Diario di Nino: tentativo di transizione

Qui puoi raccontare, condividere le storie del tuo cammino di transizione Fruttista, dei tuoi successi evolutivi personali, delle tue sperimentazioni con la dieta Fruttaliana, vegan frutto vegetale.
Avatar utente
nino#
Messaggi: 87
Iscritto il: 24/09/2016, 7:18
Località: Reggio Calabria

Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da nino# » 11/10/2016, 15:04

Stavo un po' tergiversando perché onestamente ancora non so se riuscirò nel mio intento di approdare ad un'alimentazione totalmente fruttariana. L'intenzione è quella di non arrendermi. Vedremo...

Come dicevo in presentazione, vorrei cominciare con un breve excursus sui miei trascorsi salutistico-alimentari. Mi scuso in anticipo per il post un po' lungo...

Io ho sempre sofferto di disturbi intestinali: ricordo che ero proprio bambino e già mi sottoponevano a visite e radiografie.

Un po' di miglioramento lo notai quando decisi di darci un taglio col latte. Ma la situazione era ancora tutt'altro che buona.
Oltretutto, a partire da un momento indistinto della mia vita, cominciarono a manifestarsi problemi di pelle: eritemi, eczemi, disidrosi...

Circa 7 o 8 anni fa, decisi di sottopormi alla mia prima colonscopia (mi ci hanno quasi costretto, anche perché in famiglia si erano purtroppo verificati diversi casi di carcinoma al colon).
Mi fu così diagnosticata una "colite microscopica cronica", per cui, secondo il gastroenterologo, mi sarei dovuto sottoporre a vita ad una terapia di cortisone, da ripetere ad intervalli regolari.
Con la cura, in effetti, all'inizio cominciai a sentirmi meglio... Solo che, soprattutto nei periodi intermedi tra un ciclo di cortisone e l'altro, notavo un'evidente recrudescenza delle dermatiti, con eritemi che si diffondevano per tutto il corpo, un prurito insopportabile, la pelle che desquamava e ulcerava se mi grattavo... Inoltre, andando avanti, si moltiplicavano i sensi di malessere: indolenzimenti in tutto il corpo, difficoltà di respirazione, insonnia... C'erano notti che credevo di poter morire da un momento all'altro: era una sensazione atroce.
Parlai con diversi specialisti, feci un sacco di accertamenti: niente.
Poi mi misi a fare ricerche per conto mio, finché non approdai ad una lista in cui venivano elencati tutti i miei sintomi per filo e per segno: si parlava di micosi intestinali ed, in particolare, di infezioni di candida albicans (che io, fino allora, pensavo interessasse solo il mondo femminile...). Lessi come fosse difficile diagnosticare questo tipo di infezioni...; esisteva però un test, da prendere in farmacia. Lo ordinai e lo feci: risultò decisamente positivo! La prima raccomandazione, in questi casi, è di cessare di assumere zucchero e lievito: provai a farlo e in una settimana stavo già molto meglio!
Da allora (parliamo di oltre cinque anni fa), niente più zucchero e lievito di birra per me! Non è stato semplicissimo, dato che o l'uno o l'altro o entrambi sono contenuti nella stragrande maggioranza degli alimenti. Oltretutto ero golosissimo di dolci...
Ora, onestamente, non so se la mia auto-diagnosi fosse corretta, anche perché non penso di avere avuto questo tipo di micosi fin dall'infanzia... E' probabibile, invece, che essa sia, eventualmente, intervenuta proprio a causa del cortisone, che, come è notorio, è un flagello per la flora batterica e, quindi, di conseguenza, una manna per i microorganismi antagonisti, come i funghi... Fatto sta che, incidentalmente, ho tolto dalla mia alimentazione due elementi che erano sicuramente dannosi per me: questa è la cosa fondamentale...

Ho voluto fare questa lunga introduzione, proprio perché tutto questo mi è servito a capire come già la rinuncia ad alcuni componenti, seppur comuni nella c.d. alimentazione normale, possa così radicalmente influire sulla propria salute!
Quindi considero questa rinuncia, operata anni fa, come un primo passo verso un cambiamento più radicale...

Tornando al presente, ho già interrotto di mangiare carne dal mese scorso. Da qualche settimana ho interrotto anche gli altri alimenti di origine animale. In questo momento, almeno un pasto al giorno lo faccio di sola frutta ed ho quasi del tutto tolto la pasta... Ma la strada è ancora in salita.

Ci sentiamo per gli aggiornamenti... :)
L'uomo, per essere libero, dovrebbe prima rendersi conto di non esserlo.
Il genere umano, infatti, non solo è schiavo del profitto, ma è anche costantemente plagiato e frastornato da un'immane mole di menzogne, allestita ed alimentata allo scopo preciso di blindare il sistema del mercato.

