Lode allo sgarro ?

Tutto ciò che riguardo la salute e il benessere attraverso nutrizione, movimento e rimedi semplici e naturali
La "La verità è sempre semplice !" Cerchiamo assieme sulle soluzioni più efficaci e naturali per un benessere e salute con buonsenso e semplicità. (BS2)
Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Lode allo sgarro ?

Messaggio da Luca » 02/05/2011, 17:09

Ieri, parlando con un amico del forum, ho potuto condividere un argomento che già da tempo era in mente di scrivere nel blog come articolo.
Si è parlato del esperienza dello sgarro come esperienza evolutiva di crescita personale.

Anzitutto definiamo lo sgarro:
La piu classica è" Infrazione a un codice di comportamento"
Ma è più comunemente inteso come legato al gergo alimentare delle diete, quando si infrange quella o quell'altra dieta con alimentai non concessi da qulla dieta.

Lo sgarro molto spesso è dettato dal nervosismo che ti porta a mangiare anche se sei sazio o ti spinge a desiderare qualcosa di errato o mangiare anche se hai già mangiato, oppure cibo errato da cui ancora non ci siamo disintossicati.

Oppure, ingerendo non cibi spazzatura come pizze,gelati,etc., per il solo fatto di essercelo concesso potrebbe rappresentare una scossa al metabolismo ormai abituato alla solita dieta settimanale ?
Quindi gli sgarri hanno un effetto positivo in alcuni casi e fatti razionalmente e con buon senso?


Considerato il fatto che lo "sgarro" settimanale potrebbe far bene soprattutto a livello mentale, e credo anche fisico in questo post mi piacerebbe confrontarmi con gli altri utenti del forum, per capire che cosa significa per voi sgarrare.
Che ne pensate?
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

Stefano Raw
Messaggi: 20
Iscritto il: 29/04/2011, 17:46

Re: Lode allo sgarro

Messaggio da Stefano Raw » 03/05/2011, 9:47

Beh.....
penso sia cosa assodata che lo "sgarro" sia un legame psicologico col nostro passato......io dopo tre anni
da novembre sono crudista e i miei sgarri si sono quasi annullati.....i cosiddetti confort foods insomma....
il tempo quindi aiuta....ma ancora penso che faccia più male il pentirsi e farsi il sangue amaro che lo sgarro in sè...
infatti man mano che la nostra dieta si affina verso un più alto traguardo il fattore psicologico diventa preponderante......

Ciao Luca!

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Lode allo sgarro

Messaggio da Luca » 03/05/2011, 10:24

Stefano Raw ha scritto:.....il tempo quindi aiuta....ma ancora penso che faccia più male il pentirsi e farsi il sangue amaro che lo sgarro in sè...
infatti man mano che la nostra dieta si affina verso un più alto traguardo il fattore psicologico diventa preponderante......
Ciao Luca!
Ciao Stefano, :D Condivido....
Dobbiamo sempre tenere un atteggiamento alto, libero e pulito mentalmente anche e se si sgarra,
e in quel caso prenderla con filososofia evitando pentimenti e conseguente sangue amaro. ;)
Grazie
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

Avatar utente
Silver
Messaggi: 743
Iscritto il: 16/02/2011, 10:27
Località: TORINO
Contatta:

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da Silver » 05/05/2011, 10:16

Io credo che ci siano però delle puntualizzazioni da fare.

Se lo sgarro è regolare o frequente, intanto, allora non è uno sgarro.
In questa condizione, è importante sapere che il nostro corpo non cambia metabolismo.
Mi spiego meglio: se una persona sovrappeso decide di dimagrire semplicemente eliminando i farinacei, ma si concede il biscottino ogni tanto o la pasta la domencia, allora il dimagrimento sarà insufficiente o nullo, perché il metabolismo registra solo delle brevi interruzioni e non un vero cambiamento.

Lo sgarro, per essere definito tale, dovrebbe avvenire non più di una o due volte l'anno.
PEr esempio potrebbe essere il bioscotto della nonna fatto al vostro compleanno, oppure un piatto particolare mentre si è in vacanza in una località esotica. Più per ragioni culturali/sociali che non per voglie interne.

