Diario di Medha: problemi con la digestione in transizione

Qui puoi raccontare, condividere le storie del tuo cammino di transizione Fruttista, dei tuoi successi evolutivi personali, delle tue sperimentazioni con la dieta Fruttaliana, vegan frutto vegetale.
Medha
Messaggi: 55
Iscritto il: 03/03/2016, 19:49

Re: Diario di Medha: problemi con la digestione in transizione

Messaggio da Medha » 20/10/2016, 10:07

Ahahah!

Poi è qui in Inghilterra che mi rompono di più, quello che mangiano farebbe paura anche a un italiano medio. Mi limiterò a dire: "In Italia mangio, non ti preoccupare..." :D

Medha
Messaggi: 55
Iscritto il: 03/03/2016, 19:49

Re: Diario di Medha: problemi con la digestione in transizione

Messaggio da Medha » 28/10/2016, 14:10

Volevo aggiornare i miei obbiettivi.

Ho cominciato a disintossicarmi e a cercare la verità in una dieta ideale il gennaio scorso. Sono passati dieci mesi. Le diete di transizione possono durare anche di più. Voglio tenere a mente che sono in transizione, ma voglio anche dire alla mia mente: rilassati, ora mangi questi cibi che ti fanno stare bene, poi quando sentirai di non volerli più, li abbandonerai.
In questo modo evito anche di forzarmi, di crearmi "alimenti tabù", di mangiare schifezze come reazione alla forzatura e a degli obbiettivi da rispettare assolutamente (sono un po' perfezionista, invece devo imparare a lasciar fare).

Ora mi piacciono molto:
- frutta e verdura cruda, alcune verdure cotte, talvolta le mele cotte.
- il riso orientale
- il riso integrale non mi piace proprio, ma magari delle volte lo sostituisco al riso orientale, vediamo...
- i legumi: ceci, lenticchie, fagioli
- la cioccolata fondente di buona qualità
- le erbe e alcune spezie (mi trovo bene con la curcuma, la cannella, i fiori di garofano, talvolta il chilli)
- mi piacciono meno i semi e la frutta oleosa, credo che sarà il primo tipo di cibo a venire abbandonato... Non ne mangio più di tre volte a settimana...
- non spesso uso olio di oliva, di cocco, burro chiarificato (senza lattosio) ancora più raramente

Eccezioni rare (da vivere con rilassatezza!):
- pastasciutta integrale
- dolci praticamente con ingredienti vegani, ma capita con aggiunta di uova
- pizza marinara (solo in posti dove so che usano lievito naturale e una buona farina... quindi solo in Italia in alcuni posti... Oppure la pizza di casa :-))

Evitati assolutamente:
- i fritti, che mi fanno stare male
- i latticini, che mi fanno stare MOLTO male
- i prodotti industriali, che sono inutili
- il glutine per quanto possibile
- i funghi, che proprio non mi vanno giù

Non mi do dei tempi, potrei andare avanti così per altri 10 mesi. Oppure no. Vediamo! :)

Medha
Messaggi: 55
Iscritto il: 03/03/2016, 19:49

Re: Diario di Medha: problemi con la digestione in transizione

Messaggio da Medha » 28/10/2016, 23:31

Wow!! Ho riletto tutto il mio diario, non posso credere ai miglioramenti e ai successi!!! La mia stessa vita è diversa ora, ma non mi sono mai fermata a pensarci! Nella mia vita quotidiana non esistono più stanchezza, irritazione, nervosismo. Faccio un sacco di pensieri positivi. O per lo meno rispondo agli eventi con più ironia! Eccetto quando ho forti stress (troppi impegni) e dovrei solo riposare.

Il mio corpo è più intelligente, cerca cibo vero, tutto questo è diventato naturale. Mi gusto il cibo che mangio, la frutta la verdura, ma anche il riso e la cioccolata, anche se talvolta ne farei a meno. Ho scoperto nuovi tipi di frutta e verdura! Oltre alle mele, banane, arance, ora mangio anche mango, ananas, mirtilli, lamponi... E non faccio la lista delle verdure! Mangiare è diventato qualcosa di molto più colorato.