Avatar utente
Folletto
Messaggi: 74
Iscritto il: 20/08/2016, 14:47

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da Folletto » 12/10/2016, 12:59

Bravissimo! Secondo me ascoltando il tuo corpo e valutando tu stesso gli effetti delle modifiche apportate all'alimentazione hai fatto già un gran passo avanti..
Non sono un'esperta (Sul forum c'è chi ti saprà consigliare moooolto meglio) però mi sembra che hai iniziato e stai proseguendo bene!

Avatar utente
nino#
Messaggi: 87
Iscritto il: 24/09/2016, 7:18
Località: Reggio Calabria

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da nino# » 12/10/2016, 14:21

Grazie! :)

L'intenzione è buona, ma la carne è debole. :D

No, il fatto è, come dici anche tu nel tuo diario, spesso determinate situazioni ti costringono proprio allo sgarro.
Io ho una situazione familiare particolare: niente di che, solo che, data la recente partenza delle figlie per motivi di studio, io e mia moglie siamo rimasti soli soletti.
Allora, a pranzo non ho problemi: quando c'erano le ragazze, facevo un salto a casa (la distanza e la bici lo permettono :) ). Adesso, però, di comune accordo con mia moglie, abbiamo convenuto che è meglio che rimanga in ufficio: non vale la pena farla cucinare solo per me; lei di solito mangia quando le viene fame e varia tantissimo...
Quindi, a pranzo, vai di frutta: oggi un chilo circa di platani maturi locali verso le 12 e un bel centrifugato di mela, kiwi, zenzero e menta alle 13 e 30! :D
A cena è diverso: prima spesso la preparavo io e adesso mi si stringe il cuore a mangiare da solo e vedere che mia moglie si fa un panino... Quindi, spesso preparo qualcosa io che vada bene un po' a tutti e due: verdure grigliate, pizza (con lievito madre), patatine fritte, piadine...
Devo dire che mia moglie non vede di buon occhio la mia scelta, ma soprattutto perché si preoccupa (ieri mi ha visto tirare su i pantaloni e subito: "Ecco, lo sapevo, sei dimagrito un sacco!"). Ma spero di poterle dare delle belle dimostrazioni che sbaglia a preoccuparsi! :D
L'uomo, per essere libero, dovrebbe prima rendersi conto di non esserlo.
Il genere umano, infatti, non solo è schiavo del profitto, ma è anche costantemente plagiato e frastornato da un'immane mole di menzogne, allestita ed alimentata allo scopo preciso di blindare il sistema del mercato.

Avatar utente
Folletto
Messaggi: 74
Iscritto il: 20/08/2016, 14:47

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da Folletto » 12/10/2016, 18:54

Si è un pò quello che sto passando anche io con varie persone..
Conunque penso che abbiamo appena iniziato e che dobbiamo abituarci psicologicamente oltre che fisicamente.. Quindi ci può stare in questa fase e come dici tu gli dimostreremo che la nostra scelta è salutare!

Che buono questo centrifugato che hai fatto, (Ho scoperto l'abbinamento menta frutta quest'estate e lo amo) ho il negozio che vende hurom qui vicino ma fa i miei stessi orari uff..

Avatar utente
Varda
Messaggi: 288
Iscritto il: 23/04/2011, 21:36
Località: Carmignano (PO)

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da Varda » 12/10/2016, 21:42

Ottimo Nino e complimenti! :D

Un bell'inizio, Ci vuole gradualità, sia verso noi stessi che verso gli altri, sopratutto se si tratta del coniuge ;)

Ascolta quindi te stesso e presta attenzione all'ambiente. Lo scopo è farsi aiutare nelle nostre scelte anziché essere ostacolati.
"Ci sono solo due modi di vivere la vita: uno è il modo giusto, l'altro è quello sbagliato.
Il modo giusto consiste nel dare, nel dividere quello che si ha, nell'amare.
Il modo sbagliato è quello di prendere, di sfruttare, di accumulare"

Osho

Avatar utente
Walter_73
Messaggi: 130
Iscritto il: 30/06/2016, 7:01

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da Walter_73 » 12/10/2016, 22:24