Se persistono queste voglie, allora è più una "crisi d'astinenza" spiegata bene nel libro Fruttalia e con questa comprensione, bisognerebbe agire.
Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta!
Immagine

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da Luca » 05/05/2011, 11:06

Silver ha scritto:Se lo sgarro è regolare o frequente, intanto, allora non è uno sgarro..
Ottimo chiarimento ;) ed è decisamente necessario per il proseguio della discussione. :)
Silver ha scritto: Lo sgarro, per essere definito tale, dovrebbe avvenire non più di una o due volte l'anno.
Se persistono queste voglie, allora è più una "crisi d'astinenza" spiegata bene nel libro Fruttalia e con questa comprensione, bisognerebbe agire.
Il tempo potrebbe essere relativo da persona a persona, e da condizione a condizione, e magari essere anche una volta al mese o una volta a settimana , o potrebbe essere saltuario come anche il compleanno di amici in cui si senta la voglia di determinati cibi errati.

Ovviamente non deve essere una giustificazione e non deve essere confuso con crisi di astinenza.
Per esempio nello voglia di cibi errati si potrebbe rifelettere cosa è che desideriamo in quel cibo.
Per esempio quando si ha voglia di anacardi, può essere il desiderio per quel tipo di sali che attirà e inganna il corpo.
Oppure nel caso di un dolce cremoso, potrebbe essere il desiderio di quel tipo di minerali.

Con il metodo Fruttalia, vogliamo fara capire che l'autoguarigione, passa per un autoanalisi delle nostre voglie e del perchè le abbiamo, e spesso la voglia di sgarro alla regola alimentare potrebbe anche essere un opportunità di apprendimento oltre che in alcuni casi di gratificazione per gli sforzi fatti, ma a patto che si vada avanti e non diventi un vizio e che faccia parte del cammino.

A me successe con la pasta asciutta pian piano, ma in molto anni, l'ho abbandonata, ma durante il passaggio ogni tanto me la concedevo fino a che ...ho visto la luce :lol: oops cioè ho avuto la realizzazione che non c'è nulla di nutritivo in quelle farine e ora posso vederla davanti senza nessuna difficolta ne desiderarla più neanche come sgarro decennale.
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

franca
Messaggi: 28
Iscritto il: 10/06/2011, 15:02

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da franca » 15/06/2011, 13:23

Ciao a tutti, mi piace questo tema dello sgarro... per ora io sono ancora nella dieta di transizione, il mio unico sgarro sono stati un paio di caffè in due mesi, visto che prima ne prendevo uno (raramente due) al giorno... non mi sono sentita per nulla in colpa (cosa importante credo rispetto agli sgarri, aiuta a capirli meglio: se ci si sente in colpa è un disastro, dopo la colpa arriva la ribellione...)
A me piace portarvi anche la mia visione, che è legata alla molteplicità della psiche: noi siamo composti da tanti diversi aspetti, sé interiori, voci, che spesso hanno risvolti emotivi e affondano nella nostra storia... Quindi il desiderio emotivo - legato a un Aspetto interiore che si sente trascurato - può travolgere la coscienza, per così dire... Dietro a un cibo cui non possiamo fare a meno nella mia esperienza si nascondono aspetti emotivi trascurati. Nel dolce cremoso ho spesso trovato (io ci lavoro con le persone, su questi temi qui) aspetti "afroditici" trascurati: bisogno di sensualità, lentezza, coccole... :-) E' chiaro che per uscire dalla fame del dolce cremoso c'è bisogno di riuscire a darsi quella dolcezza, quella sensualità e quelle coccole in altri modi... con una maggiore attenzione al corpo, con cose che ci piacciono (dalla danza all'arte, dall'uscire con gli amici al farsi fare un massaggio, e così via...). In genre se riusciamo a individuare gli Aspetti è più facile ritrovare un equilibrio, che anzi diventa più consapevole delle potenti forze che si muovono dentro di noi, a volte come alleati a volte come...sabotatori!
Ciao! Franca