Avatar utente
Luca
Amministratore
Messaggi: 2641
Iscritto il: 01/02/2011, 14:44
Località: ROMA
Contatta:

Re: Diario di Medha: problemi con la digestione in transizione

Messaggio da Luca » 29/10/2016, 10:28

Medha ha scritto:Wow!! Ho riletto tutto il mio diario, non posso credere ai miglioramenti e ai successi!!! La mia stessa vita è diversa ora, ma non mi sono mai fermata a pensarci! Nella mia vita quotidiana non esistono più stanchezza, irritazione, nervosismo. Faccio un sacco di pensieri positivi. O per lo meno rispondo agli eventi con più ironia! Eccetto quando ho forti stress (troppi impegni) e dovrei solo riposare.

Il mio corpo è più intelligente, cerca cibo vero, tutto questo è diventato naturale. Mi gusto il cibo che mangio, la frutta la verdura, ma anche il riso e la cioccolata, anche se talvolta ne farei a meno. Ho scoperto nuovi tipi di frutta e verdura! Oltre alle mele, banane, arance, ora mangio anche mango, ananas, mirtilli, lamponi... E non faccio la lista delle verdure! Mangiare è diventato qualcosa di molto più colorato.
Fantastico Medha :D :D :D Che bello leggere queste tue parole ....
A volte non ci accorgiamo dei miglioramenti se non rileggendoci .. e questo il bello dei Diari, anche io a volte mi rendo conto di quanto sia migliorato in moltissimi aspetti rispetto a quando iniziai ;)
TUTTO E' POSSIBILE CON LA PRATICA,LA COSTANZA E L'ALLENAMENTO !
Immagine Visita La nostra pagina INNERCLEAN ITALIA e seguici anche sul nostro canale YOUTUBE

Medha
Messaggi: 55
Iscritto il: 03/03/2016, 19:49

Re: Diario di Medha: problemi con la digestione in transizione

Messaggio da Medha » 06/11/2016, 20:34

Grazie per questo spazio!

Ora che non sto più pensando all'obbiettivo, sto regolando la mia dieta secondo quello che mi attira di più. Non ci sono molte differenze rispetto a prima.

MATTINO
acqua tiepida e limone
COLAZIONE (a qualsiasi ora, a distanza di almeno un'ora dal pranzo e di almeno 14 ore dalla cena del giorno precedente)
frutta (massimo due tipi) frullata
PRANZO
legumi o cereali + verdure crude + olio/sale/erbe/curcuma
MERENDA
Se la faccio, si tratta di una mela almeno un'ora prima della cena e almeno cinque ore dopo il pranzo
CENA
farinata o riso + verdure crude + olio/sale/erbe/curcuma

SALTUARIAMENTE
cioccolata fondente

DIGIUNO UN GIORNO ALLA SETTIMANA (36 ore) Se non me la sento, interrompo con una mela.

* verdure cotte: non mi attirano molto
* frutta: più di una volta al giorno non mi attira (eccezione: mele)
* cereali: riso orientale, riso integrale, pasta integrale, miglio, cous cous
* legumi: lenticchie, ceci, fagioli
* farine: farina di ceci, farina di grano saraceno
* grassi: olio d'oliva, raramente olio di cocco, cioccolata, olive, se mi va noci ma non mi piacciono, forse compro di nuovo l'integratore di semi di lino e avocado; semi quando mi va
* spezie: mi va la curcuma
* caffè d'orzo, integratore erboristico di sali minerali (ne sento il bisogno)

Devo ingrassare, perciò mangio 50% frutta e verdura e 50% legumi/cereali/grassi.