Ciao Nino, benvenuto!
Partiamo da un presupposto la strada non è in salita ma in discesa quindi rallegratene!
Ottima scelta quella di non mangiare più proteine animali, fa solo bene al fisico e allo spirito. I poveri animali lasciamoli in pace evitando di ucciderli o di seviziarli o entrambe le cose assieme.
La strada è in discesa perché hai capito che la medicina allopatica non ha soluzioni, ma da solo tamponi che fanno peggio al nostro corpo.
Fai uno sforzo in più libera la mente e impara a controllala.
Sei tu che decidi cosa fare e cosa mangiare non lei non le altre persone.
Uscire dai ranghi e ragionare con la propria testa non è cosa comune ormai, ma spaventa, il diverso spaventa sempre. "io bevo il latte perché mi dicono che contiene calcio" dicono sempre tutti, certo peccato che te lo dice il marketing delle aziende mica il tuo corpo, e certo alle aziende non interessa il nostro benessere ma solo il loro portafoglio. Dove prendi le proteine che ti servono? insomma le stesse cretinate dette a macchinetta da tutti.
Sappiamo tutti gli effetti dei latticini nel nostro copro, devastanti, sappiamo in un po' meno persone cosa viene fatto alle mucche per produrre litri e litri di latte e formaggi annessi.
Quello che hai fatto è un buon inizio è etico e onorevole, ma se miri anche alla salute ( si lo so che tu parti da un problema di salute magari sei un grande cacciatore ;-)) insomma dicevo per la salute questo non basta.
Il primo passo è liberarsi totalmente da tutto quello a cui ci hanno abituati. I motivi per farlo sono svariati, ma parliamo del tuo stato di salute perché è di quello che hai scritto.
Immaginati a vivere in un isola deserta piena di belle piante da frutta ed ortaggi. Pensa a cosa faresti per nutrirti, mangeresti frutta a morsi e in teoria fruttortaggi a morsi, tutto crudo non andresti oltre, non potresti viversi da dio. Quello sarebbe l'optimis, mangiare solo alimenti pieni di energia vitale, pieni di enzimi. Tutto quello che viene dopo è solo un allontanarti dallo stato di salute. Certo sull'isola non ci sono distrazioni, non ci sono ristoranti,( ormai nelle grandi città si aprono solo ristoranti, non ci sono spot televisivi ne cartelloni pubblicitari), non ci sono perenni odori ammalianti nell'aria, insomma non ci sono tentazioni, ecco che torniamo al discorso di avere il controllo su noi stessi.
Immaginati una strada dove da un lato c'è l'isola deserta dalla parte opposta c'è il supermercato. Ecco i due opposti, salute contro malessere.
Più vuoi stare bene più devi mirare alla vita dell'isola, più vuoi ripulirti più crudo devi mangiare.
Frutta e verdura. Se però ti devi purificare, devi ripulire il toro copro da una candida o da un po' di anni di cortisone allora devi stare un po' più attento ad assumere nutrienti che ti mettano in sesto il colon, il fegato i reni, che ti rendano il sangue fluido e non grasso.
Elimina tutte le sostanze eccitanti, caffè bibite gassate alcol cioccolata. elimina tutto quello che viene prodotto in scatola e venduto nei supermercati e negozi. Sono alimenti pieni di schifezze, pieni di conservanti pieni di nitrati e nitriti , sostanze che sono veleno per il nostro corpo. Elimina il sale, ed il glutine, il glutine vabbeè che te lo dico a fare è colla pura. considera che sono napoletano e quindi per me la pizza era sacrosanta, dicevo cavolo mangio super sano non bevo più, la pizza no non la levo, ed ho usato fior fiore di farine solo integrali e semi, le ultime di un mulino superbo che macina a pietra. In più vedi la mente come prende spesso il sopravvento conscio che il glutine non andava bene cosa ho pensato di fare l'anno scorso mi sono comprato un forno per fare a casa la pizza napoletana. ahahahahahah, a settembre ho deciso e tra le lacrime di mia figlia ed ho detto basta glutine basta pizza forno venduto;-) Tutte le domeniche pizza , tutti i lunedì avevo 1,5 o anche 2 kg di peso in più che pendevo nel fine settimana. da quando ho smesso il mio peso il lunedì magari aumenta di 200 / 300 gr ma non di più e solo perché mi muovo un po' meno e mangio un po' più cotto visto che cucino per mia figlia.
Oddio spero di non averto spaventato sono un gran chiacchierone ;-)
Da parte mia quando vuoi chiedi che ti do volentieri dei consigli. Poi se vuoi un po' di informazioni degli acciacchi che hai avuto metti il naso nel blog di Valdo Vaccaro può sicuramente troverai tante risposte.
Ultima cosa e poi chiudo giuro.......su dimagrimento..... tutti hanno il terrore del corpo magro, i primis fanno tutti dei pensieri molto perversi a riguardo e specialmente al sud che te lo dico a fare, sappiamo che nei paesi un bambino che per il credo popolare sta bene è un bambino grasso non certo magro ahahahahahah, poi invece però tutti inseguono i modelli dettati dal consumismo i canoni dettati dai mas media, donne scheletriche fanno sotto sotto sclerale e mettere a dieta la maggior parte del sesso opposto, la maggior parte degli uomini sognano donne magre anche se poi stringi stringi all'atto pratico le preferiscono in carne. Siamo ben bizzarri vero?
beh per me un corpo in salute è un corpo asciutto con i giusti muscoli, con la pelle di un bel colore.
Quando all'inizio ho cominciato a studiare di alimentazione volevo anche avere una guida qualcuno che mi consigliasse, cercavo un nautropata o qualche cosa del genere, contemporaneamente mi imbatto nel blog di Valdo e trovo anche un medico specializzato in medicina bio molecolare. Mi interessavano entrambe le cose che dicavano all'epoca, a parte il fatto che sono stato rapito dalla semplicità del pensiero igienista ma poi mentre cercavo di studiare il pensiero di queste due persone mi imbatto nelle foto di Valdo e del medico. Valdo bello asciutto con un bel colorito di pelle e sempre pimpante, il medico biomolecolere grasso e bianco involto. Non c'è stato dubbio alcuno per me , a parte quello che diceva era sicuramente più sano Valdo Vaccaro che l'altro dottore. e mi sono detto come posso chiedere di alimentazione ad una persona che è palesemente poco in forma, come può far stare bene me se non si cura lui in primis?