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da Luca » 15/06/2011, 14:37

franca ha scritto:... Quindi il desiderio emotivo - legato a un Aspetto interiore che si sente trascurato - può travolgere la coscienza, per così dire... Dietro a un cibo cui non possiamo fare a meno nella mia esperienza si nascondono aspetti emotivi trascurati. Nel dolce cremoso ho spesso trovato (io ci lavoro con le persone, su questi temi qui) aspetti "afroditici" trascurati: bisogno di sensualità, lentezza, coccole... :-) E' chiaro che per uscire dalla fame del dolce cremoso c'è bisogno di riuscire a darsi quella dolcezza, quella sensualità e quelle coccole in altri modi... con una maggiore attenzione al corpo, con cose che ci piacciono (dalla danza all'arte, dall'uscire con gli amici al farsi fare un massaggio, e così via...). In genere se riusciamo a individuare gli Aspetti è più facile ritrovare un equilibrio, che anzi diventa più consapevole delle potenti forze che si muovono dentro di noi, a volte come alleati a volte come...sabotatori!
Ciao! Franca
Ciao Franca, benvenuta! :D
E' fantastico, averti con noi nel forum. Grazie alla tua esperienza in tema psicosomatico, è una vera e propria fortuna di comprendere meglio certi aspetti.
Quello dello sgarro(frequente o meno) è un tema che ho visti scontrarsi degli amici per molte volte.
Alcuni hanno mollato per questo, credendo che non sarebbero mai riusciti a rinunciare ai cibi "dannosi" verso cui si sentivano attratti.

Quello che dici è verissimo e io stesso sto approfondendo questi aspetti.
E attraverso i desideri sul cibo si potrebbe capire molto meglio tante sfumature del nostro carattere e del nostro io interiore.
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

franca
Messaggi: 28
Iscritto il: 10/06/2011, 15:02

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da franca » 17/06/2011, 11:56

Anche io sono felice di poter contribuire con la mia esperienza dei sé interiori a questo viaggio... innanzitutto al mio :-) e magari a quelli di altri. La potenza della nostra psiche, delle emozioni, dei "rinneghi" è enorme... a mano a mano che cresce la nostra consapevolezza, il viaggio diventa più interessante e ampio! Sto ripensando al mio libro "A Tavola con gli Dei" in termini ehretiani... Ciao!

cegima
Messaggi: 4
Iscritto il: 05/08/2011, 15:22

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da cegima » 13/08/2011, 14:17

ciao a tutti,
io son nata sgarrando sempre ho sgarrato però la cosa che posso dire anche se piccola, sono 5 giorni di dieta senza muco a parte che mi sto sgonfiando a vista d'occhio io ho sgarrato una sera cn la pasta mi stavo sentendo male non mi piaciuta nemmeno tanto ma ho dovuto assumerla penso sia stata una crisi d'astinenza.
la dieta ti fa amare dei cibi che prima nemmeno guardavi, un bacio cecilia

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da Luca » 13/08/2011, 18:10

A volte mangiare un cibo della precedente dieta non è proprio uno sgarro, ma un adattamento graduale per un cambio di alimentazione naturale e sereno.
A volte serve eccome, ed è come guidare e avere controllo totale sull'acceleratore, ma anche sapere quando è il momento di frenare dolcemente o bruscamente.
Se lasciamo tutto immediatamente potremmo avere delle crisi troppo forti, mentre credo che la miglior cosa sia adattarsi gradualmente senza .
Aumenta il più possibile cibi crudi e vegetali e molta frutta (lontana da i pasti).
E' vero comunque cambiando dieta mi si è aperto un mondo di nuovi cibi d amare e gustare che neanche immaginavo. sicuramente molto piu vario della dieta precedente. ;)

Per i cibi "frena disintossicazioneo", usate sempre degli accorgimenti per limitarne la dannosità , per esempio con la pasta...molto meglio la pasta integrale al forno ben cotta e secca..... e con molte verdure cotte che aiutano a farla "scivolare" giù nel canale digerente ;)
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

oceanovivi
Messaggi: 19
Iscritto il: 05/08/2011, 19:32

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da oceanovivi » 13/08/2011, 19:32

Sono rincuorata leggendo chenon sono l unica che sgarra.
La mia alimentazione si basa sull 80% di frutta e verdura, al caffè però ancora non riesco a rinunciarci e neanche a qualche dolce che mi viene offerto di tanto in tanto o ad una pizza con gli amici.
Sono una persona molto attiva, la mia giornata comincia alle sei del mattino con un ora e mezza di corsa d estate e d inverno invece con palestra fatta in casa, quando sgarro con una cena fatta di tutto tranne che frutta e verdura la mattina non riesco più ad alzarmi ed il mio solito sprint e buonumore non lo trovo più.
Mi assale una bruttissima sensazione che mi dura un paio di giorni in cui mangio solo un pò di verdura. Trascorsi due giorni sento che il mio corpo sta ritornando alla normalità.