Non mi piacciono più latte di soia, di riso etc. e oltretutto iniziano a infastidirmi ---> altro alimento eliminato

STILE DI VITA
Ho eliminato alcune attività e "hobby" per tenere solo quelle fondamentali, così non mi stresso con troppe attività dispersive. Sono giunta a questo dopo un digiuno. Sono molto contenta di ciò...
Cerco il più possibile di rimanere fedele a ciò che mi è familiare, poiché questo mi crea meno stress ma l'ho capito solo ultimamente (vivo all'estero): cibo biologico italiano, letto fatto all'italiana, doccia solo la sera prima di andare a dormire, cosmetici bio italiani per lo più (profumi, forma... tutto concorre al senso di familiarità), libri in italiano (non solo in lingua straniera), controllare il quotidiano italiano tutti i giorni, quando possibile guardare programmi tv italiani (le rare volte che "guardo la tv" dal pc), non solo in lingua straniera...
Il resto invariato.

Medha
Messaggi: 55
Iscritto il: 03/03/2016, 19:49

Re: Diario di Medha: problemi con la digestione in transizione

Messaggio da Medha » 03/02/2017, 23:03

Yeah, rieccomi!

Non sto assolutamente controllando ciò che mangio, la situazione più o meno la stessa, eccetto per il fatto che quello che mangio è diventata una naturale abitudine :)

- frutta cruda tutti i giorni
- verdure crude e cotte tutti i giorni
- legumi una volta al giorno
- varie volte a settimana riso
- cioccolata fondente
- latte di soia
- talvolta semi e noci
- olio d'oliva

Ogni tanto faccio eccezioni senza "sensi di colpa", non capitano spesso, ma nemmeno le conto e sto a segnarmele nel diario. Spesso mi pesano a livello di stomaco, soprattutto le uscite al ristorante, che tento in ogni modo di evitare:

- mangiare al ristorante con amici in posto dove non posso limitarmi a prendere della verdura semplice (in un ristorante ci sono riuscita, la cena migliore di tutte)
- inviti a casa di amici (ma sanno che mangio legumi e verdure... e cioccolata)
- una volta al mese mi capita pesce, ma presto ci rinuncerò per sempre, sono pur sempre animali che soffrono, e questo ora mi colpisce di più del sapore e del valore culturale che ha il pesce per me
- tè indiano col latte vaccino... (categoria: vizi)
- burro per cucinare le crepe di riso indiane... (categoria: vizi)

Inoltre cerco di badare a quanti alimenti mangio che poi si trasformano in semplice zucchero nel corpo, ovvero lo zucchero, miele etc. e i cereali raffinati. Mi sto abituando al riso integrale (dopo quasi dieci anni che tento di farmelo piacere, ho trovato la marca di riso biologico integrale che mi piace), ogni tanto metto il miele nell'infuso o lo zucchero nel tè indiano (dai, gli sgarri fanno parte della vita!).

Non so se riuscirò mai a rinunciare a legumi e riso, ma quei giorni in cui non devo lavorare e me ne vado in giro, senza portarmi dietro altro che mele e mandarini, sono felicissima! Mangio quasi sempre almeno il 60% di frutta e verdura, mai il 100% perché non sono abituata, ma ora sono certa che un giorno verrà da sé ;)

Sono andata anche dalla psicologa sei volte per un problema che si è districato, e già nell'ultima settimana cerco molto molto meno il cibo per confortarmi. Infine, devo andare dal gastroenterologo la settimana prossima.

Riaggiorno presto!! :)

Avatar utente
Akira
Messaggi: 789
Iscritto il: 26/02/2011, 12:41

Re: Diario di Medha: problemi con la digestione in transizione

Messaggio da Akira » 06/02/2017, 10:50

Sono molto felice per te! Ti ammiro perché riesci a non cercare il cibo per consolarti.

Medha
Messaggi: 55
Iscritto il: 03/03/2016, 19:49

Re: Diario di Medha: problemi con la digestione in transizione

Messaggio da Medha » 25/02/2017, 17:54

Più o meno, sai!