Scusa per lo sproloquio, se hai bisogno fai un fischio ;-9

Avatar utente
nino#
Messaggi: 87
Iscritto il: 24/09/2016, 7:18
Località: Reggio Calabria

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da nino# » 13/10/2016, 9:54

Grazie mille Walter! :)

Condivido pienamente tutto quello che hai scritto. Molte cose le ho sempre pensate, ancora prima di sentire parlare di questo tipo di diete...
Penso sinceramente che il mondo sia impazzito, avendo messo il profitto in cima a tutte le priorità. Il profitto se ne frega della salute, della natura, dell'ambiente, della vita stessa; il profitto riesce a frenare anche i progressi tecnologici (un esempio su tutti: Tesla!); il profitto, secondo me, è IL MALE!

Ti ringrazio anche per avermi indirizzato al blog di Valdo Vaccaro, che, avendone già sentito parlare, contavo di visitare.
Vi ho trovato pagine interessantissime, tra l'altro, su alcuni argomenti che stanno un po' monopolizzando la mia attenzione e che, onestamente, mi hanno anche spinto a sperimentare personalmente questo cambio radicale nell'alimentazione.
Ho una figlia che da diversi anni soffre di rettocolite ulcerosa, associata a piastrinopenia. Naturalmente viene bombardata di farmaci, senza alcun effetto, se non nell'immediato; di recente, un ematologo ha osato parlarle di un'eventuale splenectomia e lei si sta fissando a tale riguardo! Io sono diventato una furia! Ma è maggiorenne e la decisione spetta a lei.
Una cosa che mi fa imbestialire è che, in tutto questo tempo, nessun dottore le ha parlato dell'importanza dell'alimentazione! Anzi, per essere precisi, una volta un gastroenterologo le ha raccomandato di stare lontano dalle verdure ed ora lei associa a verdure tutto ciò che è vegetale, mangiando pochissima frutta, quasi per niente le verdure e ingozzandosi di tutte le porcherie possibili e immaginabili.
Io sto cercando in tutti i modi di farle cambiare alimentazione (le ho inviato anche i link degli articoli di Valdo, proprio stamattina, in seguito al tuo consiglio), ma è dura...! :(
L'uomo, per essere libero, dovrebbe prima rendersi conto di non esserlo.
Il genere umano, infatti, non solo è schiavo del profitto, ma è anche costantemente plagiato e frastornato da un'immane mole di menzogne, allestita ed alimentata allo scopo preciso di blindare il sistema del mercato.

Avatar utente
Walter_73
Messaggi: 130
Iscritto il: 30/06/2016, 7:01

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da Walter_73 » 13/10/2016, 23:41