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da Luca » 13/08/2011, 20:16

oceanovivi ha scritto:La mia alimentazione si basa sull 80% di frutta e verdura, al caffè però ancora non riesco a rinunciarci e neanche a qualche dolce che mi viene offerto di tanto in tanto o ad una pizza con gli amici.
Sono una persona molto attiva, la mia giornata comincia alle sei del mattino con un ora e mezza di corsa d estate e d inverno invece con palestra fatta in casa, quando sgarro con una cena fatta di
Ciao Viviana, benvenuta fra la media dei fruttariani.
Abbiamo avuto, chi piu chi meno, dei passati radicati in modo talmente forte che abbandonare certi cibi o abitudini non è sempre facile.
Lo sforzo però si può fare con un minimo di impegno e con gradualità.
Fortunamente la dieta fruttariana non è una rigida visione religiosa, ma un lento ri-avvicinarsi all' ideale alimentazione umana, passando per tutti quei cibi a cui eravamo abituati, tralasciandoli uno dopo l'altro. :D
Ognuno ha il suo tempo i suoi ritmi e nella sua alimentazione farà molte prove.

Comunque in una certa ottica quel cibo che ti permetti non è proprio uno sgarro, ma un evoluzione naturale attraverso cui tutti noi passiamo. :)
Vedrai che ti staccherai lentamnte da certe abituidini dannose nella misura in cui la tua coscscienza liemntare crescerà.

Per esperienza ho visto che ogni fruttariano,o sulla via del fruttarismo, ha i suoi vizi, chi il cioccolato, chi le sigarette, chi la pasta, chi le patate lesse o quelle al forno, ma in un modo o nell'altro sono passaggi in cui si impara qualcosa .
L'importante secondo me è mantenersi su alte percentuali di frutta (l'80% è molto buono) e andare avanti, aumentando la percentuale.
Ma stare attenti anche a quando si "sgarra" a come lo si fa, cioè se mangi una torta, magari mangia solo quella e il giorno seguente per esempio , mangia solo frutta, oppure digiuna.
Il caffè d' orzo potrebbe andare bene come bevanda sostitutiva del caffè, ma solo pe run primo periodo, poi passa ai succhi di frutta...devi riabituare il corpo ai sapori veri e naturali e adatti a noi (l'orzo è anch'esso un cerale, non tossico e stimolante come il caffè ma comunque non adatto all'uomo) ;)
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da Luca » 21/08/2011, 15:33

Ecco una bella testimonianza sullo sgarro della mia amica e sorella di cammino, sullo sgarro.
[b]Paola Pinto[/b] ha scritto:Ieri ultimo giorno di sgarri...!!! Ricomincio daccapo
Mi sono concessa volutamente, con piena consapevolezza e volontà, due settimane di "sgarri" alimentari che hanno contemplato pizza, birra, pasta, verdure cotte e pane. Pesavo 56 kg ed ora ho 4 kg in più!

Riprendo la giusta alimentazione oggi e anche se avevo pensato ad un digiuno di un paio di giorni, sento che non è quello che mi servirebbe o di cui il mio corpo ha bisogno ora! Diciamo che devo riprendere la Dieta di Transizione di Ehret quasi dall'inizio escludendo le verdure cotte di cui non sento necessità. Ricomincio con frutta dolce e verdura a foglia secondo esigenza!
Ora sarà molto più semplice per me rifare il percorso che avevo intrapreso per la prima volta nel dicembre scorso e cioè 8 mesi fa, ora la pratica acquisita nell'aver reimparato ad ascoltare il mio corpo, unita alla consapevolezza, mi saranno preziose e utilissime alleate!!!
Devo dire che ho provato molto piacere nel riprendere a mangiare i vecchi cibi che soddisfano la gola in maniera superlativa... la PIZZA è uno dei cibi che ho mangiato più spesso e in abbondanza, una vera libidine per la gola al punto da riuscire a mangiarne anche quantità esagerate...

