione di azoto (proteina) in proporzione alle qualità di questi alimenti contenute nel succo. Il succo, in realtà, mette l'organismo nelle condizioni di utilizzare gli elementi meglio di quanto potrebbe fare altrimenti. Nulla può essere più utile ai bambini, e in particolare ai bambini soggetti ad una cattiva alimentazione, del succo di arancia: non due o tre cucchiai al giorno, ma un intero bicchiere. Non siate tirchi con il succo di arancia: smettetela di concedervi stentatamente pochi cucchiai di succo al giorno, e lo steso vale per i vostri figli.

IL SUCCO DI ARANCIA può venire somministrato ai NEONATI sin dalla nascita, come anche il SUCCO DI UVA.

UN NEONATO DI DUE SETTIMANE dovrebbe bere il succo di mezza arancia, circa due once, non diluito.
A TRE MESI la quantità dovrebbe essere di quattro once a poppata, sempre di succo non diluito, mentre A SEI MESI le once dovrebbero essere otto.

NON AGGIUNGETE MAI ZUCCHERO O ALTRE SOSTANZE AL SUCCO DI ARANCIA.

Il SUCCO DI FRUTTA o levulosio é predigerito ed é pronto per un immediato assorbimento ed utilizzo da parte del corpo. Il succo di tutti i frutti, anche di quelli acidi, contiene più o meno zucchero.

LA MIGLIORE FONTE di ZUCCHERI per i NEONATI é l’UVA. Quando non v’é disponibilità di uva, dell’ottimo zucchero viene assicurato da DATTERI o FICHI.

Prendete la quantità necessaria di uva fresca e matura, (in tutte le stagioni) e, dopo averla attentamente lavata, schiacciatela in una fondina, spremete i vari chicchi fino ad ottenere un succo capace di passare attraverso la tettarella. Non passate il succo attraverso nessun “colino” perché in questo caso quello che si otterrebbe non avrebbe più le qualità necessarie. Il succo dovrebbe venir posto in un biberon e somministrato al bambino come se dovesse succhiare il latte. Il succo di uva non ha bisogno di essere diluito o trattato in alcun modo.

AI NEONATI MOLTO PICCOLI, si possono somministrare quattro once di succo a poppata, mentre a quelli più grandi, (sei mesi), si può arrivare ad otto once a poppata.
Non usate mai succhi in scatola di alcun genere.

Per ottenere del SUCCO di FICO o DATTERO, (usate soltanto fichi seccati al sole e datteri naturali), mettete i frutti in un recipiente fornito di coperchio; versatevi dell’acqua distillata, o della buona acqua dolce, sufficiente a ricoprire i frutti, e lasciate riposare per una notte. All’indomani schiacciate dai frutti l’acqua assorbita, strizzateli, ed usatene il succo. Tutti gli altri succhi che possono essere utilizzati nella stagione, dovrebbero essere somministrati al bambino in bottiglia.
Qualsiasi succo può venire somministrato nelle stesse dosi del succo di arancia o di uva.

Né i succhi di frutti acidi, né quelli di frutti dolci dovrebbero essere somministrati unitamente al latte, ma dopo tre o quattro ore dalle poppate di latte, ed almeno mezz’ora (preferibilmente di più) prima della successiva poppata di latte.

Avatar utente
Akira
Messaggi: 788
Iscritto il: 26/02/2011, 12:41

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da Akira » 05/09/2015, 19:17

Ottimo grazie!

stefanotorcellan
Messaggi: 206
Iscritto il: 05/11/2011, 1:47

Re: Alimentazioni dei neonati e svezzamento

Messaggio da stefanotorcellan » 05/09/2015, 19:22

DI nulla.

Rispondi