nino# ha scritto:Grazie mille Walter! :)
Condivido pienamente tutto quello che hai scritto. ................. :(
Ciao Nino , hai ragione purtroppo è dura specialmente se una persona è grande. Io spero di aver preso con i tempi giusti mia figlia, anche se pure con lei è difficile farle capire certe dinamiche, ma solo perché mi chiede ancora di mandare ingoi tanto un gelato o mangia poco crudo oppure perché miagola se sente parlare di fritto, vabbè io sono più o meno rigoroso lei ha 12 anni, ma per fortuna è animalista sfegatata e ci siamo guardati tanti documentari sul genere, quindi sulla proteina animale zero spaccato. Pensa che la settimana scorsa io non riuscivo proprio a vedere Earthlings quindi abbiamo spento poi il giorno dopo mi ha chiesto lei di poterlo vedere tutto.
Sulla salute che dire ogni uno segue la sua strada. Mia sorella è piena di acciacchi, ommeglio a me sembra che ogni anno o due c'è qualche cosa di nuovo, ma niente da fare medici e medicine si, una bella cura super natural non se ne parla proprio.
Durante il corso di laurea in medicina i laureandi fanno un esame uno di alimentazione, ti ho detto tutto.
Parlando con una mia amica specializzando in cardiologia, quando le dissi che avevo cominciato a seguire il pensiero Igienista pensava che stessi parlando dell'igiene orale, volevo morire quella sera, ero imbarazzato io per lei. Considera che la maggior parte delle volte gli infarti vengono a causa di una alimentazione sbagliata, e con una salutare invece, si prevengono eccome gli infarti, quindi forse un cardiologo la prima cosa che dovrebbe fare sarebbe quella di studiare gli effetti dell'alimentazione sul corpo umano poi il resto no? Ma così si arricchirebbero troppe poche persone no?
I gastroenterologo poi vabbè non capiscono un tubo, io ad una visita da un gastroenterologo dopo che mi disse che le emorroidi non erano collegate al cattivo funzionamento di colon ed intestino, dissi tra me e me vabbè questa è la prima ed ultima volta che vado da un dottore e così ho fatto. Avevo le mani nei capelli!
Invece di mandare link a tua figlia che se non è interessata non leggerà mai, prova ad informarti bene tu e portarle degli esempi pratici magari è più semplice convincerla.
Io per far capire a mia figlia che le crocchette di pollo del Mc Donald erano monnezza allo stato puro, le spiegai prima come venivano fatte e poi andai di piatto e le feci vedere i filmati di come venivano fatte. Bersaglio colpito al primo colpo. Ovvio che Mc Donald lo ha conosciuto non per merito mio ahahahahahahaha. Viola aveva 6 anni fu molto brava.
Tua figlia avrebbe proprio bisogno invece di far girare i sistema immunitario a mille ed avere un bel sangue fluido.....cose che si ottengono solo con una dieta vegan crudista, che comprende anche tanti estratti pieni di carote e foglie verdi.

Avatar utente
nino#
Messaggi: 87
Iscritto il: 24/09/2016, 7:18
Località: Reggio Calabria

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da nino# » 14/10/2016, 8:32

[OT]
Grazie ancora Walter.
Io ho due figlie, a cui non ho mai imposto nulla sulle scelte di vita (in merito all'educazione sì, certo), ma ho cercato sempre (anzi abbiamo cercato, io e mia moglie, soprattutto lei...) di insegnare loro le cose con l'esempio. Ed ecco anche perché, come avevo già accennato, ho deciso di sperimentare personalmente il cambio di alimentazione. Spero però di non essere frainteso: con questo non voglio sminuire l'importanza di questa scelta; intendo che l'esempio per me costituisce uno stimolo aggiuntivo per il cambiamento stesso.

Ma ora è giusto che entri in topic, ovvero di esporre una sorta di diario. Non vi aspettate post regolari e dettagliati. Mi limiterò a riportare, per sommi capi, gli alimenti nel complesso, le variazioni e i progressi (spero)...
[/OT]

DIARIO:
La sera del 29 settembre ho cenato fuori, in un ristorantino specializzato nel pesce. Era una cenetta prenotata e quindi non ho voluto disdire (soprattutto per la famiglia; mia figlia partiva dopo pochi giorni...), ma già da una settimana circa non toccavo più carne e pesce ed avevo ridotto tantissimo gli alimenti di origine animale. Da allora niente più carni.
Da una decina di giorni, poi, stop anche a formaggi, uova, etc... Ero goloso di formaggio, ma, una volta tolto, è semplicissimo farne a meno (almeno, a me sembra semplice...).
Sì, forse ho bruciato un po' le tappe. Ma non mi sembra di aver riportato vistose conseguenze, anche perché (secondo me), il mio organismo era già un po' disintossicato, per l'aver eliminato da anni ciò che per me era più distruttivo (zucchero e lievito di birra).
Gli unici sintomi di cui ho risentito i primi giorni consistevano in una certa sonnolenza, un po' di capogiro e un ronzio alle orecchie. Ma questi sintomi hanno in me una certa ricorrenza e credo siano correlati all'artrosi cervicale, di cui un po' soffro.

Ma veniamo all'alimentazione di questi giorni:

Premetto che la mattina, appena sveglio (6.30 circa), pratico l'oil pulling.