Dopo circa 5-6 giorni di sgarri però, ho iniziato a sentire il sapore dell'amido che mi saliva in gola e in bocca a tutti gli orari e man mano che passavano i giorni diventava più persistente e preponderante, anche ora che sto scrivendo lo sento in forte eccesso come se avessi appena fatto un'abbuffata di pizza!

Posso anche dire di non aver avuto alcun sintomo negativo...credo che la mia volontà di sgarrare sia stato un fattore determinante affinchè il mio corpo reagisse bene! Diverso sarebbe stato se invece avessi vissuto tutto questo cibo spazzatura con dei sensi di colpa!

...la Consapevolezza di ciò che Siamo, Vogliamo e Facciamo è molto importante...a voi le vostre conclusioni!!!

Ora ricomincio il mio percorso per ritornare ad una sana e corretta alimentazione con ancora maggiore consapevolezza di quanto sia sano ed inebriante vivere di frutta dolce e succosa!

E' stato un bene fare queste 2 settimane di cibi non vivi, sono entrata in una consapevolezza più alta, ora ho veramente sentito sul mio corpo gli effetti del vecchio cibo in quanto ero ad un livello di grande pulizia!!!

Ricomincio quindi dal principio, anche di questo ero consapevole; diciamo che è stata una sorta di prova, un passaggio, anche perché 8 mesi fa quando ho iniziato la Dieta di Transizione, l'ho fatto con molta leggerezza e serenità, ma sopratutto improvvisamente e drasticamente senza pensare a tutti i cibi ai quali stavo rinunciando, ricordo che pensai solo che essendo cibi spazzatura andavano eliminati!!! Ora sono molto più consapevole di tutto, mi son tolta le varie voglie e desideri che erano rimaste in sospeso e sono pronta a ridare al mio corpo l'equilibrio che avevo raggiunto dopo gli 8 mesi di percorso alimentare naturale Frugivoro!!!

...ora vado a bere un po' d'acqua e limone e continuerò la Dieta di Transizione che per questi giorni prevede Uva, Anguria, verdura a foglia crude e ovviamente il medicinale del corpo che è il Limone...il miglior sciogli-tossine che esista!!!
... ...PURA VIDA a tutti e... ...

NON siate MAI troppo ESTREMISTI con il vostro CORPO che è pur sempre un ESTENSIONE della VOSTRA ANIMA!!! ❤ ☼ ❤ ☼ ❤ ☼
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

paola pinto
Messaggi: 21
Iscritto il: 05/02/2011, 16:42
Località: Lecce
Contatta:

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da paola pinto » 21/08/2011, 17:42

Grazie Luca, ciao a tutti! :)
Alla fine dei conti sgarrare di propria volontà ci insegna, ci educa a gestire lo sgarro.
Essere noi a concederci una pizza o un piatto di pasta consapevolmente fa bene, a differenza, invece, di uno sgarro fatto senza controllo che ci riempie di sensi di colpa che scatenano delle reazioni negative nel nostro relazionarci con l'universo!
I sensi di colpa in una consapevole dieta Ehretista ma anche nella vita di tutti i giorni non ci aiutano certo a crescere, siamo noi che dobbiamo tenere in mano le redini e quindi io dico Viva lo Sgarro Autogestito!!! ;)

Grazie ancora Luca, è un vero piacere sapere che la mia esperienza potrà essere d'aiuto ad altri transizionisti! (concedimi il termine)
Un abbraccio e Amore a Tutti
...Pura Vida!

robyvac
Messaggi: 56
Iscritto il: 24/03/2011, 19:15

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da robyvac » 22/08/2011, 20:55