Non sto mangiando proprio benissimo, mi sto ingolfando. Penso sia dovuto all'inverno. Sono certa che il nord Europa non abbia un clima adatto per gli esseri umani... !

Generalmente ora mangio:

mattino
acqua e limone
2 mele/o crepe di riso con una mela

pranzo
legumi frullati con olio, sale, erbe
sedano, carote, spinaci (non tutti e tre insieme, due alla volta)

pomeriggio
***anarchia***
adesso che si stanno allungando le giornate, comunque, capita che mangio frutta
altrimenti di tutto: snacks indiani, cioccolata, cioccolata calda, riso...

cena
verdure cotte
altro (cioccolata o noci)

Spero che ora che qui fa luce alle 6 del mattino e buio dopo le 18 vada meglio, come ogni anno!
Non sento di essere peggiorata... è solo l'inverno che mi fa mangiare molti cibi carichi (cioccolata, cioccolata calda, snacks indiani o all'avena)
Posso comunque riconfermare che i prodotti animali mi sono indigesti (a parte il burro indiano, ghee, che mi piace veramente tanto), i cereali mi sono pesanti ma, essendo abituata a mangiarne grandi quantità come penso tutti in Italia, ogni tanto mangio senza drammi riso indiano, riso integrale, miglio, e se cucino (mi piace cucinare con amici/amiche...) riso soffiato con cioccolato o barrette di avena, ma raramente. Noci e semi non mi piacciono tanto, li mangio tentando di sostituirli a cereali e legumi; non credo di digerirli bene. Mangio come parte integrante della mia dieta i legumi, non mi forzo di toglierli, ma ora li devo frullare e farne una crema per digerirli meglio. Non perché ho problemi a digerirli, ma perché sento sempre di più che voglio mangiare solo frutta e verdura preferibilmente cruda.
Vorrei tanto limitarmi a frutta, verdura, legumi, erbe, olio e cioccolata. Perché si sta meglio!!!
Idea per il futuro: dato che sono golosa di ghee e olio, sto pensando di non privarmi di essi, di non forzarmi a farlo e di non biasimarmi se li uso anche in buone quantità. In modo tale sarà più facile rinunciare ad altri cibi "cuscinetto". La cioccolata fondente non si tocca!! Non avrò un corpo sano al 100% in futuro, ma son sicura che non dovrò aspettarmi malattie a causa 3-4 quadretti di cioccolata fondente biologica al giorno.

Ho visto un video di una gastroscopia. Non riesco a immaginarci nient'altro che frutta e verdura là dentro :shock: :shock: :shock:

Confusionaria come al solito, scrivo la lista di cibi per la primavera ^_^

Ogni giorno:
frutta cruda (max 3-4 pezzi al giorno) - 20%
verdura cruda (almeno una volta al giorno) - 20%
verdura cotta (al massimo una volta al giorno, a meno che abbia mal di stomaco per qualche motivo) - 20%
legumi biologici preferibilmente italiani
20%

Quando mi va (tutti i giorni o anche no) 20%:
cioccolata
olio
ghee
erbe
spezie va bene, ma in piccole quantità, e no al piccante
noci e semi


Ogni tanto:
riso integrale ben cotto biologico italiano
miglio integrale biologico italiano


Da eliminare :-(
riso bianco
torte di compleanno, biscotti offerti, cioccolata non di qualità


Ora mi faccio meno problemi a rifiutare il cibo offerto, stasera sono invitata all'Hard Rock Cafè, ho già cenato e dirò solo che ho mal di pancia, ahah!

Avatar utente
Akira
Messaggi: 789
Iscritto il: 26/02/2011, 12:41

Re: Diario di Medha: problemi con la digestione in transizione

Messaggio da Akira » 03/03/2017, 11:37

Ormai i miei amici (quelli veri) lo sanno che mangio solo frutta e verdura e mi accettano anche se non mangio come loro.

Rispondi