Mattina - prima colazione (7.00 circa)
- un bicchiere di succo 100% frutta (alterno tra pompelmo, frutti rossi, mela limpida, tropical); purtroppo si tratta di succhi da supermercato, ma è una scelta temporanea, in attesa di attrezzarmi di centrifuga...
- una tazzina di caffè; lo so, lo so, ma per ora mi serve a svegliarmi un po'; pensate che ne prendevo almeno tre al giorno ed ora sono sceso ad uno; prendo il caffè 100% arabica, che si dice faccia molto meno male; lo addolcisco con un cucchiaiono di xilitolo (amaro non mi piace; lo xilitolo dovrebbe essere uno dei pochissimi dolcificanti sicuri...).

Mattina - seconda colazione (di hobbittiana memoria :lol: - circa 10.00/10.30):
-frutta (solitamente una o due banane, oppure una mela; ieri ho trovato le carrube ed oggi mi sono portato una banana e due carrube; quando cominceranno le arance, non avrò dubbi sulla scelta...).

Pranzo (13.00 - da un po' non torno a casa, ma mangio passeggiando in riva al mare, dato che il mio ufficio, fortunatamente, si trova su quello che molti definiscono il più bel lungomare d'Italia):
- frutta frutta frutta (cerco di mantenere l'omogeneità: o tre belle mele, o un chilo circa d'uva...; l'altro giorno, due renette e due mele-cachi);
- per dessert (da qualche giorno) un po' di uvetta sultanina.

Oggi a pranzo, però, sgarro: torno a casa a mangiare i fagioli cannellini con la scarola riccia. Lo so, lo so, ma mia moglie ha detto: "Se vieni, faccio i fagioli bianchi con la scarola, altrimenti che li faccio solo per me?". E che dovevo fare? :roll:

Merenda (varia in base all'orario di rientro a casa, diciamo tra le 16.30 e le 17.30):
- frutta (e che ve lo dico a fare?) - vario, cercando di scegliere categorie diverse rispetto al pranzo; di solito un paio di pere o di mele o uva...; ieri due clementine (ancora non sono il massimo: è presto).

Cena (circa 20.00) - dolenti note:
Nella migliore delle ipotesi, quando mia moglie mangia qualcosa di rpoibito per me, mi faccio un'insalatona, condendola solo con succo di limone e origano; di solito metto lattuga, rucola, carota, pomodori datterini, sedano, finocchio... Mi piace mettere anche le pere coscia a tocchetti (è sbagliato? Lo faccio per creare un dolce contrasto).
Altrimenti, purtroppo, o pasta (rigorosamente vegan: ieri sera penne all'arrabbiata) o pizza (la faccio io col lievito madre liofilizzato) o piadina (la faccio io con ingredienti semplici; per me comunque farcita vegan) o verdure al vapore (una sera ho fatto patate, carote e prezzemolo al vapore: sono piaciute tanto anche a mia moglie; io sono rimasto sorpreso dal fatto che erano buonissime anche non condite...); sere fa..., patatine fritte! :oops:

Queste sono le mie attuali giornate tipo a livello di alimentazione.
Come sensazioni, a parte quei malesseri che ho avvertito all'inizio (e che, ripeto, può darsi non c'entrassero affatto con l'alimentazione), devo dire che sto decisamente megliio rispetto a prima: una cosa per me evidentissima è che, dopo una giornata stressante in ufficio (sto in una specie di ufficio sperimentale in cui si fa un super lavoro e lo stress è all'ordine del giorno...), di solito tornavo a casa stanco morto, mentre adesso sono fresco come le rose. Altri parametri per me sono la bici e le lunghe camminate (che mi piace molto fare): ora mi stanco molto meno rispetto a prima! :)

Mi scuso per la logorrea: si tratta dell'entusiasmo iniziale. Prometto di essere più stringato per il seguito...
L'uomo, per essere libero, dovrebbe prima rendersi conto di non esserlo.
Il genere umano, infatti, non solo è schiavo del profitto, ma è anche costantemente plagiato e frastornato da un'immane mole di menzogne, allestita ed alimentata allo scopo preciso di blindare il sistema del mercato.

Avatar utente
Akira
Messaggi: 789
Iscritto il: 26/02/2011, 12:41

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da Akira » 14/10/2016, 8:44

Non ci hai detto la tua età! Sempre se vuoi renderci partecipi!
:-)

Avatar utente
nino#
Messaggi: 87
Iscritto il: 24/09/2016, 7:18
Località: Reggio Calabria

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da nino# » 14/10/2016, 10:20

L'avevo accennato in presentazione: ben 54.
Ma, a detta di tutti, non li dimostro. :D
L'uomo, per essere libero, dovrebbe prima rendersi conto di non esserlo.
Il genere umano, infatti, non solo è schiavo del profitto, ma è anche costantemente plagiato e frastornato da un'immane mole di menzogne, allestita ed alimentata allo scopo preciso di blindare il sistema del mercato.