Ragazzi, io sarei teoricamente fruttariano da un bel pò, ogni tanto mi concedo qualche PAZZIA(non mi piace chiamarlo sgarro)o qualche tuffo nel profumo e nel sapore dei ricordi, ed è piacevole perchè non è più una dipendenza come lo era prima, e parlo di dipendenza prevalentemente emotiva. Dunque in questa modalità non riesco proprio più a considerare un gesto occasionale ed insulso come un qualcosa che meriti essere discusso in tono serioso e colpevolizzante, in più lo trovo controproducente per il mantenimento della serenità interiore indispensabile per affrontare una transizione al fruttarismo :D Il senso di colpa non giova a nessuno, così come non giova l'autorisentimento, la repressione e la mancanza di onestà verso se stessi :mrgreen: Quindi la vivo così: quando succede che faccio una pazzia ritengo che era necessario farla e non c'è motivo di sentirsi colpevoli, quindi il problema non sussiste davvero. Uno può metterci 1 anno a passare a sola frutta, altri possono impiegarne 3 e altri ancora 15, ma in fondo cosa importa come vivono gli altri?Non è più utile dedicarsi a se stessi? Oltre a tutto non è che me ne freghi granchè di definirmi fruttariano, anche se alimentarmente lo sono, quindi non mi sento per niente incoerente con la mia etichetta(perchè non me ne riconosco nessuna) perchè mangio un pezzo di focaccia genovese appena sfornata quando mi viene la SUPERVOGLIAMATTAOCCASIONALE, anche perchè viene smaltita in un attimo...con tutta la frutta che magno durante il giorno..eheh Auguri sereni a tutti

robyvac
Messaggi: 56
Iscritto il: 24/03/2011, 19:15

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da robyvac » 22/08/2011, 20:57

Ieri sera ad esempio ho assaggiato quattro cucchiai di zuppa di farro e legumi che mia mamma si era preparata con tanto amore :lol: non ne mangiavo da circa un'anno... ed è stato davvero simpatico ;)

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da Luca » 23/08/2011, 0:56

robyvac ha scritto:Ragazzi, io sarei teoricamente fruttariano da un bel pò, ogni tanto mi concedo qualche PAZZIA(non mi piace chiamarlo sgarro)o qualche tuffo nel profumo e nel sapore dei ricordi, ed è piacevole perchè non è più una dipendenza come lo era prima, e parlo di dipendenza prevalentemente emotiva. Dunque in questa modalità non riesco proprio più a considerare un gesto occasionale ed insulso come un qualcosa che meriti essere discusso in tono serioso e colpevolizzante, in più lo trovo controproducente per il mantenimento della serenità interiore indispensabile per affrontare una transizione al fruttarismo :D Il senso di colpa non giova a nessuno, così come non giova l'autorisentimento, la repressione e la mancanza di onestà verso se stessi :mrgreen: Quindi la vivo così: quando succede che faccio una pazzia ritengo che era necessario farla e non c'è motivo di sentirsi colpevoli, quindi il problema non sussiste davvero. Uno può metterci 1 anno a passare a sola frutta, altri possono impiegarne 3 e altri ancora 15, ma in fondo cosa importa come vivono gli altri?Non è più utile dedicarsi a se stessi? Oltre a tutto non è che me ne freghi granchè di definirmi fruttariano, anche se alimentarmente lo sono, quindi non mi sento per niente incoerente con la mia etichetta(perchè non me ne riconosco nessuna) perchè mangio un pezzo di focaccia genovese appena sfornata quando mi viene la SUPERVOGLIAMATTAOCCASIONALE, anche perchè viene smaltita in un attimo...con tutta la frutta che magno durante il giorno..eheh Auguri sereni a tutti
Ciao Roby, hai spiegato veramente bene un concetto che condivido in pieno. ;)
La via morbida e armoniosa, ma forte e decisa, in onesta con se stessi(l'unica persona a cui dobbiamo rendere conto veramente) ;)
Uno può metterci 1 anno a passare a sola frutta, altri possono impiegarne 3 e altri ancora 15, ma in fondo ognuno vive come vuole, dedicandosi alla sua evoluzion personale.