Avatar utente
Akira
Messaggi: 789
Iscritto il: 26/02/2011, 12:41

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da Akira » 14/10/2016, 10:26

Bene! L'importante è l'età biologica e non quella anagrafica!!!

Avatar utente
nino#
Messaggi: 87
Iscritto il: 24/09/2016, 7:18
Località: Reggio Calabria

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da nino# » 14/10/2016, 10:37

Siccome la mia lista di prima era troppo sintetica ( :lol: ), ho dimenticato di dire che, tutte le sere, per la mia famiglia è tradizione ormai consolidata da diversi anni chiudere la giornata con una buona tisana rilassante! Vario su diversi tipi: sono tisane bio di buona qualità, prese dalla mia naturopata di fiducia. :)
L'uomo, per essere libero, dovrebbe prima rendersi conto di non esserlo.
Il genere umano, infatti, non solo è schiavo del profitto, ma è anche costantemente plagiato e frastornato da un'immane mole di menzogne, allestita ed alimentata allo scopo preciso di blindare il sistema del mercato.

Avatar utente
nino#
Messaggi: 87
Iscritto il: 24/09/2016, 7:18
Località: Reggio Calabria

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da nino# » 14/10/2016, 19:47

Per compensare i fagioli con la scarola del pranzo, stasera tiramisù crudista: strati di banana affettata, alternati ad una crema di mela, banana e limone passata al minipimer. Se poi si ha della farina di carrube da spolverare sopra, l'effetto tiramisù è garantito. ;)
È una ricettina che avevo trovato in un libro anni fa e che avevo già provato a fare in precedenza...
E, per finire, tisana ai tre zenzeri.
L'uomo, per essere libero, dovrebbe prima rendersi conto di non esserlo.
Il genere umano, infatti, non solo è schiavo del profitto, ma è anche costantemente plagiato e frastornato da un'immane mole di menzogne, allestita ed alimentata allo scopo preciso di blindare il sistema del mercato.

Avatar utente
Walter_73
Messaggi: 130
Iscritto il: 30/06/2016, 7:01

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da Walter_73 » 14/10/2016, 23:26

:D
nino# ha scritto:Per compensare i fagioli con la scarola del pranzo, stasera tiramisù crudista: strati di banana affettata, alternati ad una crema di mela, banana e limone passata al minipimer. Se poi si ha della farina di carrube da spolverare sopra, l'effetto tiramisù è garantito. ;)
È una ricettina che avevo trovato in un libro anni fa e che avevo già provato a fare in precedenza...
E, per finire, tisana ai tre zenzeri.
Oddio che buono questo tiramisù!
Finalmente mi è arrivato il primo carico di mele, domenica provo.
Buoni anche i fagioli con la scarola, in puglia li fanno con le cime. Adorissimo! Per me non è uno sgarro.
Se mi permetto vorrei fare una correzione a quello che hai scritto, non esistono cibi proibiti. Ci sono cibi che fanno bene e cibi che fanno male a nostro corpo, che decidiamo o meno di mangiare. Ti mangi le patatine fritte ........ahahahah.
Scusa ma il lungomare piu bello d'Italia non è a Mergellina!!! Ahahahahah

Avatar utente
nino#
Messaggi: 87
Iscritto il: 24/09/2016, 7:18
Località: Reggio Calabria

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da nino# » 15/10/2016, 7:16

In quello che sto mangiando in questi giorni c'è però qualcosa che mi fa star male, a livello intestinale. :roll:
In effetti non è che stia proprio male, ma mi sa che qualcosa fa da lassativo... E' strano, però, perché sto mangiando tante mele (e cachi-mela...).
Potrebbe essere l'uva? Sto mangiando tanta uva, tra nera e rossa.

[OT]
Walter_73 ha scritto:...Scusa ma il lungomare piu bello d'Italia non è a Mergellina!!! Ahahahahah


Eheh non lo dico io. Addirittura lo definiscono il chilometro più bello d'Italia (ma la citazione da D'Annunzio pare non sia vera): https://www.tripadvisor.it/ShowUserRevi ... abria.html
Per il lungomare, qualcuno dice anche Salerno (che ho visto: bello sì, ma non so se sia più bello), San Benedetto del Tronto...
Comunque sia, il nostro è bello bello (le foto non rendono, perché bisogna calarlo nello scenario dello stretto; poi è strutturato su diversi livelli...):

Immagine
Immagine
Immagine

Inoltre (non lo dovrei dire qui :D ),ci sono le migliori gelaterie d'Italia: http://www.meteoweb.eu/2016/07/la-migli ... ca/722167/ . E quella lì citata secondo me non è nemmeno la migliore che c'è, tanto per dire...
[/OT]
L'uomo, per essere libero, dovrebbe prima rendersi conto di non esserlo.
Il genere umano, infatti, non solo è schiavo del profitto, ma è anche costantemente plagiato e frastornato da un'immane mole di menzogne, allestita ed alimentata allo scopo preciso di blindare il sistema del mercato.