Semplicità e buon senso........ 8-)
L'evoluzione vien da sè.....naturalmente :D
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

palmerino
Messaggi: 4
Iscritto il: 16/12/2012, 18:48

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da palmerino » 12/05/2013, 0:05

in questi ultimi anni ho compreso quanto sia complicato essere ligio nell'alimentazione.
ci sono riuscito bene, anzi benissimo quando andavo in giro con il mio furgone/camper; nei fatti mangiavo solo cibi crudi (per lo più frutta) e all'epoca non sapevo neanche di seguire la dieta senza muco proposta da Ehret. ;)
salvo saltuari "sgarri", mi sono ritrovato a pesare quando avevo circa 30 anni, prima di sposarmi. :roll:

purtroppo, nonostante mi sentissi bene sebbene tutti mi vedevano troppo magro (poco male), dopo essere ritornato alla base ho ripreso a mangiare cibi non propriamente ottimali: potevo dire di no alla mozzarella di bufala, alla pasta, pizza? :twisted:

ho compreso che essere vegetariani e anche quasi strettamente vegani (come sono attualmente) non aiuta a ritrovare una sincera forma fisica e mentale. :cry:
bene: ho fatto l'esperienza con il mio corpo (e la mia psiche) e adesso ho compreso che non posso continuare a prendermi in giro.
Eliminerò i cereali e i legumi cotti privilegiano i germogli, nel caso.
il cibo cotto sarà l'eccezione (solo vegetale) e il mio cibo di transizione: il cibo crudo sarà la mia scelta finale.
sarà dura quando sarò in compagnia di amici/parenti che si alimentano soprattutto con i cibi cotti.
no, non sarà dura; basta scegliere di pensare che sarà semplice e poco mi importerà cosa penseranno gli atri.
ognuno ha la sua responsabilità, del resto.

ho compreso comunque che non è solo l'alimentazione a cambiare, anche un modo di pensare e vivere la vita.
semplicità e attualmente sento la necessità di liberarmi delle tante cose che inutilmente ingolfano la mia vita.
sono ottimista. ;)

Avatar utente
ViM
Messaggi: 30
Iscritto il: 05/07/2012, 2:45
Località: Taranto

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da ViM » 13/05/2013, 23:53

Bravo!
Anch'io ho preso la stessa decisione, e con il tempo e lentamente si impara a fondere le proprie scelte, con il contesto sociale, e non e' necessario che ci sia scontro. Lentamente si impara a essere consapevoli, coerenti, organizzati. :)

Ti auguro il meglio e fai benissimo ad essere ottimista! Lo sono anch'io! ;)

Infine, volevo dire: parole sante quelle di Robyvac, quotissimo!!

arbor
Messaggi: 121
Iscritto il: 14/09/2012, 14:35

Re: Lode allo sgarro ?

Messaggio da arbor » 11/09/2013, 14:04

La mia esperienza con gli sgarri è che questi se ne vanno da sé parallelamente all’evolversi del processo di disintossicazione. E’ stato così per il caffè: prima sono passato a quello d’orzo, poi anche la voglia di caffè d’orzo è scomparsa da sola: ma ci è voluto comunque qualche anno. Per i cereali la cosa è stata più complessa: visto che questi mi mantenevano in detox intestinale permanente, mi sono imposto di eliminarli del tutto senza aspettare che passasse la voglia (come nel caso del caffè), che infatti dopo tre anni ancora non se ne voleva andare. A fare questo passo mi ha molto aiutato il ricorso all’aumento del consumo di frutta nel corso della giornata, fino a saziarmi, in modo che poi la sera la voglia di carboidrati si acquieta. Si è trattato di una decisione veramente provvidenziale per me, che mi ha consentito di dare un grosso colpo di acceleratore alla detox (ci è voluto comunque un anno circa per spazzar via la detox intestinale).
Ora i miei sgarri sono di due tipi: uno abbastanza frequente, e dunque non un semplice sgarro, ed è la verdura cotta in coda al pasto serale di verdura cruda. Qui mi sa proprio che sarà un battaglia veramente dura, anche perché la verdura cotta non mi dà noie intestinali, al contrario dei cereali, e quindi non so bene come andrà a finire. L’altro invece è il classico sgarro sporadico, della pizza per il compleanno degli amici; siamo in 5 (di cui 2 gemelli), quindi una trasgressione mediamente ogni tre mesi; e comunque si tratta di uno sgarro che vivo con grande serenità né sensi di colpa, anche perché ho praticamente superato la dipendenza dai cereali e dunque non soffro più per la relativa crisi d’astinenza.

Rispondi