Avatar utente
Walter_73
Messaggi: 130
Iscritto il: 30/06/2016, 7:01

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da Walter_73 » 15/10/2016, 23:13

Ahahahahah dai che scerzavo, non ci sono mai stato, la calabria è una regione a me scinosciuta.
Ho visto quello che hai scritto.
Vediamo se quello che ti dico é pertinente, se tu stai mangiando tanta frutta forse ci può stare. La frutta è altamente disintossicante. In piu se hai mangiato una vita intera da onnivoro magari intestino e colon non sono tanto in ordine, quindi devi tenere da conto che ci vuole un po di tempo prima che si rimetta tutto a posto?
Io sono partito a maggio 2014 e da agosto ho notato stabilita nelle mie ndate in bango.
A giugno tutti gli anni faccio la cura delle ciliegie, sai che sono disintossicanti al pari dell'uva no?
Se ricordo bene ere in portogallo quando ho cominciato quest'anno, e i primi giorni andavo in bagno molto male, molto morbido liquido e con fermentazione, secondo me stava ranzando un po,tieni presente che nonostante la mia dieta semi rigorosa, io da ottobre a giugno tutte le domeniche facevo grandi scorpacciate di pizza casalinga. E quindi forse avevo bisogno di oulire un po.
Potrebbe essere quello piuttosto che un frutto in particolare. Che dici?

Ha per la gelateria io cerco di andarci il meno possibile. Ecco forse le scorpacciate di gelato mi mancano un pò, ma lo zucchero lo evito come la peste. Faccio il gelato a casa ma usando come base la banana non ho tanta scelta di gusti. Si puo fare anche usando gli anacardi ma essendo alto proteici evito.
Sicuramnte nn posso fare il mio gusto preferito, il pistacchio anche se mi sono ripromesso di comprare la pasta al pistacchio e provarci. Ultimamente ho fatto quello al the matcha non male.
Comunque a Milano abbiamo una gelateria veg che è da urlo e il pistacchio è fatto stile sorbetto super buono.

Ritornando alla frutta se decidi di farti una detox a uva 5-6-7 giorni scarta semi e buccia, i semi graffierebbero l'intestino la buccia farebbe da tappo, se fai solo 3 giorni invece va liscio come l 'olio.

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da Luca » 16/10/2016, 8:42

Walter_73 ha scritto: Ritornando alla frutta se decidi di farti una detox a uva 5-6-7 giorni scarta semi e buccia, i semi graffierebbero l'intestino la buccia farebbe da tappo, se fai solo 3 giorni invece va liscio come l 'olio.
Interessante osservazione ;) bravo

Poi dipende sempre lo stato da cui si parte..... ma sono ragionamenti che dovremmo sempre fare
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

Avatar utente
nino#
Messaggi: 87
Iscritto il: 24/09/2016, 7:18
Località: Reggio Calabria

Re: Diario di Nino: tentativo di transizione

Messaggio da nino# » 17/10/2016, 6:51

Il weekend, almeno per i pasti principali, è stato all'insegna del cotto, ma comunque rigorosamente veg (funghi, gnocchi con spinaci e porro, melenzane grigliate, cipolle e pomodorini in agrodolce...).

Ho trovato degli ottimi fichi secchi e ora so cosa mangiare negli intermezzi! :D

Stamattina primo giorno senza caffè: per ora non ne sento la mancanza.

Ci aggiorniamo. :)
L'uomo, per essere libero, dovrebbe prima rendersi conto di non esserlo.
Il genere umano, infatti, non solo è schiavo del profitto, ma è anche costantemente plagiato e frastornato da un'immane mole di menzogne, allestita ed alimentata allo scopo preciso di blindare il sistema del mercato.

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2642
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Diario di Nino: transizione

Messaggio da Luca » 17/10/2016, 22:19

nino# ha scritto:Stamattina primo giorno senza caffè: per ora non ne sento la mancanza.
Nino , in transizione potresti provare ad abituarti anche a nuovi sapori che tamponerebbero la richiesta psicologica del caffè...
come per esempio il caffè di orzo , o il caffè di carruba ;)
Basta scaldare acqua e aggiungerci un cucchiaino di queste polveri.

invece per l'effetto stimolante del caffè potresti passare al the verde che è a mio avviso molto più leggero ;)
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

Rispondi